Salute 27 Maggio 2020

Terapia con plasma iperimmune dei guariti da Covid-19, il virologo Crisanti: «Due pazienti gravi su tre migliorano in 36 ore»

In audizione informale alla Commissione Affari Sociali i virologi parlano di una procedura che dà buoni risultati. Non tutte le dosi di plasma hanno però anticorpi neutralizzanti efficaci. Baldanti (San Matteo Pavia): «Maggiore presenza nei guariti da forme gravi»

«Premesso che i risultati del nostro studio non sono di tipo statistico, si è visto che in due terzi dei pazienti trattati con il plasma dei guariti da Covid-19 c’è un miglioramento: in particolare, si è visto che i pazienti che sono in stato critico migliorano in 24-36 ore». Inizia con una nota positiva l’audizione informale in Commissione Affari sociali alla Camera del virologo Andrea Crisanti, direttore del dipartimento di Medicina molecolare e direttore dell’unità operativa complessa di Microbiologia e virologia dell’università di Padova.

La struttura patavina, ha spiegato Crisanti, riceve grandi quantità di plasma da molte regioni italiane, ma prima di poterne approvare l’utilizzo ognuna deve essere analizzata: «In primis per l’assenza di agenti patogeni di qualsiasi tipologia e poi per l’effettiva presenza di anticorpi neutralizzanti». Sono noti con questo nome quelle immunoglobuline in grado di bloccare l’attività e la replicazione del virus nelle cellule bersaglio.

«Per testare questa capacità – ha proseguito Crisanti – servono test che richiedono laboratori con un elevato livello di sicurezza, che poche strutture hanno a disposizione. La nostra esperienza ci ha mostrato che delle sacche che riceviamo solo un 30-40% ha la capacità di bloccare il virus». È quindi essenziale riuscire ad accelerare i test per moltiplicare le dosi di plasma “utilizzabile”. A Padova si cerca un test sierologico surrogato che possa raggiungere la precisione dei test di laboratorio in maniera più semplice e meno costosa.

LEGGI ANCHE: COVID-19, AIFA SOSPENDE L’AUTORIZZAZIONE ALL’UTILIZZO DI IDROSSICLOROCHINA PER IL TRATTAMENTO AL DI FUORI DEGLI STUDI CLINICI

Della stessa opinione è stato il dottor Fausto Baldanti, responsabile del laboratorio di virologia molecolare della Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia. Il virologo ha ribadito che la terapia con plasma iperimmune proveniente dai guariti è una risorsa in assenza di terapie o farmaci specifici, utilizzata anche per Ebola, Sars e influenza aviaria in precedenza.

A rendere “iperimmune” il plasma sono proprio quegli anticorpi neutralizzanti di cui Crisanti ha descritto la verifica, che si sviluppano dopo 2 o 3 settimane dai primi sintomi. «Abbiamo notato come i pazienti con una situazione clinica da Covid-19 più importante risultino solitamente avere più anticorpi neutralizzanti e, viceversa, è raro trovarli in chi ha contratto il virus in forma asintomatica».

Al San Matteo la terapia con il plasma ha dato risultati promettenti sui pazienti in terapia intensiva, su cui tutte le altre terapie stavano fallendo. «Prima dell’utilizzo del plasma la mortalità osservata in ospedale – ha chiarito Baldanti – era del 30%, significa che nella fase più acuta dell’emergenza moriva 1 persona ospedalizzata su 3. Ora la percentuale è stata portata al 6%, il che significa che c’è 1 morto ogni 16 persone».

Questi risultati dimostrano senza alcun dubbio, per il virologo, che la procedura va studiata meglio e approfondita per il beneficio dei pazienti. «In un tempo medio di due giorni dalla somministrazione del plasma – ha proseguito – 3 pazienti su 7 in intensiva sono stati estubati e in una sola settimana la carica virale è diminuita del 3,5%».

Non ci si distragga ora in Fase 2, ha però concluso: «In previsione di una seconda ondata dobbiamo creare qualcosa di pronto all’uso, perciò le banche di plasma e dei test più veloci necessitano di grande attenzione nel panorama scientifico».

Crisanti ha poi dedicato una riflessione al proliferare di test anticorpali privati. «Il problema principale – ha chiarito – è che non c’è nessuno studio che permette di paragonarli. Oggi ce ne sono più di 150 in commercio con prestazioni diverse che producono falsi positivi e negativi. I primi soprattutto sono un problema, perché per lungo tempo si lasciano persone nell’incertezza. C’è grande confusione».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
Positiva al Covid e in isolamento per 75 giorni: oggi Ericka torna alla vita
Venti giorni in ospedale e poi un lungo isolamento all’hotel Michelangelo di Milano, adibito alla quarantena dei malati Covid. «Periodo impegnativo, tanti effetti collaterali e un desiderio: riabbracciare gli amici e mangiare un gelato al parco»
di Federica Bosco
Report Istat 2020, con Covid drammatico picco decessi: a marzo +48%. 85% dei morti erano over 70
Sistema sanitario nazionale messo a dura prova secondo il report Istat. Cambia la soglia dell'anzianità: non più 65 anni
Seconda ondata, medici e operatori sanitari si preparano con la “cine-formazione”
Oltre 5mila accessi al docufilm di “Covid-19 Il virus della paura”. Il presidente Consulcesi Massimo Tortorella: «Segnale importante dei professionisti che credono nell’aggiornamento professionale»
Covid, medici del territorio senza tutele né indennizzi in caso di contagio. Le reazioni dei sindacati
SMI: «Inail e assicurazioni private prevedano copertura». FISMU: «Nostra denuncia caduta nel dimenticatoio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 luglio, sono 11.451.030 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 534.320 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...