Salute 17 Giugno 2021 09:48

Covid-19, Palamara (ISS): «No a terrorismo su varianti, primo obiettivo rafforzare piano sequenziamenti»

La nuova direttrice del dipartimento malattie infettive dell’ISS tra i protagonisti dell’incontro “Infodemia da Covid-19: cronache di un’emergenza mediatica” organizzato dall’università Sapienza di Roma

La pandemia di Covid-19 ha modificato la comunicazione e divulgazione scientifica e sanitaria. Le persone hanno dedicato tempo ed attenzione a Tg e programmi di approfondimento con conseguente fiducia nei media. Tuttavia, hanno letto e ascoltato, spesso, informazioni contradditorie, opinioni contrastanti rispetto all’emergenza sanitaria, c’è stato un aumento di fake news e titoli clickbait, veicolati soprattutto da social network e fonti non ufficiali. Tutto questo ha generato confusione, disorientamento e perdita di fiducia nella scienza e negli scienziati.

Infodemia da Covid-19: i principali errori commessi e come evitarli

Come migliorare l’informazione sanitaria è stato l’obiettivo del dibattito dal titolo “Infodemia da Covid 19: cronache di un’emergenza mediatica”, tenutosi all’università Sapienza di Roma. Esperti e giornalisti si sono confrontati sulle conseguenze della disintermediazione nella ricerca delle notizie e della ipersemplificazione delle notizie, che spesso banalizza fenomeni complessi. Ne è emersa la necessità di costruire un format per il confronto continuo tra mondo scientifico e mondo della divulgazione.

Liuccio: «Gli effetti di una buona o cattiva comunicazione impattano sui cittadini»

A livello comunicativo, quali sono gli errori principali che sono stati fatti? «La compresenza all’interno di un talk show televisivo di esperti con opinioni divergenti o la voglia di dare rapidamente una notizia quando ancora non c’è dal punto di vista della comunità scientifica» espone ai nostri microfoni Michaela Liuccio, Sociologa e Presidente del Corso di Laurea in comunicazione scientifica biomedica dell’Università Sapienza di Roma.

Come imparare dall’esperienza ed evitare che ciò accada in futuro? «Comunicare meno e in maniera più convergente rispetto alla linea delle istituzioni – aggiunge la professoressa -. Troppa trasparenza rispetto a un percorso di ricerca in itinere può gettare nella confusione i cittadini. Divulgare la scienza in modo corretto è una sfida ammette – perché gli effetti di una buona o una cattiva comunicazione della scienza hanno un impatto sulle persone che spesso sono allarmate e hanno difficoltà a prendere decisioni».

All’evento ha partecipato la professoressa Anna Teresa Palamara, Ordinario di microbiologia e microbiologia clinica nell’Università Sapienza di Roma e, da qualche settimana, nuova direttrice del dipartimento malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità. Prima donna a ricoprire questo incarico, succede a Gianni Rezza.

Palamara (ISS): «Primo obiettivo dare stabilità al piano sequenziamenti»

«Sono onorata di dirigere un dipartimento con una lunghissima tradizione – dichiara -. Stiamo lavorando molto alacremente a definire gli obiettivi prossimi che riguardano soprattutto la messa a punto del piano sequenziamenti. Ci tengo a ribadire che il piano già esiste, è attivo all’ISS e coinvolge moltissimi laboratori italiani che finora hanno lavorato gratuitamente e non hanno ricevuto nessun finanziamento. Il primo obiettivo è quello di dare stabilità a questa rete pubblica che è un deposito di dati e metterla a disposizione di tutte le regioni. Stiamo lavorando per dare continuità, rafforzarla e renderla performante ad affrontare le sfide del futuro. Questo richiede tempo, soldi, competenze, risorse. L’obiettivo è essere pronti a settembre».

«Le varianti daranno al virus la capacità di diffondersi meglio, ma non è detto che questo si associ a una patologia più severa»

Sul virus e le varianti, la professoressa Palamara ha parlato di “dati di fatto”. «Ci dobbiamo aspettare in continuazione le varianti, sono assolutamente normali per virus respiratori e ad RNA. Più circola, più emergono varianti. È possibile che daranno al virus la capacità di diffondersi meglio, ma non è detto che questo si associ a una patologia più severa. È possibile – prosegue la Palamara – che aumentando la platea di infetti, aumentino le ospedalizzazioni, ma non è giusto terrorizzare la popolazione su questo. Il rischio c’è, va gestito e vanno per questo mantenute le procedure di sicurezza».

