Salute 20 Luglio 2022 17:08

Vacanze a quattro zampe, i consigli per un’estate no stress insieme ai nostri migliori amici

Insieme ad Antonio Sorice (presidente SIMEVEP) scopriamo tutto quello che c’è da sapere per il benessere estivo degli animali domestici

Vacanze a quattro zampe, i consigli per un’estate no stress insieme ai nostri migliori amici

Un caldo insolitamente torrido ha già da tempo fatto da apripista alla stagione vacanziera di quest’anno, con il suo bagaglio di aspettative, organizzazioni e piccoli imprevisti. Che sia al mare o in montagna, in campagna o in città, la lunga estate 2022 è iniziata per tutti, anche per i nostri animali domestici, pronti a seguirci in capo al mondo o a restarci accanto nei pigri pomeriggi estivi nostrani. Grazie ai preziosi consigli del dottor Antonio Sorice, presidente della Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva (SIMEVEP) abbiamo scoperto come goderci un’estate serena e senza rischi in compagnia dei nostri fedeli amici a quattro zampe.

Come difendersi dal caldo

«Innanzitutto in questo periodo bisogna far sì che i nostri animali non soffrano eccessivamente il caldo: i colpi di calore – afferma Sorice – possono riguardarli esattamente come riguardano noi umani, e sono anche più pericolosi dal momento che cani e gatti non hanno le ghiandole sudoripare che consentono a noi umani di disperdere, attraverso il sudore, il caldo eccessivo. La loro dispersione di calore avviene solo attraverso i polpastrelli delle zampe ed il tartufo (il naso). È bene quindi tenerli sempre in luogo fresco, evitare di portarli a passeggio nelle ore più calde della giornata ed evitare sbalzi di temperatura. Importante provvedere ad una corretta idratazione lasciando sempre a disposizione acqua fresca. Assolutamente vietato lasciare i nostri animali in auto al caldo – sottolinea Sorice neanche se per pochi minuti, ed evitare di rasare il pelo dei cani troppo corto nell’erronea convinzione che questo li aiuti ad avere meno caldo: al contrario, il pelo svolge un’importante azione isolante, termoregolatrice, e di barriera ai raggi UV che potrebbero altrimenti provocare ustioni.  Naturalmente, se dovessimo accorgerci che i nostri animali sono sofferenti, rivolgiamoci subito ad un veterinario».

Finalmente si parte… con qualche accorgimento da mettere in valigia

«Se la nostra meta si trova all’estero, il nostro piccolo amico deve obbligatoriamente essere dotato di passaporto, rilasciato dai Dipartimenti e dai Servizi Veterinari delle Asl di tutta Italia, di microchip e di vaccinazione antirabbica. In alcuni Paesi – prosegue il veterinario – sono richiesti anche ulteriori accorgimenti. Per quanto riguarda l’Italia, oltre all’obbligo vaccinale e di microchip, è bene informarsi sul livello di accoglienza nei confronti degli animali domestici delle strutture di cui usufruiremo, per evitare spiacevoli imprevisti. Importante dotarsi di antiparassitari e di prodotti per evitare la leishmaniosi, diffusa in alcune zone. É comunque sempre opportuno – afferma – prima di programmare una vacanza con i nostri animali, chiedere consiglio al veterinario».

I mezzi di trasporto per i nostri amici

«I gatti viaggeranno nel loro trasportino che deve essere ben lavato, pulito e disinfettato. Se l’animale si mostra agitato o nervoso – suggerisce Sorice – è possibile utilizzare dei feromoni in spray che possono aiutarlo a tranquillizzarsi durante il viaggio. Sia per i cani che per i gatti è importante osservare un digiuno di sei ore prima del viaggio in auto, per evitare conseguenze del mal d’auto, e fare soste frequenti , possibilmente in aree di sosta attrezzate con un po’ di verde, per permettere ai nostri piccoli amici di sgranchire le zampe. Anche qui – sottolinea – ricordiamoci di avere sempre pronta per loro dell’acqua fresca. Indispensabile durante le soste tenere sia il cane sia il gatto al guinzaglio, mai in braccio, per scongiurare pericolosi incidenti».

