Salute 22 Febbraio 2021 12:45

UE e lotta ai tumori, anche il vino alla sbarra. In arrivo un’etichetta con i rischi per la salute

Il chirurgo oncologo Paolo Delrio (Istituto Tumori Napoli): «Anche in quantità moderate l’alcool è un fattore di rischio»

UE e lotta ai tumori, anche il vino alla sbarra. In arrivo un’etichetta con i rischi per la salute

Tempi duri per gli amanti del vino e in generale per produttori e consumatori di bevande alcoliche. Se i rischi per la salute derivanti dal consumo di alcool sono ormai tendenzialmente conosciuti dalla popolazione, dal prossimo anno potrebbero essere, letteralmente, “nero su bianco”.

Nei giorni scorsi, infatti, la Commissaria europea alla Salute Stella Kyriakides al termine della conferenza stampa di approvazione del Piano UE per la lotta ai tumori, ha reso nota l’intenzione della Commissione europea di proporre un obbligo di etichettatura relativa agli ingredienti e una dichiarazione nutrizionale sulle bottiglie di alcolici nel 2022 e, per il 2023, una dicitura recante le avvertenze per la salute.

Tuttavia, come rassicura la Commissione Europea, il vino non cesserà di far parte della nostra cultura alimentare. L’ottica è, invece, quella di fornire una informazione chiara e comprensibile, che aumenti la consapevolezza sui danni causati dal consumo di alcool, pur senza bandirlo. Abbiamo chiesto un commento approfondito sulla questione al dottor Paolo Delrio, direttore dell’UOC Oncologia Chirurgica Colorettale e del Dipartimento di Oncologia Addominale presso l’Istituto Nazionale dei Tumori Pascale di Napoli.

Quali evidenze ci sono circa l’oncogenicità degli alcolici e in particolare del vino?

«Il rapporto tra l’assunzione di alcolici e cancro è dimostrata da numerosi studi epidemiologici ed è ormai chiaro che nei soggetti bevitori di alcool è maggiore l’incidenza di tumori di varie sedi. Il rischio di cancro è strettamente collegato alle quantità assunte, quindi è maggiore nei soggetti che sono forti bevitori. Purtroppo, anche per assunzioni definite moderate, soprattutto in caso di altri fattori di rischio associato come il fumo, il rischio non è basso».

Come definire un’assunzione moderata?

«Alcune organizzazioni nazionali ed internazionali definiscono come moderata l’assunzione giornaliera di 300 ml di birra o 150 ml di vino o 60 ml di una bevanda superalcolica. Anche il vino infatti contiene alcol, sicuramente in percentuali di volume minore ad alcune altre bevande (il vino dal 10 al 19% mentre i “superalcolici” superano tutti il 21 % fino al 90% di alcool). Finché l’assunzione rientra in questi limiti il rischio può essere definito basso, ma mai totalmente assente».

Su quali organi e in che modo l’uso di alcol incide sul rischio di sviluppare tumori?

«Quando assumiamo una bevanda alcolica il nostro corpo metabolizza l’etanolo in un composto chimico, denominato acetaldehyde: questa sostanza è in grado non solo di danneggiare il DNA, ma impedisce anche all’organismo di riparare il danno. La mancanza di riparazione può generare una proliferazione incontrollata delle cellule. Inoltre, la presenza dell’etanolo può alterare la capacità dell’organismo di assorbire alcuni nutrienti come le vitamine, ed aumentare il livello di ormoni estrogeni nel sangue. Da ciò deriva che i principali organi bersaglio dell’alcol sono la bocca, gola e faringe, l’esofago, il colon ed il retto, il fegato, probabilmente il pancreas ed infine la mammella nella donna».

Negli ultimi tempi, per quanto riguarda gli alimenti, oltre alla carne rossa anche gli insaccati sono finiti sul “banco degli imputati” per il potenziale cancerogeno. Anche qui, quanto c’è di vero e quali sono i meccanismi d’azione?

«In alcuni processi di lavorazione della carne, per insaporirla o conservarla, è purtroppo previsto l’uso di sostanze nocive. L’affumicatura, il sale ed i conservanti tra cui i nitriti ed i nitrati sono da tempo noti come fattori favorenti lo sviluppo di tumori dell’apparato gastrointestinale. Fortunatamente, specialmente in Italia, i processi di lavorazione dei salumi insaccati (come il salame) e non insaccati (come il prosciutto) sono di elevata qualità e ben regolamentati. Da ciò ne deriva che il consumo moderato di carne ed insaccati, bilanciato da una corretta integrazione con frutta e verdura, non rappresenta un rischio aumentato di sviluppare un tumore».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Digiuno intermittente, la dietista: «Tagliare le calorie a periodi può aiutare a vivere più a lungo»
La nutrizionista: «Può essere praticato per due giorni alla settimana, non consecutivi, consumando meno di un quarto dell’energia abituale. Oppure si può concentrare l’assunzione di alimenti in 6-8 ore al giorno o mantenere il digiuno notturno di 12 ore»
Parlamento Ue vara commissione su pandemia. Regimenti (FI): «Ora realizzare UE della Salute»
L’eurodeputata è uno dei 38 membri della commissione speciale che dovrà esaminare cosa ha funzionato e cosa è andato storto nella gestione del Covid a livello europeo. Entro 12 mesi sarà elaborata una relazione
di Francesco Torre
Dalla pelle agli occhi, come e perché dobbiamo proteggerci dal sole?
La Fondazione Salmoiraghi & Viganò ha promosso un incontro con lo scopo di diffondere la cultura della salute degli occhi tra i cittadini
Speranza su quarta dose: «Ue assuma posizione unitaria su tempi e fasce d’età»
Il ministro Speranza, intervenendo al Consiglio dei ministri europei della Salute, si rivolge all’UE: «Fare in tempi stretti una proposta su quarta dose basata esclusivamente sull'evidenza scientifica»
Non solo bombe: le malattie infettive sono l’altra faccia della guerra
Infezioni a trasmissione oro-fecale, HIV, tubercolosi e Covid-19 sono i nemici che, insieme ai russi, minacciano l’Ucraina. Cauda (infettivologo): «Necessari Emergency-Team in grado di identificare e trattare le emergenze al confine»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 522.071.859 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.267.246 i decessi. Ad oggi, oltre 11,41 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...