Villari: «Fase favorevole dell’epidemia. Sulla variante Delta non ci sono particolari allarmi»

I dati evidenziati dalla curva epidemica sono in continuo miglioramento: scendono costantemente i decessi, i contagi e la pressione sul SSN. È sufficiente per considerarci al di fuori della pandemia? «Siamo in una fase della pandemia molto favorevole – spiega il Professor Paolo Villari, direttore del dipartimento di Sanità pubblica e malattie infettive dell’Università Sapienza di Roma – ma non siamo completamente fuori dall’emergenza. Dobbiamo sperare che i vaccini conferiscano a tutta la popolazione quella protezione immunitaria che auspichiamo».

In questo momento, c’è bisogno di un sistema di monitoraggio e tracciamento valido ed efficiente. La variante Delta del virus – la mutazione indiana rispetto al ceppo originario – è quella che desta più preoccupazione, vista l’ondata di nuovi contagi nel Regno Unito. «Le varianti rappresentano un evento normale per quanto riguarda i virus a RNA – continua Villari -. Quelle emerse fino a questo momento, sebbene documentino una maggiore probabilità di trasmissione e contagiosità, sembrano non bucare la protezione conferita dai vaccini, soprattutto con le due dosi. Per ora non ci sono particolari allarmi. L’obiettivo fondamentale è vaccinare».

Vaccinazione eterologa, Villari: «Nessuna evidenza scientifica nega che possa funzionare. In alcuni casi, copertura immunitaria più elevata»

«La vaccinazione eterologa è un qualcosa che è già entrato nella pratica vaccinale da tempo, ad esempio, con la vaccinazione antinfluenzale. I primi dati a disposizione – evidenzia Villari – documentano che la protezione immunitaria conferita dalla vaccinazione eterologa è buona, anzi in alcuni casi sembra che la copertura immunitaria sia più elevata. Io questo non lo so e non lo sa nessuno ma non c’è al momento nessuna evidenza scientifica che non possano funzionare».

Covid-19, Villari: «Potenziare tracciamento dei casi»

In Italia sono tracciate tutte le varianti presenti? «Il sequenziamento del virus – aggiunge il professor Villari – presuppone una infrastruttura di laboratorio che sicuramente in Italia deve essere potenziata. La capacità di sequenziamento rispetto ad altri paesi, soprattutto al Regno Unito, è minore ma stiamo recuperando» precisa Villari. «Ci sono una serie di laboratori che sono in grado di effettuare il sequenziamento, esiste un protocollo messo a punto dall’ISS con indagini campionarie quindi abbiamo un’idea dalle varianti circolanti in Italia, ma ci aspettiamo che il sequenziamento possa diventare una pratica di sanità pubblica. In questo periodo il tracciamento dei casi deve essere assolutamente potenziato».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
La quarta dose è obbligatoria?
La quarta dose di vaccino anti-Covid è importante per rafforzare l'immunità in vista della stagione invernale. Tuttavia, viene solo raccomandata e non c'è alcun obbligo per nessuno, neanche per gli operatori sanitari
Bonus psicologo: oltre 340mila richieste, ma i fondi ci sono solo per 1 su 10
Boom di richieste per il bonus psicologo, ma solo il 12 per cento riuscirà a ottenerlo. Le risorse disponibili sono infatti insufficienti
Ricoveri ospedalieri, gli standard assistenziali sono stati rispettati con la pandemia? Il confronto tra 2020 e 2019
In base a un'indagine di www.doveecomemicuro.it nel 2020 è calata, per molti indicatori, la percentuale di ospedali in linea con le soglie minime di volume di attività fissate dalle autorità ministeriali: una conseguenza del crollo dei ricoveri dovuto alla pandemia da Covid-19
Usa: nel 2021 suicidi in aumento dopo più di 2 anni di declino
Lo scorso anno, negli Stati Uniti, 47.646 persone sono morte per suicidio. Secondo un nuovo rapporto dei Centers for Disease Control and Prevention americani, nel 2021 si è verificato un decesso per suicidio ogni 11 minuti. Questo, secondo gli esperti, potrebbe dipendere dalla pandemia
La pandemia ha cambiato le nostre personalità?
Una nuova ricerca suggerisce che siamo meno aperti, piacevoli e coscienziosi. Ma possiamo tornare a come eravamo prima?
di Stefano Piazza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni