Salute 8 Novembre 2019

Carnipedìa, il libro che sfata i pregiudizi sulla carne. La nutrizionista: «Alimento efficiente. Poche calorie, molti nutrienti»

«È un libro che cerca di dare informazioni scientificamente valide ma anche di divertire» spiega l’autore, Giuseppe Pulina. La nutrizionista: «Con poche calorie apporta molti nutrienti, come proteine di ottima qualità ma anche microelementi come il ferro di cui la maggior parte della popolazione, anche nei paesi occidentali, è carente»

Dalla A di “Allevatore” alla Z di “Zootecnica”, non manca nessuna voce dell’universo della carne in Carnipedìa, la nuova piccola enciclopedia di Giuseppe Pulina. Il libro, presentato al Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali alla presenza del Direttore generale del Mipaaf per le Politiche Internazionali, Felice Assenza, raccoglie le questioni più urgenti relative alla sostenibilità della produzione, la cura degli animali e la salubrità del prodotto.

«Si riporta il motivo per il quale noi siamo onnivori, ma anche carnivoli – spiega il professore di Zootecnica, Giuseppe Pulina ai microfoni di Sanità Informazione – oppure per chi fosse interessato al paesaggio allora può leggere quella voce, oppure si può essere particolar mente attratti dalla parte in cui si parla dei tagli di tutti gli animali più importanti che passano sulle nostre tavole. È un libro che cerca di dare informazioni scientificamente valide ma anche di divertire».

Carnipedia si inserisce nell’animato dibattito sul consumo di carne. «Di fatto le diete che oggi impazzano ci stanno tribalizzando, ci stiamo dividendo in tante tribù alimentari». È l’opinione dell’antropologo Marino Niola, che durante la conferenza stampa ha posto l’accento sull’ormai quotidiano scontro tra vegani e carnivori. «Proprio questo sta producendo una demonizzazione della carne del tutto ingiustificata».

LEGGI ANCHE: GIUSEPPE PULINA (CARNI SOSTENIBILI): «ECCO PERCHE’ NON VA DEMONIZZATA LA BISTECCA»

La carne infatti è un elemento importante della nostra dieta mediterranea, come spiega la biologa e nutrizionista Elisabetta Bernardi. «La carne è compresa nel gruppo degli alimenti che apportano proteine ed è compresa in tutte le diete equilibrate, come ad esempio il modello dietetico mediterraneo. Un consumo moderato è quindi consigliato – continua la dottoressa Bernardi – perché la carne è un alimento molto efficiente. Con poche calorie apporta molti nutrienti, come proteine di ottima qualità ma anche microelementi come il ferro di cui la maggior parte della popolazione, anche nei paesi occidentali, è carente».

Conclude la nutrizionista: «Per quanto riguarda il suo rapporto con la salute, ultimamente importantissime pubblicazioni – dagli Annals of Internal Medicine all’imponenete Burden Disease Study uscito sul Lancet – sfatano il mito della carne legata a problemi di salute e indica che gli attuali consumi non sono collegati ad effetti collaterali sulla salute».

Articoli correlati
Carne trattata da ormoni e antibiotici? Una fake news smentita dagli esperti
«Da oltre 20 anni gli ormoni non vengono utilizzati nella carne italiana e in Europa», mentre per gli antibiotici «la regolamentazione è molto ferrea». Le precisazioni della biologa e nutrizionista Elisabetta Bernardi
L’acqua aiuta a dimagrire: a parità di dieta una corretta idratazione fa perdere due chili in più
L’esperta: «Bere durante i pasti non è dannoso, anzi. Aiuta a saziarci prima e quindi ad abbuffarci di meno. L’assunzione di fibre, l’abitudine a mangiare lentamente e l’incremento della massa magra sono gli altri ingredienti del successo»
di Isabella Faggiano
Hamburger, non solo junk food: i consigli della nutrizionista per un panino “salutare”
«Può trovare spazio all’interno di una dieta varia e bilanciata», spiega la nutrizionista Susanna Bramante, ma il problema è la sua "cattiva" compagnia: patatine fritte, bevande zuccherate, salse e condimenti ricchi di sale e grassi
Longevity Run, il 10 maggio sport e check-up gratuiti per combattere l’invecchiamento
L’iniziativa vuole sensibilizzare ad un corretto stile di vita. Tra i falsi miti sfatato anche quello della carne: «Serve una dieta equilibrata con il giusto apporto di proteine», spiega il professor Francesco Landi, primario di Riabilitazione Geriatrica al Policlinico Gemelli di Roma
La carne fa male? Ecco le fake news più diffuse secondo “Carni Sostenibili”
Non è vero, secondo i produttori, che l’OMS ha detto che la carne fa male: solo un consumo eccessivo può contribuire al rischio cancro. Altra fake news da smontare è quella relativa all’uso di ormoni: «ll trattamento di animali con ormoni – sostengono - è vietato in Europa da quasi 40 anni e da più di dieci anni sono vietati anche gli antibiotici a scopo preventivo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 ottobre, sono 43.514.678 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.159.708 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 26 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare