Salute 26 Settembre 2022 17:50

Una persona su 8 è ipertesa e non lo sa, nel 15% picchi di pressione di notte

Uno studio dell’Università di Oxford ha rilevato che in alcune persone la pressione sanguigna aumenta pericolosamente di notte ed è per questo che non si arriva correttamente a una diagnosi di ipertensione

Una persona su 8 è ipertesa e non lo sa, nel 15% picchi di pressione di notte

La pressione sanguigna normalmente tende a diminuire di notte mentre il corpo si rilassa e si prepara a dormire. Al contrario tende ad aumentare di giorno. Ma i ricercatori dell’Università di Oxford hanno scoperto che accade il contrario nel 15% delle persone. Queste stesse persone sfuggono alla diagnosi proprio perché la pressione sanguigna risulta nella norma quando vengono visitati dal medico di giorno. La ricerca è stata pubblicata sul British Journal of General Practice.

Il monitoraggio della pressione diurno non è sufficiente

Il team di Oxford afferma che il monitoraggio ambulatoriale – che prevede l’uso di un bracciale che misura la pressione per un periodo di 24 ore – dovrebbe essere utilizzato più spesso. «Le misurazioni della pressione sanguigna diurna non sono sufficienti», afferma l’autore principale dello studio, il professor Lionel Tarassenko. Per le persone anziane, a volte con diabete o malattie renali, il modello è invertito. La pressione sanguigna aumenta di notte e poi diminuisce dopo il risveglio. «Ciò significa che questi pazienti hanno la pressione sanguigna più bassa durante il giorno, e quindi saranno erroneamente rassicurati dal monitoraggio diurno a casa o nella clinica del medico di famiglia», prosegue l’esperto.

I «revers-dippers» sono più numerosi del previsto

Lo studio ha coinvolto circa 21.000 pazienti provenienti da 28 studi medici di base e quattro ospedali nell’area di Oxford. Nei pazienti ricoverati in ospedale, i ricercatori hanno scoperto che quasi la metà (49%) di questi pazienti erano «reverse-dippers», cioè pazienti in cui la pressione sistolica media notturna aumenta rispetto alla media diurna. Circa il 15% dei pazienti soffriva di ipertensione durante la notte. In entrambi i gruppi di pazienti, uno su tre aveva almeno una malattia cardiovascolare.

Intercettare gli ipertesi «nascosti» può ridurre le malattie cardiovascolari

«La nostra ricerca mostra che la misurazione della pressione sanguigna notturna – dice Laura Armitage, ricercatrice presso il Nuffield Department of Primary Care Health Sciences dell’Università di Oxford – potrebbe aiutare a identificare un adulto su otto in Inghilterra che ha l’ipertensione non diagnosticata». Questo porterebbe anche a una riduzione delle malattie cardiovascolari e di morte. «Ciò mette in evidenza la necessità per i medici di base di offrire ai propri pazienti una valutazione della pressione sanguigna 24 ore su 24», conclude Armitage.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
L’olio evo contrasta diabete, ipertensione e sindrome metabolica
L'olio extravergine di oliva (Evo) gioca un ruolo chiave nel contrastare l'insorgenza delle patologie cronico-degenerative non trasmissibili come il diabete mellito, l'ipertensione arteriosa, la sindrome metabolica, i tumori, le malattie a carico del sistema nervoso e la malattia renale cronica. Lo confermano le ricerche condotte e in corso all'Università degli Studi di Roma Tor Vergata
di V.A.
Il cioccolato fondente riduce il rischio di ipertensione arteriosa
Il cioccolato fondente potrebbe essere un "dolce" alleato contro l'ipertensione arteriosa, cosiddetta "essenziale" perché la causa è sconosciuta. A scoprirlo è stato uno studio dello Shaoxing People's Hospital, in Cina, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Scientific Reports
Diabete di tipo 2: remissione possibile con stile di vita sano, benefici anche per cuore e reni
Il diabete di tipo 2 può essere "curato" perdendo peso e, in generale, adottando uno stile di vita sano, riducendo significativamente il rischio di malattie cardiovascolari e renali. Queste sono le conclusioni di uno studio dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD), pubblicato sulla rivista Diabetologia
Allarme pressione alta da giovani, 1 su 10 rischia infarto e ictus prima della pensione
In occasione della Giornata Mondiale del Cuore 2023, gli esperti della Società Italiana di Cardiologia richiamano l’attenzione sull’importanza di tenere la pressione nella norma fin da giovani per ridurre il rischio cardiovascolare negli anni a venire. Troppi i giovani ipertesi nel nostro paese: il 14% degli under 35 ha già la pressione sopra a 120/80 mmHg, fino al 4% dei bimbi da 6 a 11 anni ha valori alterati ma molti non ne sono consapevoli
di V.A.
Gli alimenti ultra-processati danneggiano il cuore, +24% di rischio infarto
Due ampi studi presentati al congresso della Società europea di Cardiologia hanno dimostrato che il consumo di alimenti ultra-processati può aumentare il rischio di sviluppare problemi cardiaci
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...