Salute 26 Settembre 2022 17:50

Una persona su 8 è ipertesa e non lo sa, nel 15% picchi di pressione di notte

Uno studio dell’Università di Oxford ha rilevato che in alcune persone la pressione sanguigna aumenta pericolosamente di notte ed è per questo che non si arriva correttamente a una diagnosi di ipertensione

Una persona su 8 è ipertesa e non lo sa, nel 15% picchi di pressione di notte

La pressione sanguigna normalmente tende a diminuire di notte mentre il corpo si rilassa e si prepara a dormire. Al contrario tende ad aumentare di giorno. Ma i ricercatori dell’Università di Oxford hanno scoperto che accade il contrario nel 15% delle persone. Queste stesse persone sfuggono alla diagnosi proprio perché la pressione sanguigna risulta nella norma quando vengono visitati dal medico di giorno. La ricerca è stata pubblicata sul British Journal of General Practice.

Il monitoraggio della pressione diurno non è sufficiente

Il team di Oxford afferma che il monitoraggio ambulatoriale – che prevede l’uso di un bracciale che misura la pressione per un periodo di 24 ore – dovrebbe essere utilizzato più spesso. «Le misurazioni della pressione sanguigna diurna non sono sufficienti», afferma l’autore principale dello studio, il professor Lionel Tarassenko. Per le persone anziane, a volte con diabete o malattie renali, il modello è invertito. La pressione sanguigna aumenta di notte e poi diminuisce dopo il risveglio. «Ciò significa che questi pazienti hanno la pressione sanguigna più bassa durante il giorno, e quindi saranno erroneamente rassicurati dal monitoraggio diurno a casa o nella clinica del medico di famiglia», prosegue l’esperto.

I «revers-dippers» sono più numerosi del previsto

Lo studio ha coinvolto circa 21.000 pazienti provenienti da 28 studi medici di base e quattro ospedali nell’area di Oxford. Nei pazienti ricoverati in ospedale, i ricercatori hanno scoperto che quasi la metà (49%) di questi pazienti erano «reverse-dippers», cioè pazienti in cui la pressione sistolica media notturna aumenta rispetto alla media diurna. Circa il 15% dei pazienti soffriva di ipertensione durante la notte. In entrambi i gruppi di pazienti, uno su tre aveva almeno una malattia cardiovascolare.

Intercettare gli ipertesi «nascosti» può ridurre le malattie cardiovascolari

«La nostra ricerca mostra che la misurazione della pressione sanguigna notturna – dice Laura Armitage, ricercatrice presso il Nuffield Department of Primary Care Health Sciences dell’Università di Oxford – potrebbe aiutare a identificare un adulto su otto in Inghilterra che ha l’ipertensione non diagnosticata». Questo porterebbe anche a una riduzione delle malattie cardiovascolari e di morte. «Ciò mette in evidenza la necessità per i medici di base di offrire ai propri pazienti una valutazione della pressione sanguigna 24 ore su 24», conclude Armitage.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Iss: repentino aumento dei contagi, ora 5 Regioni a «rischio alto»
Alla vigilia della scadenza dell'obbligo delle mascherine anche sui trasporti, i nuovi dati del monitoraggio settimanale indicano un aumento repentino dei contagi
Covid, ISS: «Sale l’incidenza, RT stabile. Tre regioni a rischio alto, undici moderato»
L'incidenza settimanale cresce a 699 ogni 100.000 abitanti. L'indice di trasmissibilità si mantiene stabile, in calo l'occupazione delle terapie intensive. I dati principali emersi dalla Cabina di Regia ISS-ministero della salute
Gimbe: lenta discesa dei contagi, campagna vaccinale ferma. Flop quarta dose per gli immunocompromessi
Il monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe rileva una lieve riduzione dei nuovi casi. Stabile l’occupazione dei posti letto in area medica e nelle terapie intensive, i decessi tornano sotto quota mille. Cartabellotta: «Con la recente espansione della platea per la quarta dose non basta l’adesione volontaria, ma occorrono strategie di chiamata attiva»
Iss, ricoveri in aumento e Rt mai così alto da fine dicembre
L'ultimo monitoraggio Iss-ministero della Salute mostra un aumento dei ricoveri per Covid e un aumento dell'indice Rt a 1,24
di Redazione
Fine stato di emergenza con un’elevata circolazione virale: le 10 raccomandazioni di Gimbe
«In 7 giorni aumentano ricoveri (+8,6%) e terapie intensive (+7%). 500 mila nuovi casi nell’ultima settimana, ma la curva non sale più. Arranca la campagna vaccinale». E su quarta dose «ragionevole dare il via libera agli over 80»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa