Salute 15 Febbraio 2019

Lancet lancia la dieta sana “universale”: ecco cosa prevede

Secondo il report della prestigiosa rivista scientifica, per preservare la nostra salute e quella del pianeta è necessario raddoppiare i consumi “vegetali” di legumi e frutta secca e dimezzare quelli di carne rossa. Ma il limite di a 14 grammi al giorno fa discutere la comunità scientifica…

Immagine articolo

Esiste la dieta sana e “sostenibile”? Secondo il report della Commissione Eat-Lancet, sì ed ha radici nell’antica Grecia. Su quali alimenti si basa questo regime alimentare che tutela il nostro stato di salute e quello del pianeta? In linea di massima, si tratta di raddoppiare a livello globale i consumi di frutta, verdura, legumi e noci e di ridurre di oltre il 50% quelli di zuccheri e carni rosse entro il 2050.

La dieta “salva pianeta” trae il 35% delle calorie da cereali integrali e tuberi, le fonti proteiche principalmente dalle piante e permette solo circa 14 grammi di carne rossa al giorno – e 500 grammi al giorno di verdura e frutta.

Dai dati emersi dal report della Commissione Eat-Lancet – 37 esperti di 16 Paesi specializzati in salute, nutrizione, sostenibilità ambientale, politica economica – emerge che la dieta della salute “universale” influirebbe non solo sulla salute umana, ma anche su fenomeni come il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità. Seguendo questo modello alimentare – assicurano gli esperti – si potrà nutrire in modo sostenibile una popolazione mondiale di 10 miliardi di persone nel 2050 evitando fino a 11,6 milioni di morti premature all’anno.

Il report promuove diete costituite da una varietà di alimenti a base vegetale, con ridotte quantità di alimenti di origine animale, cereali raffinati, zuccheri. A fianco dei cambiamenti alimentari, è importante stimolare anche una migliore e più sana produzione degli alimenti e una riduzione degli sprechi. La Commissione indica obiettivi-limite nell’utilizzo di terra, acqua e nutrienti per la produzione agricola sostenibile ed una grande varietà di aree di intervento per raggiungere questi risultati coinvolgendo governi, industrie e società,

La dieta Mediterranea praticata in Grecia alla metà del secolo scorso è uno dei riferimenti del gruppo di studiosi: 2.500 chilocalorie al giorno suddivise in 230 grammi di cereali integrali, 500 di frutta e verdura, 250 di latticini, 14 di carni (bovine o suine o ovine), 29 di pollo, 13 di uova, 28 di pesce, 75 di legumi, 50 di noci, 31 di zuccheri.

«Il cibo che mangiamo e il modo in cui lo produciamo determina la salute della popolazione e del pianeta, es tiamo facendo gravi errori – sostiene uno degli autori del report, Tim Lang dell’University of London (Gb) – . Abbiamo bisogno di una trasformazione significativa, che modifichi il sistema alimentare globale su una scala mai vista prima, in modo appropriato alle caratteristiche di ogni Paese. Gli obiettivi scientifici che abbiamo elaborato per una dieta sana e sostenibile sono una base importante, che sosterrà e guiderà questo cambiamento» conclude.

Articoli correlati
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Chi è Je.suis.doc, medico su TikTok da 40mila follower: «Così ho avvicinato i giovani alla medicina»
Clip mimate e sequenze musicali per interagire con gli adolescenti e parlare di salute. Carlo Esposito: «TikTok mi ha permesso di catturare l’attenzione dei giovanissimi in modo semplice e immediato»
Covid-19 e gravidanza, le regole per ridurre il rischio di contagio
Sul Lancet il punto della situazione sul rapporto fra gravidanza, parto e Sars-CoV-2: «L’allattamento al seno con precauzioni è sicuro, ma rischio nascite premature»
di Tommaso Caldarelli
Recovery Fund, Fnopo: «Evento storico. Implementare ostetrica di famiglia e di comunità»
«D’ora in poi non sarà più possibile, né credibile, rimandare la realizzazione di progetti di riforma della rete assistenziale portando a motivazione la mancanza di fondi adeguati» precisa la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica (FNOPO)
Il software intelligente che monitora la salute per tornare in ufficio in sicurezza
Ideato e promosso da un gruppo di aziende sotto il coordinamento di Technogenetics, il kit prevede test sierologico rapido e software per rilevare temperatura, saturazione dell’ossigeno e battito cardiaco
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...