Salute 13 Luglio 2021 14:46

«Valorizzare il Green pass per mantenere le attività aperte. Così premiamo i vaccinati e incoraggiamo i dubbiosi»

Il professor Guido Rasi: «Sequenziamento e tracciamento per evitare diffusione virus e nuove varianti resistenti ai vaccini. L’inazione delle istituzioni sarebbe gravemente colpevole»

di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
«Valorizzare il Green pass per mantenere le attività aperte. Così premiamo i vaccinati e incoraggiamo i dubbiosi»

Abbiamo finalmente ripreso tutte le attività con l’Italia momentaneamente in “zona bianca”, anche se in termini assoluti questa estate è iniziata con numeri peggiori della precedente, sia di contagiati che di ricoverati in ospedale e in terapia intensiva. Inoltre aleggia, senza nessuna sorpresa, una nuova variante. Tutte le nostre speranze si sono basate sui vaccini e sulla sorprendente velocità con la quale si è riusciti a somministrare 58 milioni di dosi, coprendo il 57% della popolazione con almeno una dose. Siamo ormai giunti al diciottesimo mese di pandemia ed alla seconda estate. Questo ci impone una riflessione su quali comportamenti tenere e quali azioni intraprendere sulla base dell’esperienza accumulata.

Sequenziamento, tracciamento e isolamento

Una prima grossa debolezza rimane l’assenza di un piano nazionale di sequenziamento e di tracciamento capillare, con la consequenza di non poter effettuare un rapido isolamento nel momento in cui la bassa circolazione virale lo avrebbe consentito. Siamo infatti ora a soli 70 mila tamponi al giorno di cui meno del 10% sequenziati, il che vuol dire aver sprecato 18 mesi. Solo ora grazie ad un’iniziativa del Commissario Straordinario ed all’impegno dell’Istituto Superiore di Sanità si avrà finalmente un potenziamento e coordinamento nazionale dell’attività di sequenziamento. Per quanto riguarda l’isolamento dovremmo aspettare i prossimi 10-15 giorni per capire se i comportamenti sociali fin qui tenuti lo consentiranno o se i numeri di nuovi casi sarà oramai tale da renderlo impossibile.

Senza queste tre azioni coordinate, immediate e massive la circolazione del virus sfuggirà di nuovo al controllo, e la probabilità di una variante resistente ai vaccini diventerà sempre più alta vanificando uno sforzo gigantesco. Questa volta però sappiamo bene cosa andrebbe fatto, l’inazione delle istituzioni non sarebbe accettabile e quindi gravemente colpevole.

Distanziamento e mascherine

Abbiamo anche imparato che sarà difficile raggiungere la famosa immunità di gregge, sia perché mancano all’appello i bambini sia perché oltre 2,5 milioni di persone con più di 60 anni non si sono volute vaccinare. Questo significa che a livello individuale dobbiamo continuare a mantenere la distanza e portare la mascherina in tutte quelle occasioni dove l’assembramento diventa inevitabile, a prescindere se ci si trovi all’aperto o al chiuso.

Variante Delta

Dobbiamo anche tenere conto di alcune caratteristiche della variante Delta. Innanzitutto ci mancano ancora alcuni elementi che potrebbero arrivarci in tempi molto rapidi dall’esperienza inglese ed israeliana e di cui potremmo fare tesoro. Per ora sappiamo che infetta prevalentemente i giovani, poiché largamente non vaccinati e socialmente più attivi, e sappiamo che le persone immunizzate (somministrazione di due dosi o 14 giorni dopo il vaccino monodose) contraggono una malattia lieve nel 20% dei casi e sono protette dalle forme severe in oltre il 90% dei casi, analogamente alle altre varianti.

La variante Delta sembra inoltre avere una straordinaria capacità nella velocità di infezione dell’ospite ma non è nota la sua patogenicità sui giovani. Anche quest’ultima informazione potrebbe arrivarci nei prossimi 10-15 giorni dalle osservazioni in real-time, dopo la massiva esposizione dei giovani di mezza Europa (Italia inclusa).

Valorizzazione del Green pass

A livello istituzionale e delle autorità locali, se si vuole mantenere la riapertura della maggior parte delle attività, sarà necessario valutare attentamente come gestire i flussi dove sia inevitabile o addirittura previsto l’assembramento. In questi casi l’accesso dovrà essere garantito solo alle persone vaccinate o in presenza di un test che documenti l’assenza di infezione o l’avvenuta guarigione da Covid-19.

Questa è anche l’occasione per valorizzare non solo il Green pass, ma anche l’enorme sforzo fatto per la campagna vaccinale, premiare chi ha creduto nella scienza ed incoraggiare chi ancora ha dubbi. Sarà inoltre necessaria una rapida decisione in merito ai flussi transfrontalieri. Anche qui via libera per chi ha Green pass o presenta recente tampone, alternativamente quarantena di 5 giorni per tutti coloro che vengano dall’estero senza adeguata certificazione.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Green pass, Bartoletti (Fimmg): «Serve a tutelare salute dei non vaccinati»
«Mettere una persona non vaccinata a tavola con vaccinati la espone ad un rischio molto elevato di poter contrarre il Covid in forma anche grave. Essere chiari in questo senso, significa non limitare nessuno ma tutelare chi oggi il vaccino non ce l’ha non solo perché non lo vuole fare ma anche perché non lo può fare»
di Giulia Cavalcanti e Viviana Franzellitti
Arriva il super green pass, ok del Cdm alle nuove misure. Ecco cosa prevedono
Presentate dal Premier Draghi e dal Ministro della Salute Speranza le novità nel contrasto alla pandemia da Covid-19
Sono un cittadino italiano vaccinato all’estero, come posso ottenere il Green pass?
Cosa fare per ottenere la certificazione verde? Quali vaccino somministrati all’estero sono validi anche in Italia? Le risposte del Governo
Green Pass sul lavoro, via libera dal Senato. Copia del certificato al datore per evitare i controlli quotidiani
Il testo è passato con 199 voti favorevoli e 38 contrari. I lavoratori senza certificazione rischiano una sanzione amministrativa, ma hanno diritto alla conservazione del posto. Test antigenici restano calmierati fino al 31 dicembre. Novità per il personale sanitario
di Francesco Torre
La quarta ondata spaventa l’Europa: ecco le strategie dei singoli paesi contro il rialzo dei contagi
I governi corrono ai ripari: la Francia torna alle mascherine obbligatorie, la Svizzera spinge l'offensiva vaccinale, la Germania valuta l’introduzione del Green pass sui luoghi di lavoro. Ema: «Quadro molto preoccupante, più ricoveri e morti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al primo dicembre, sono 262.857.019 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.216.780 i decessi. Ad oggi, oltre 7,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano