Salute 3 Gennaio 2019

Cancro, il direttore dello IARC Wild: «Grazie a prevenzione, diagnosi precoce e terapia c’è speranza per sconfiggerlo»

Il numero uno dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro ai nostri microfoni: «Oggi potremmo prevenire il 50% dei tumori. Fondamentale conoscerne le cause, tra le quali c’è anche il cambiamento climatico»

Immagine articolo

Conoscere le cause del cancro e fare di tutto per prevenirlo. Oltre a migliorare le terapie e la sopravvivenza dei pazienti a cui è stata diagnosticata la malattia, è questa la direzione verso cui sta andando la ricerca. Parola di Christopher Wild, direttore dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC), che ai nostri microfoni sottolinea: «Le conoscenze che abbiamo oggi ci consentirebbero di prevenire circa il 50% dei tumori, ma c’è il potenziale perché questa percentuale cresca molto».

Direttore, cosa si sta facendo nel campo della ricerca sul cancro?

«La ricerca sul cancro è molto ampia. Mentre stiamo facendo processi per migliorare le terapie, abbiamo bisogno di comprendere veramente le cause della malattia, in modo da poter pensare a nuovi interventi utili a ridurre il rischio. E questa è una delle principali aree di ricerca: trasferire le nostre conoscenze sulle cause della malattia in programmi e interventi che funzionino per tutta la popolazione».

Tra le cause, ci sono anche i cambiamenti climatici. In che modo impattano sull’insorgenza dei tumori?

«Il cambiamento climatico sta modificando alcune cause del cancro che conosciamo. Ad esempio l’inquinamento atmosferico, aggravato dal cambiamento del clima, sta facendo aumentare i casi di tumore ai polmoni. Ma anche il tumore alla pelle, legato all’esposizione alle radiazioni solari, è influenzato dal cambiamento climatico e dalla riduzione dello strato di ozono. Quindi ci sono effetti diretti come questi, ma anche indiretti: assistiamo a cambiamenti nell’agricoltura e nella disponibilità di cibo che influenzeranno le diete e quindi anche i tassi di cancro. Saranno proprio queste, credo, le tematiche che dovremo affrontare in futuro».

Cosa sta facendo l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro per far fronte a questa situazione?

«Prima di tutto stiamo monitorando il cambiamento dei tassi di cancro, cercando di capirne le cause. Poi cerchiamo di stimare gli effetti dell’esposizione ai cambiamenti climatici sui fattori di rischio del cancro. Stiamo, insomma, descrivendo il problema, e poi valutiamo i possibili interventi ed i possibili benefici nella riduzione del rischio».

Pensa che prima o poi riusciremo a sconfiggere il cancro?

«Innanzitutto stiamo cercando di migliorare la sopravvivenza dei pazienti a cui è stata diagnosticata la malattia, ma secondo me potremmo fare di più nella prevenzione. Le conoscenze che abbiamo oggi ci consentirebbero di prevenire circa il 50% dei tumori, ma se continuiamo a identificare le cause della malattia, il potenziale perché questa percentuale cresca molto c’è. Abbiamo bisogno di un approccio integrato tra prevenzione, diagnosi precoce e terapia, ma in questo momento nel campo dei tumori c’è molta speranza».

LEGGI ANCHE: TUMORI, FRANCESCO COGNETTI (REGINA ELENA): «CANCRO PUÒ ESSERE ELIMINATO DEL TUTTO SOLO CON LA PREVENZIONE. MA CON LE NUOVE TERAPIE POSSIAMO CONTROLLARLO»

Articoli correlati
Human Technopole pronto nel 2024. Mattaj (direttore) : «Permetterà all’Italia di diventare un paese più competitivo nella ricerca biomedica»
Human Technopole è un centro di ricerca scientifico dedicato alle scienze della vita dotato delle tecnologie più avanzate al mondo e sopratutto di mezzi che non ha nessuno: quasi un miliardo di euro, secondo la Legge di Bilancio 2017, direttamente dalle tasche dello Stato, dal 2016 al 2024 quando dovrebbe essere completato (per un totale […]
Palermo, gli ospedali privati aprono le porte agli studenti del liceo Cannizzaro
Gli ospedali privati di Palermo aprono le porte agli studenti del liceo scientifico Cannizzaro nell’ambito del progetto alternanza scuola lavoro. Ottanta ragazzi delle quarte e delle quinte hanno partecipato al percorso di orientamento e formazione condiviso da Aiop e Ordine dei medici, che si inserisce negli obiettivi del più ampio protocollo d’intesa, firmato alcuni mesi […]
Piogge estreme mettono a rischio la salute pubblica. La ricerca dell’Università di Bologna
La frequenza di precipitazioni estreme – eventi che possono causare frane e alluvioni, mettendo a rischio la sicurezza e la salute pubblica – è aumentata a livello globale negli ultimi cinquant’anni di pari passo con l’intensificarsi del riscaldamento globale. A rivelarlo è un nuovo studio pubblicato sulla rivista Water Resources Research e realizzato da studiosi […]
Ricerca, assegnati 95 mln di euro per nuovi progetti. Grillo: «Dobbiamo valorizzare il nostro “made in Italy”»
Attraverso il Bando della Ricerca Finalizzata 2018 sono stati esaminati oltre 1.700 progetti. 5 milioni sono andati a ricercatori under 33
Oncologia, al Fatebenefratelli laboratori di bellezza gratuiti per donare un sorriso alle donne in terapia
Parte al Fatebenefratelli-Isola Tiberina di Roma il servizio gratuito dei laboratori di bellezza per donne in trattamento oncologico, promosso da La forza e il sorriso Onlus presso l’Ospedale. L’iniziativa, che non interferisce con le cure mediche né intende in alcun modo sostituirsi a esse, si propone attraverso i laboratori gratuiti di offrire alle donne in […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...
Politica

Europee, ecco i risultati. Vanno bene i camici bianchi

Entra nel Parlamento europeo Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa candidato con il Partito Democratico che conquista nella circoscrizione insulare oltre 135 mila voti, secondo nelle preferenze solo ...