Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Nutrizione 30 Dicembre 2020

Brindisi di Capodanno: i cocktail alternativi per chi non può bere alcol o è a dieta

Cocktail e distillati analcolici l’idea vincente per non rinunciare al gusto. Ma anche estratti e centrifugati vegetali, da preparare in casa

Immagine articolo

Durante i festeggiamenti per l’inizio del nuovo anno un bicchiere di bollicine per brindare è sempre apprezzato.  Ma come deve comportarsi chi non può bere o è dieta? Ne abbiamo parlato con il dottor Lorenzo Traversetti, biologo nutrizionista.

«Innanzitutto, le festività vanno vissute spensieratezza – spiega il nutrizionista – senza pensare alla dieta e gratificando, con le giuste accortezze, il palato. Esistono per questo cocktail alternativi, distillati analcolici pensati per chi non può bere alcol o è a dieta. Sono prodotti dal gusto intenso, ugualmente validi dal punto di vista nutrizionale – aggiunge – ma a zero contenuto alcolico, sono privi di glutine e zuccheri aggiunti e possono quindi essere inseriti in un regime nutrizionale bilanciato per vegani e vegetariani».

Bevande analcoliche semplici e veloci possono essere realizzate anche in casa e sono perfette per chi è astemio o non intende bere alcol: «Possiamo utilizzare la frutta per dare colore e sapore al nostro cocktail – specifica l’esperto – sì anche a estratti e centrifugati vegetali per rendere questi preparati gradevoli sotto tutti i punti di vista» conclude il dottor Traversetti.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 15 gennaio, sono 93.129.104 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.994.440 i decessi. Ad oggi, oltre 35,57 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...