Salute 27 Maggio 2020 18:10

Terapia con plasma iperimmune dei guariti da Covid-19, il virologo Crisanti: «Due pazienti gravi su tre migliorano in 36 ore»

In audizione informale alla Commissione Affari Sociali i virologi parlano di una procedura che dà buoni risultati. Non tutte le dosi di plasma hanno però anticorpi neutralizzanti efficaci. Baldanti (San Matteo Pavia): «Maggiore presenza nei guariti da forme gravi»

«Premesso che i risultati del nostro studio non sono di tipo statistico, si è visto che in due terzi dei pazienti trattati con il plasma dei guariti da Covid-19 c’è un miglioramento: in particolare, si è visto che i pazienti che sono in stato critico migliorano in 24-36 ore». Inizia con una nota positiva l’audizione informale in Commissione Affari sociali alla Camera del virologo Andrea Crisanti, direttore del dipartimento di Medicina molecolare e direttore dell’unità operativa complessa di Microbiologia e virologia dell’università di Padova.

La struttura patavina, ha spiegato Crisanti, riceve grandi quantità di plasma da molte regioni italiane, ma prima di poterne approvare l’utilizzo ognuna deve essere analizzata: «In primis per l’assenza di agenti patogeni di qualsiasi tipologia e poi per l’effettiva presenza di anticorpi neutralizzanti». Sono noti con questo nome quelle immunoglobuline in grado di bloccare l’attività e la replicazione del virus nelle cellule bersaglio.

«Per testare questa capacità – ha proseguito Crisanti – servono test che richiedono laboratori con un elevato livello di sicurezza, che poche strutture hanno a disposizione. La nostra esperienza ci ha mostrato che delle sacche che riceviamo solo un 30-40% ha la capacità di bloccare il virus». È quindi essenziale riuscire ad accelerare i test per moltiplicare le dosi di plasma “utilizzabile”. A Padova si cerca un test sierologico surrogato che possa raggiungere la precisione dei test di laboratorio in maniera più semplice e meno costosa.

LEGGI ANCHE: COVID-19, AIFA SOSPENDE L’AUTORIZZAZIONE ALL’UTILIZZO DI IDROSSICLOROCHINA PER IL TRATTAMENTO AL DI FUORI DEGLI STUDI CLINICI

Della stessa opinione è stato il dottor Fausto Baldanti, responsabile del laboratorio di virologia molecolare della Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia. Il virologo ha ribadito che la terapia con plasma iperimmune proveniente dai guariti è una risorsa in assenza di terapie o farmaci specifici, utilizzata anche per Ebola, Sars e influenza aviaria in precedenza.

A rendere “iperimmune” il plasma sono proprio quegli anticorpi neutralizzanti di cui Crisanti ha descritto la verifica, che si sviluppano dopo 2 o 3 settimane dai primi sintomi. «Abbiamo notato come i pazienti con una situazione clinica da Covid-19 più importante risultino solitamente avere più anticorpi neutralizzanti e, viceversa, è raro trovarli in chi ha contratto il virus in forma asintomatica».

Al San Matteo la terapia con il plasma ha dato risultati promettenti sui pazienti in terapia intensiva, su cui tutte le altre terapie stavano fallendo. «Prima dell’utilizzo del plasma la mortalità osservata in ospedale – ha chiarito Baldanti – era del 30%, significa che nella fase più acuta dell’emergenza moriva 1 persona ospedalizzata su 3. Ora la percentuale è stata portata al 6%, il che significa che c’è 1 morto ogni 16 persone».

Questi risultati dimostrano senza alcun dubbio, per il virologo, che la procedura va studiata meglio e approfondita per il beneficio dei pazienti. «In un tempo medio di due giorni dalla somministrazione del plasma – ha proseguito – 3 pazienti su 7 in intensiva sono stati estubati e in una sola settimana la carica virale è diminuita del 3,5%».

Non ci si distragga ora in Fase 2, ha però concluso: «In previsione di una seconda ondata dobbiamo creare qualcosa di pronto all’uso, perciò le banche di plasma e dei test più veloci necessitano di grande attenzione nel panorama scientifico».

Crisanti ha poi dedicato una riflessione al proliferare di test anticorpali privati. «Il problema principale – ha chiarito – è che non c’è nessuno studio che permette di paragonarli. Oggi ce ne sono più di 150 in commercio con prestazioni diverse che producono falsi positivi e negativi. I primi soprattutto sono un problema, perché per lungo tempo si lasciano persone nell’incertezza. C’è grande confusione».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
Studio rivela il sintomo Covid che colpisce i vaccinati
I dati raccolti dall'App ZOE Health Study indicano stato un aumento delle segnalazioni di diarrea nel gennaio 2022 tra i vaccinati. Il sintomo dura in media 2-3 giorni
Covid, Fiaso: «Giù del 20% i ricoveri nell’ultima settimana, -22% nelle terapie intensive»
Le terapie intensive segnano un -22% rispetto alla settimana precedente e un indice di occupazione del 4,4%. In calo del 27% i ricoveri Covid pediatrici negli ospedali aderenti al network sentinella di Fiaso
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
Covid-19, test salivare 2 in 1: in due ore individua il virus e conta gli anticorpi
I suoi ideatori lo hanno definito «economico, accurato, preciso e ultra sensibile». Il prototipo potrebbe migliorare notevolmente la risposta globale alle future pandemie e fornire indicazioni sul tipo di trattamento che il paziente dovrebbe ricevere
Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?
Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi è che la durata dell'infettività è più breve rispetto a quella dei sintomi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...