Salute 6 Agosto 2021 12:22

Trasporti, scuola, insegnanti e giovani. Con Green pass la Dad è evitabile

Il professor Guido Rasi: «Da un punto di vista strategico risulta evidente come avere una popolazione di insegnanti protetta e protettiva costituisca uno dei cardini della ripresa dell’insegnamento e della formazione dei nostri giovani»

di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
Trasporti, scuola, insegnanti e giovani. Con Green pass la Dad è evitabile

Un concetto su cui ci siamo già soffermati è la necessità di abbinare interventi farmacologici ad interventi di sanità publica non-farmacologici. Gli interventi non-farmacologici presuppongono ovviamente una visione a medio-lungo termine, interventi strutturali ed una scelta di priorità delle attività da proteggere. La scuola, in qualsiasi contesto sociale e politico, è indubbiamente una priorità altissima. Purtroppo, dal punto di vista strutturale, sia nella scuola che nei trasporti, le autorità competenti sono rimaste completamente inerti, almeno fino all’ultimo decreto che ha portato novità proprio in questi due ambiti. In troppi settori l’atteggiamento è stato passivo, forse nella speranza che la pandemia fosse alla fine e che le vaccinazioni facessero il miracolo. In questo senso un mezzo miracolo c’è stato: la campagna vaccinale dopo un inizio disastroso ha preso il passo giusto e per l’inizio delle scuole avremo oltre il 60% della popolazione vaccinata.

Ma quale è veramente la popolazione vaccinata? Non sarà vaccinata la popolazione fino a 12 anni, sarà parzialmente vaccinata quella dai 12 ai 25 anni e purtroppo mancano all’appello oltre 200mila tra insegnanti e personale scolastico, con grandi disparità tra regione e regione, che non hanno risposto all’appello nel momento per loro riservato. Saranno però “costretti” a farlo da settembre, stando a quanto stabilito dal Governo, pena la sospensione della retribuzione a partire dal quinto giorno di assenza.

Sarà importante capire quanti studenti si farà in tempo a vaccinare o si vorranno vaccinare, ma il cardine dell’attività scolastica rimangono i docenti. L’assenza di un docente è un problema per diverse decine di ragazzi, mentre l’assenza temporanea di un singolo studente è un problema molto più gestibile.

Da un punto di vista strategico risulta quindi evidente come avere una popolazione di insegnanti protetta e protettiva costituisca uno dei cardini della ripresa dell’insegnamento e della formazione dei nostri giovani. Per non parlare del problema etico e di quale insegnamento possa fornire un insegnante che non senta il dovere di vaccinarsi. Per quanto riguarda la popolazione studentesca, è vero che rappresenta la fascia meno vulnerabile (ma non invulnerabile!) ma anche quella socialmente più “attiva”, quindi ottimo veicolo per il virus e soprattutto per la diffusione delle varianti.

Il problema delle varianti costituisce il motivo principale per cui tutta la popolazione studentesca (12- 25 anni) dovrebbe vaccinarsi, come ci insegna l’esperienza indiana e la diffusione della variante Delta, che si è potuta affermare proprio perché il virus poteva finalmente circolare.

Rimane la questione della possibile contagiosità dei vaccinati. Va chiarita una cosa: il vaccino non fornisce uno schermo permanente ed impenetrabile dinanzi a bocca e naso di un individuo, quindi il virus entra liberamente nelle nostre viee aeree e tenta di riprodursi. Cosa succede se si è vaccinati? Se non vengono inalate quantità massive, viene eliminato rapidamente dalla barriera immunitaria che il virus trova all’interno dell’ospite. Se invece viene inalato in grandi quantità o trova una barriera immunitaria insufficente può iniziare a riprodursi e quindi poter essere a sua volta trasmesso, generalmente in quantità modesta o causare una malattia da Covid, anche questa generalmente molto più modesta. Ricordiamoci che c’è una grande differenza tra essere infettati ed essere malati.

I numeri comunque parlano chiaro: il 95% dei ricoverati e praticamente il 100% dei decessi avviene tra i non vaccinati a prescindere dall’età. Da ultimo, ma non meno importante, per tutti gli studenti che non faranno in tempo a vaccinarsi va messo in atto un sistema di diagnosi e tracciamento efficiente ed agile.

La struttura Commissariale ha dimostrato di saper agire ed implementare i piani in tempi rapidi. L’Istituto Superiore di Sanità ha tutte le competenze per indicare quali modelli di campionamento della popolazione seguire, le autorità sanitarie dovranno solo fornire le linee guida e dare disposizioni chiare. La DAD è evitabile.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nas nelle RSA: 42 sanzioni per mancata vaccinazione di medici e infermieri
Ispezionate dai Nas 536 attività sociosanitarie e assistenziali: segnalate 107 irregolarità. Sanzionate 52 persone per violazioni penali e 87 per illeciti amministrativi per un totale di 80 mila euro
«La Omicron è veloce, vale la pena limitare i danni. Potrebbe essere anche l’ultima»
«Le recenti misure sulla quarantena ed isolamento sembrano logiche rispetto ad un “ambiente Omicron”, ma scontano l’incertezza della coesistenza della Delta e la debolezza diagnostica. Si richiede di evitare inutili quarantene, ma si rischiano milioni di persone immobilizzate, questa volta dalla malattia»
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
L’imposizione del Green pass ha aumentato l’adesione al vaccino, lo conferma uno studio Lancet
Sono 127.823 le vaccinazioni in più in Francia, 243.151 in Israele, 64.952 in Svizzera e 66.382 in Italia, secondo lo studio
Green pass “base” e “rafforzato”, cosa cambia? Le Faq del Governo
Sul sito istituzionale di Palazzo Chigi una tabella che riassume tutte le novità valide a partire dal 6 dicembre 2021
Perché nonostante i vaccini i casi di Covid-19 aumentano?
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 gennaio, sono 367.129.786 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.639.976 i decessi. Ad oggi, oltre 9,90 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre