Salute 17 Novembre 2021 18:34

“Sviluppo tecnologico nelle malattie cardiovascolari”, il 26 e 27 novembre torna Ciociaria Cuore

A Ferentino due giorni dedicata agli sviluppi nel campo delle malattie cardiovascolari: tra gli ospiti il genetista Giuseppe Novelli e il professore emerito di cardiologia Francesco Fedele. Tra i focus quello sulla chirurgia robotica e sull’ospedale virtuale

di Francesco Torre
“Sviluppo tecnologico nelle malattie cardiovascolari”, il 26 e 27 novembre torna Ciociaria Cuore

Dall’ospedale virtuale all’uso delle tecnologie nelle malattie cardiovascolari, dall’amiloidosi alla chirurgia robotica e alla terapia genica. Per due giorni, il 26 e 27 novembre, la Ciociaria sarà la capitale italiana della cardiologia con la nuova edizione di Ciociaria Cuore, che si svolge all’Hotel Bassetto di Ferentino, quest’anno dal titolo “Lo sviluppo tecnologico nelle malattie cardiovascolari”.

L’evento, ormai appuntamento fisso in autunno, è patrocinato dall’Asl e dall’OMCeO di Frosinone ed è presieduto anche quest’anno dal professor Francesco Fedele della Scuola di specializzazione in malattie dell’apparto cardiovascolare dell’Università La Sapienza e vede nella segreteria scientifica Chiara Basile, UOC Patrimonio Tecnico Immobiliare e Sistema Informatico dell’ASL Frosinone, Valerio Pecchioli, UOSD Prevenzione Cardiovascolare dell’ASL di Frosinone, Maria Paola Gemmiti, UOC Cardiologia dell’Ospedale di Sora, Maria Pia Corsi, UOC Cardiologia dell’Ospedale di Sora e Nazzareno Lomartire, UOC Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale S.S. Trinità di Sora.

Tra gli ospiti Giuseppe Novelli, genetista ed ex rettore dell’Università di Tor Vergata in un incontro dal titolo “Leggere e Riscrivere il DNA: verso la terapia genica delle malattie cardiovascolari”, Leonardo Calò, Cardiologia Policlinico Casilino, in “La cardiologia di precisione”, Fabio Beatrice, Otorinolaringoiatria e S.S. Maxillo Facciale Ospedale San Giovanni Bosco dell’ASL Torino 2, in “Le nuove tecnologie digitali per ridurre il rischio cardiovascolare nei soggetti fumatori”, Francesco Romeo, Professore Emerito Cattedra di Cardiologia Policlinico Tor Vergata, Roma, nell’incontro “Up to date nel trattamento dell’ipercolesterolemia”.

Il focus, dunque, sarà sulla tecnologia in senso ampio, dai device a quella legata al mondo farmaceutico, fino alla ricerca scientifica. «In sostanza, è un congresso sulla medicina di precisione» spiega a Sanità Informazione Valerio Pecchioli, UOSD Prevenzione Cardiovascolare, ASL Frosinone, componente della segreteria scientifica dell’evento.

Il tema della cardiologia si intreccia agli investimenti attesi con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza: «Dobbiamo guardare al futuro, il PNRR non si può rivolgere solo a questa infezione. La pandemia ci sta stimolando and andare verso una sanità e a dei processi sanitari sempre più informatizzati, in sostanza verso l’ospedale virtuale» spiega Pecchioli. La telemedicina e l’ospedale virtuale avranno ampio spazio nel convegno, anche perché il Covid ha portato alla luce la possibilità di gestire sempre più pazienti anche da remoto. Il panel sul tema sarà presentato dalla Direttrice sanitaria dell’ASL di Frosinone Simona Carli. 

Nella sessione inaugurale, dal titolo “Eccellenze in Italia: la Salute Connessa”, non ci saranno medici ma esperti degli enti regolatori e governativi, presentati dalla direttrice generale dell’ASL di Frosinone Pierpaola D’Alessandro. Tra loro Serena Battilomo, Dirigente di II fascia del Settore Informatico Statistico – Ministero della Salute, Andrea Belardinelli, Direttore del Settore Sanità Digitale e Innovazione della Direzione Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale della Regione Toscana, Antonietta Cavallo, Ufficio IV Ispettorato Generale per la Spesa Sociale, Ministero dell’Economia e delle Finanze, William Frascarelli, Category Manager Area Infrastrutture IT e servizi di digitalizzazione – Divisione Sourcing ICT, Consip S.p.A., Enrica Massella, Responsabile Servizio Monitoraggio attività e coordinamento, Gandolfo Miserendino, Ingegnere Responsabile servizio ICT, Tecnologie e Strutture Sanitarie Regione Emilia Romagna, Antonino Ruggeri, Responsabile Controllo di Gestione, Sistemi Informativi, Logistica Sanitaria, Regione Piemonte, Lorenzo Sornaga, Dirigente Responsabile Area Sanità e Sistemi Centrali, LAZIOcrea S.p.A.

Altro tema oggetto dell’incontro è quello della chirurgia robotica: «Parleremo di neurochirurgia e di chirurgia addominale, oltre che degli aspetti e della funzione dell’anestesista nell’ambito di un futuro dove il robot sarà preminente» spiega Pecchioli.

In conclusione, il professor Francesco Fedele illustrerà come le tecnologie siano destinate a cambiare il percorso formativo dei futuri medici e infermieri nell’ambito cardiologico universitario.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Una persona su 8 è ipertesa e non lo sa, nel 15% picchi di pressione di notte
Uno studio dell'Università di Oxford ha rilevato che in alcune persone la pressione sanguigna aumenta pericolosamente di notte ed è per questo che non si arriva correttamente a una diagnosi di ipertensione
Sanità digitale e cronicità, Salutequità: «Urgente aggiornare Piano Nazionale Cronicità e rivedere i PDTA»
Tra le richieste di Salutequità alla politica quella di misurare gli esiti della telemedicina e definire le tariffe specifiche per tutte le prestazioni di telemedicina
La telemedicina sbarca in Toscana: a Gorgona il primo test in un’isola-penitenziario
Obiettivo migliorare le prestazioni e ridurre i costi di spostamento. A Capraia successo per un primo test rivolto a tutta la popolazione. «Vogliamo creare un collegamento tra il medico di base e i vari specialisti» spiega Alessandro Iala, direttore dell'area Supporto ai servizi sanitari e al cittadino dell'Asl Toscana Nord Ovest. Anche ecografie ed elettroencefalogramma vengono teleguidate da remoto
di Francesco Torre
Indolfi (SIC) fuori dal coro: «Telemedicina foglia di fico, investire su ospedali, PS e posti letto»
«Milioni di pazienti cardiologici non sanno di esserlo e potrebbero scoprirlo troppo tardi. Diagnostica, terapie e monitoraggio dei risultati delle procedure da recuperare con urgenza»
Dal PNRR nuove tecnologie per la sanità. Ma gli italiani non sanno usarle e l’Italia è troppo poco connessa
Analfabetismo digitale e connessione scadente, Boggetti (Confindustria Dispositivi Medici): «Gli anziani sono tra coloro che avrebbero più bisogno dei servizi di telemedicina, ma non sanno usarli. E la maggior parte di loro vive in zone d’Italia dove si fa fatica pure a fare una telefonata, figuriamoci scambiare dati ad alta risoluzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 ottobre 2022, sono 619.806.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.552.302 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola