Salute 21 Novembre 2019 16:13

Carne trattata da ormoni e antibiotici? Una fake news smentita dagli esperti

«Da oltre 20 anni gli ormoni non vengono utilizzati nella carne italiana e in Europa», mentre per gli antibiotici «la regolamentazione è molto ferrea». Le precisazioni della biologa e nutrizionista Elisabetta Bernardi

Senza ormoni e trattata con farmaci solo quando necessario, la carne italiana è sicura perché «la regolamentazione è molto ferrea». Lo spiega la biologa e nutrizionista Elisabetta Bernardi, interrogata da Sanità Informazione sulla presenza di farmaci nella carne che troviamo tutti i giorni in commercio.

La presenza di ormoni e soprattutto di antibiotici nella carne è un tema tornato al centro del dibattito dopo l’allarme lanciato dall’Istituto Superiore di Sanità sul triste primato dell’Italia riguardo il numero di morti legate all’antibiotico – resistenza. Secondo i dati dell’ISS, dei 33mila decessi che avvengono nei Paesi Ue ogni anno per infezioni causate da batteri resistenti agli antibiotici, oltre 10mila si registrano infatti nel nostro Paese.

LEGGI: CARNIPEDÌA, IL LIBRO CHE SFATA I PREGIUDIZI SULLA CARNE. LA NUTRIZIONISTA: «ALIMENTO EFFICIENTE. POCHE CALORIE, MOLTI NUTRIENTI»

«È bene ricordare che da oltre 20 anni gli ormoni non vengono utilizzati nella carne italiana e in Europa» precisa la dottoressa Elisabetta Bernardi a margine della presentazione di Carnipedìa, la nuova piccola enciclopedia di Giuseppe Pulina. Nello specifico, in Europa è vietato somministrare ormoni agli animali fin dal 1981. «Quindi quando si dice “il pollo è pieno di ormoni” non è vero. Gli ormoni non si utilizzano e sarebbe anche piuttosto inutile per esempio nel pollo che ha un ciclo di crescita molto breve».

Per quanto riguarda invece gli antibiotici, «il problema rimane quando l’animale è da trattare perché malato. Allora è giusto trattarlo, – precisa la biologa – ma oggi la regolamentazione è molto ferrea». Infatti, dal 2006 è stato bandito l’utilizzo degli antibiotici a scopo preventivo. «Esiste la ricetta elettronica che quindi segue le quantità che vengono date all’animale e vengono trattati solo gli animali che ne hanno bisogno. Solo gli animali malati vengono trattati. Non rimangono residui perché la carne viene messa in commercio quando sono passati i tempi di carenza».

Articoli correlati
Superbatteri: mortalità 3 volte più alta nei pazienti con cancro
Un uso tempestivo dei nuovi antibiotici nei pazienti con il cancro potrebbe evitare fino a 1000 morti ogni anno nel nostro paese
I farmaci funzionano meglio se «ci credi». Uno studio sugli antibiotici lo sostiene
Uno studio americano, pubblicato su JAMA Surgey, ha scoperto che gli antibiotici contro l'infiammazione dell'appendice sono più efficaci se si ha fiducia nei farmaci
In Europa la variante dominante del batterio della gonorrea è resistente all’antibiotico più usato
Uno studio pubblicato sulla rivista The Lancet Microbe ha rilevato che il batterio responsabile della gonorrea più diffuso in Europa è resistente alla prima linea di trattamento, cioè all'antibiotico azitromicina
Rapporto AIFA 2020 su uso antibiotici in Italia, trend in calo ma il Covid-19 spariglia le carte
Ancora lontani dall’inversione di tendenza auspicata nel PNCAR. Magrini (AIFA): «La lotta alle antibioticoresistenze una priorità di salute globale»
1,2 milioni di morti per super-batteri. Maga (Cnr): «Sia da monito contro uso improprio di zitromax»
Nel 2019 l'antibiotico-resistenza ha ucciso ben 1,27 milioni di persone, più di quanto abbiano fatto AIDS e malaria. Maga del Cnr: «Fondamentale contrastare uso inappropriato di antibiotici, come lo zitromax contro Covid-19»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 5 dicembre 2022, sono 645.344.408 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.641.218 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa