Salute 18 Febbraio 2019 17:35

Giuseppe Pulina (Carni Sostenibili): «Ecco perché non va demonizzata la bistecca»

«Non può esistere una dieta valida per tutti: il regime alimentare dipende da tanti fattori. Una dieta varia, completa e sostenibile è da preferire. No a criminalizzare la carne» parla il Professor Giuseppe Pulina, Presidente dell’associazione Carni sostenibili

Secondo lo studio della Commissione Eat-Lancet, pubblicato sulla famosa rivista scientifica inglese The Lancet, una dieta “sana” e “universale” esiste ed è amica del pianeta. Cosa prevede? Raddoppiare il consumo globale di frutta, verdura, legumi e frutta secca e ridurre quello di alimenti di origine animale e zuccheri, per un massimo di 14 grammi di carne rossa al giorno. «Parliamo di un hamburger alla settimana, troppo poco» ha spiegato il professor Giuseppe Pulina, agronomo, professore ordinario di Zootecnica speciale all’università di Sassari e presidente di Carni Sostenibili, nell’intervista a Sanità Informazione a margine della presentazione del report Lancet alla Fao (Food and Agriculture Organization of the United Nations).

Il professore ha espresso, ai nostri microfoni, i suoi dubbi su questo regime alimentare “universale”: vediamo perché.

Professore, il report della rivista scientifica The Lancet promuove la dieta “sana e universale” e fissa il limite giornaliero in 14 grammi di carne rossa. Cosa è emerso dal dibattito?

«Esatto, un hamburger alla settimana. Dunque, il problema di questo report, dal mio punto di vista, parte da due presupposti che sono da dimostrare: il primo, è che gli alimenti di origine animale siano impattanti, come loro affermano, e che siano dannosi per la salute.  Noi, come “Carni sostenibili”, esprimiamo i nostri dubbi perché sono in corso ancora grandi discussioni in merito, ossia che le carni siano nocive per la salute e che provochino inquinamento ambientale – in particolare emissioni di gas serra – e che per questo non possono rappresentare basi solide su cui costruire un ragionamento. Ma l’altro aspetto più rilevante, è che non può esistere una dieta universale, in quanto ciascuno ha la propria dieta per tradizione e per costume locale. Si tratta del parere di una commissione di esperti autorevoli che però non hanno sottoposto questo lavoro alla comunità scientifica internazionale. Esistono mille riviste del settore delle produzioni animali che dicono cose diverse; per questo, pur sottolineando il contributo dello studio del Lancet al dibattito, si è evidenziato che, per ciò che riguarda l’aspetto delle produzioni animali e del consumo di carne e pesce le considerazioni espresse dalla commissione sono da riconsiderare per due motivi. Il primo, perché la maggior parte della popolazione dei paesi in via di sviluppo vive con gli animali e grazie agli animali ed il secondo è che ci sono molte diete che sono legate a fattori locali e culturali che hanno come base prodotti di origine animale. La dieta universale è un argomento al centro del dibattito scientifico e tecnico: a mio avviso, non esiste una ricetta unica per tutti, e tra l’altro, quella indicata dal Lancet, contiene errori di natura nutrizionale: è troppo calorica, perché per poter far fronte alla carenza di prodotti di origine animale, carni in particolare, occorre consumare più cereali e prodotti energetici. Noi diciamo di preferire la dieta mediterranea in cui si consumano tutti gli alimenti in maniera completa e responsabile».

LEGGI ANCHE: NUTRIZIONE E SALUTE, LANCET LANCIA LA DIETA SANA “UNIVERSALE” ECCO COSA PREVEDE

Anche le linee guida dell’OMS suggeriscono quantità maggiori di carne. È corretto?

«Assolutamente sì, anche quelle sono linee guida che vanno a sposarsi con l’aspetto fondamentale delle condizioni locali. Noi dobbiamo dare indicazioni per una dieta che sia equilibrata. Una dieta universale, dal mio punto di vista, non esiste. Lei deve pensare alla dieta mediterranea: quello che si mangia a Marsiglia non è uguale a quello che si mangia a Creta. Sono tutte diete mediterranee ma diverse tra loro, anche se seguono tutte qualcosa di analogo».

Lei è il presidente di carni sostenibili: cosa significa carne sostenibile?

«Carni Sostenibili ha l’obiettivo di trattare in modo trasversale i temi nutrizionali, ambientali, economici, sociali e del benessere animale, legati al mondo della produzione delle carni. L’obiettivo che il settore delle carni deve affrontare, oggi, è quello di una maggiore offerta “sostenibile” per garantire una produzione efficiente, attenta all’ambiente e al benessere degli allevatori e degli animali. Abbiamo una responsabilità: dobbiamo produrre meglio impattando meno, bisogna consumare in maniera responsabile, bisogna trattare bene gli animali, le condizioni di allevamento ed il benessere animale sono requisiti fondamentali da rispettare. Le carni fanno parte delle diete mediterranee, il consumo corretto è di due-tre volte a settimana. Non possiamo criminalizzare un alimento, ma cerchiamo di consegnare alimenti buoni e sicuri».

Mangiare un po’ di tutto, con una particolare attenzione alla qualità e in modo vario e completo?

«E aggiungo in modo “tradizionale”. Io dico sempre che se si ha la fortuna di avere una nonna in casa non si ha bisogno di guardare un libro di ricette. Tornare un po’ alle abitudini ed allo stile di vita di una volta può essere un buon consiglio…».

Articoli correlati
La ricerca non può ignorare le differenze di genere. Prevenzione e cura su misura per uomini e donne
Scambia (ginecologo): «Necessario inserire, all’interno della facoltà di Medicina e Chirurgia, insegnamenti legati alla medicina di genere. Non è escluso che anche all’interno delle stesse specialità mediche possano formarsi professionisti specializzati nella cura di uomini o donne»
di Isabella Faggiano
«Le cure domiciliari sono un’illusione». L’opinione controcorrente di Diego Pavesio (Patto per la Scienza) che difende la “vigile attesa”
Il medico piemontese ha pubblicato un post su Facebook in cui parlava di “terapia domiciliare come specchietto per le allodole”: «La gente, comprensibilmente stanca ed esasperata, è in cerca di soluzioni facili per problemi complessi. In realtà si fa finta di non capire che non c’è ancora una cura per questa malattia»
Sud e sviluppo sostenibile, Colao (cattedra Unesco): «Preoccupante la riduzione degli screening di prevenzione oncologica»
All'evento promosso dalla Cattedra Unesco della Federico II di Napoli la prof. Colao: «Quest’anno ha portato una riduzione dell’aspettativa di vita che è più drammatica al Nord e un po’ più limitata al Sud, ma perché il Sud aveva già una riduzione dell'aspettativa di vita»
KetApp di Unimore rivoluziona la vita dei bambini affetti da epilessia che seguono la dieta chetogenica
Marchiò (dietista e ricercatrice): «La App assicura ai pazienti in trattamento con dieta chetogenica una maggiore autonomia quotidiana e ai curanti un facile strumento di monitoraggio»
di Federica Bosco
Chemioterapia ‘ad alta temperatura’ in sala operatoria e radioterapia in sole tre sedute. Le nuove sperimentazioni dell’oncologia
Al Gemelli è stato eseguito con successo, su un uomo di 63 anni affetto da mesotelioma pleurico, un intervento di resezione chirurgica della pleura con successiva infusione locale di chemioterapico a 41°C. All’Istituto Tumori Regina Elena, oltre 140 pazienti con neoplasia della prostata sono stati trattati in sole 3 sedute di radioterapia
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 163.082.347 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.379.501 i decessi. Ad oggi, oltre 1,46 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...