Mare o montagna? L’importante è che non si tramuti in un tour de force

«Anche i nostri amici a quattro zampe hanno i loro gusti in fatto di vacanze, che non è detto coincidano con i nostri. Se siamo amanti delle lunghe passeggiate in montagna – spiega Sorice facciamo sì che per loro non si tramuti in una tortura: evitiamo percorsi troppo lunghi e scoscesi, o rischiamo gravi danni alle loro zampette, oltre alla fatica e al rischio di colpo di calore sempre dietro l’angolo. In genere i cani adorano il bagno in mare, ma anche qui – afferma – accertiamoci di non stancarli eccessivamente, ricordiamoci di farli bere e di non esporli troppo a lungo al caldo e al sole. Fermo restando, ovviamente, l’accertarci preventivamente che su quella spiaggia i nostri amici siano ospiti graditi…».

E se proprio Fido non può venire con noi…

«Può capitare che per una serie di motivi – osserva l’esperto – ci rendiamo conto che la meta scelta per le nostre vacanze, o il viaggio in sé, non siano compatibili con le esigenze del nostro amico a quattro zampe. In questo caso, laddove possibile, è sempre meglio non allontanarlo dall’ambiente e dalle persone a cui è abituato. Quindi un’opzione può essere quella di lasciarlo a casa, affidato alle cure di un familiare o amico fidato e già conosciuto dal nostro animale, che possa provvedere ai suoi bisogni intanto che siamo via, dalle passeggiate quotidiane all’alimentazione e idratazione. Oppure  – prosegue Sorice – rivolgerci ad un dogsitter specializzato, che sicuramente saprà come coccolare ed intrattenere il nostro animale domestico durante la nostra assenza. Se proprio queste opzioni non sono praticabili, possiamo pensare ad una pensione per animali, che abbia il più possibile feedback positivi da parte degli utenti e, meglio ancora, da parte del nostro veterinario. Al di là di questo è necessario che la pensione sia riconosciuta, certificata e autorizzata dai Dipartimenti Veterinari delle Asl competenti. L’ideale è comunque per quanto possibile – conclude il presidente SIMEVEP – evitare di stravolgere eccessivamente le abitudini del nostro piccolo amico a quattro zampe cercando di non estrapolarlo dalla sua comfort zone».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
One Health: perché uomini e animali possono avere le stesse malattie
Uno studio dell’IRCCS Candiolo con la clinica veterinaria dell’Università di Torino ha individuato tre tumori rari che possono colpire i cani e i loro padroni. Sapino (Direttore scientifico IRCCS Candiolo): «L’ambiente influisce nell’alterazione delle cellule, nonostante animali e uomini abbiamo DNA differente»
Caldo e salute mentale, perché i pazienti psichiatrici soffrono più il cambiamento climatico
Zanalda (SIP): «Necessario porre in essere campagne di prevenzione come per altre categorie fragili»
In estate più malati che in inverno. Colpa del Covid o del caldo?
Questa estate sembra essersi verificato un aumento delle infezioni. Nel Regno Unito ipotizzano un legame con le restrizioni anti-Covid. Per Cricelli (Simg) ad essere determinante è il troppo caldo
Caldo record: a luglio +21% di decessi. Anziani categoria più a rischio, soprattutto se malati cronici
I dati sono emersi dall’ultimo bollettino del sistema di sorveglianza del Ministero della Salute, che esamina i decessi tra le persone con oltre 65 anni di età in 33 città. Temperature e mortalità superiori alla media stagionale già dal mese di maggio, con picchi, tra fine giugno e la prima settimana di luglio, tra i 37 e i 40 gradi
Perché d’estate la coppia scoppia. Tutta “colpa” del sole
Recine (psicoterapeuta): «Durante la stagione estiva il nostro corpo, complice la luce del sole presente in modo più intenso e per molte più ore, produce più serotonina, l’ormone della felicità. Al contrario, d’inverno, in presenza di meno luce naturale, il nostro corpo è portato a generare più melatonina, associata a tranquillità, stabilità e serenità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni