Salute 5 Dicembre 2018

Dispositivi medici, Boggetti (Assobiomedica): «Sono sicuri, Ministero fa controlli accurati. In caso di dubbi andate dal medico»

Il caso nato dall’inchiesta giornalistica “Implant Files”. Positivo il giudizio del presidente dell’associazione che raccoglie le aziende del settore biomedicale sul Sunshine Act: «Bene rendere trasparenti i rapporti professionali ma non sia demonizzazione»

Immagine articolo

«I nostri dispositivi medici hanno dimostrato nei fatti, negli anni, di essere prodotti sicuri con la consapevolezza che non esiste il rischio zero in medicina». Massimiliano Boggetti, presidente di Assobiomedica, dice la sua sul caso sollevato dall’inchiesta giornalistica “Implant Files” che ha portato alla luce numerosi episodi in tutto il mondo di dispositivi medici difettosi o di scarsa qualità costati la vita a migliaia di persone. E prova a tranquillizzare tutti quei pazienti che usufruiscono in Italia di apparecchi medicali. «Qualsiasi paziente si sentisse nella necessità di avere maggiori rassicurazioni è dal proprio medico che deve andare», sottolinea Boggetti a Sanità Informazione. Il numero uno dell’industria di dispositivi medici parla anche del Sunshine Act, la legge sulla trasparenza in sanità in discussione alla Camera che prevede per le aziende l’obbligo di registrare in un database le donazioni agli operatori sanitari: «È positiva. Non fa altro che proseguire sulla strada che noi abbiamo tracciato, sotto certi punti di vista addirittura rendendo più istituzionale e sgravando le imprese di un ruolo che in maniera autonoma avevano intrapreso». Anche se, continua Boggetti, questa operazione di trasparenza «deve avvenire in un’ottica di protezione del rapporto tra noi industria e i medici e non in un’ottica di demonizzazione».

Presidente, in questi giorni si discute molto del Sunshine Act, un provvedimento che vi vede coinvolti perché è sulla trasparenza in sanità. Qual è il suo giudizio?

«Il giudizio è assolutamente positivo, noi siamo stati i primi a muoverci in maniera proattiva sul discorso della trasparenza, tanto è vero che circa un anno fa abbiamo promulgato e approvato all’unanimità un nuovo codice etico tutto incentrato sulla trasparenza dei rapporti tutte le volte che c’è una transazione economica tra noi e un medico e una separazione tra le cosiddette sponsorizzazioni congressuali e l’industria tale per cui oggi le industrie associate non possono più sponsorizzare direttamente i medici ma dare solo contributi formativi al provider che organizza il convegno in una totale situazione di anonimità e distanza tra noi e il medico. Dunque il Sunshine Act non fa altro che proseguire sulla strada che noi abbiamo tracciato addirittura sotto certi punti di vista rendendo più istituzionale e sgravando le imprese di un ruolo che in maniera autonoma avevano intrapreso. Quindi per noi è solo positivo. Durante l’audizione in Commissione mi sono permesso di suggerire al relatore onorevole Baroni che il Sunshine act deve avere due obiettivi: uno, di rendere trasparenti i rapporti professionali ma di rapporti professionali si tratta, non si tratta di omaggi e regalie perché noi non li facciamo. Noi mettiamo in atto dei rapporti di consulenza attraverso i quali l’innovazione si sviluppa perché la nostra tecnologia ha bisogno di essere valutata proprio in termini di sicurezza sul paziente. E, secondo, deve essere fatto attraverso un’ottica di protezione del rapporto tra noi industria e i medici e non in un’ottica di demonizzazione: questo provvedimento deve anzi creare slancio maggiore perché le nostre imprese vedano l’Italia come una opportunità per investire e non come un’area dove avere paura di fare collaborazioni scientifica».

Legato al tema della trasparenza c’è quello della sicurezza dei dispositivi medici, che oggi ha i riflettori puntati: ci sono anche pazienti che hanno valvole cardiache o usufruiscono di altri dispositivi medici e temono per la loro salute. Lei cosa si sente di dire sulla sicurezza in questo settore?

«La sicurezza è centrale per noi industria, per il medico e quindi anche poi per il paziente. Mi sento di rassicurare nella misura in cui i nostri dispositivi medici hanno dimostrato nei fatti, negli anni di essere prodotti sicuri con la consapevolezza che non esiste il rischio zero in medicina e come tale il medico diventa sempre centrale nei rapporti con il proprio paziente. Quindi qualsiasi paziente si sentisse nella necessità di avere maggiori rassicurazioni è dal proprio medico che deve andare. Non deve cercare soluzioni alternative, attraverso database su internet o cose create ad hoc perché chi è responsabile della sicurezza dei pazienti è il Ministero che fa controlli accurati attraverso i Nas e informa i pazienti attraverso i propri medici, il medico rimane centrale in ogni processo di salute compreso quello del dispositivo medico».

Articoli correlati
Sanità trasparente, via libera dalla Camera a Ddl. Il ministro Grillo: «Scritta pagina storica»
Nessun voto contrario, il testo ora passa al Senato. Sul sito del ministero della Salute, infatti, dovranno essere pubblicate tutte le donazioni superiori a 50 euro fatte dall’industria sanitaria a medici e personale amministrativo (e superiori a 500 euro se destinate alle organizzazioni sanitarie) | LEGGI GLI APPROFONDIMENTI
Rapporti medici-case produttrici, Schiaffino (avvocato): «Sono fisiologici, l’importante è che siano regolamentati in modo chiaro. Ecco come fare»
Il penalista con base a Milano spiega a Sanità Informazione quali sono le normative che regolano questo campo: «In primis attenersi alle disposizioni di Assobiomedica. Per gli eventi scientifici occorre sempre passare da struttura terza o ente ospedaliero»
di Federica Bosco
Trasparenza in Sanità, Andrea Grasso (Sicoop): «Con Sunshine Act si rafforzerà ulteriormente fiducia medico-paziente»
Al convegno “Legalità e trasparenza in ambito sanitario pubblico e privato” alla Camera si è discusso della novità della legge che renderà tracciabili tutte le erogazioni in denaro o di beni o servizi dell'industria sanitaria in favore dei professionisti del settore. Tra i relatori Stefano De Lillo, Presidente facente funzioni di Agenas e Massimo Enrico Baroni, primo firmatario della proposta di legge
Sanità trasparente, parla il relatore Provenza (M5S): «Nessuna incombenza per i medici. Trasparenza affinché il cittadino torni a fidarsi degli operatori sanitari»
Il Provvedimento, approvato in Commissione Affari Sociali, deve ora ricevere il parere delle altre Commissioni competenti. Nel registro pubblico saranno rese note anche le motivazioni delle transazioni tra imprese e operatori del settore. Alzate le soglie minime: 50 euro per ogni singola donazione (500 euro all’anno). «Nessuna idea vessatoria o persecutoria della classe medica. Il nostro è un progetto culturale che mira sostanzialmente a sostenere il diritto alla conoscenza dei rapporti», sottolinea il deputato M5S
Sunshine Act, via libera in Commissione Affari Sociali. M5S: «Più vicino traguardo di una sanità trasparente. Nas faranno i controlli necessari»
Dovranno essere pubblicate tutte le donazioni superiori a 50 euro verso i singoli operatori della salute (o superiori a 500 euro verso le organizzazioni sanitarie). «Si tratta di un impianto normativo innovativo – sottolineano i deputati Massimo Enrico Baroni e Nicola Provenza - che porterà il nostro Paese all’avanguardia a livello internazionale nella tutela di un bene collettivo fondamentale come la salute