Salute 3 Gennaio 2019

Cancro, il direttore dello IARC Wild: «Grazie a prevenzione, diagnosi precoce e terapia c’è speranza per sconfiggerlo»

Il numero uno dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro ai nostri microfoni: «Oggi potremmo prevenire il 50% dei tumori. Fondamentale conoscerne le cause, tra le quali c’è anche il cambiamento climatico»

Immagine articolo

Conoscere le cause del cancro e fare di tutto per prevenirlo. Oltre a migliorare le terapie e la sopravvivenza dei pazienti a cui è stata diagnosticata la malattia, è questa la direzione verso cui sta andando la ricerca. Parola di Christopher Wild, direttore dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC), che ai nostri microfoni sottolinea: «Le conoscenze che abbiamo oggi ci consentirebbero di prevenire circa il 50% dei tumori, ma c’è il potenziale perché questa percentuale cresca molto».

Direttore, cosa si sta facendo nel campo della ricerca sul cancro?

«La ricerca sul cancro è molto ampia. Mentre stiamo facendo processi per migliorare le terapie, abbiamo bisogno di comprendere veramente le cause della malattia, in modo da poter pensare a nuovi interventi utili a ridurre il rischio. E questa è una delle principali aree di ricerca: trasferire le nostre conoscenze sulle cause della malattia in programmi e interventi che funzionino per tutta la popolazione».

Tra le cause, ci sono anche i cambiamenti climatici. In che modo impattano sull’insorgenza dei tumori?

«Il cambiamento climatico sta modificando alcune cause del cancro che conosciamo. Ad esempio l’inquinamento atmosferico, aggravato dal cambiamento del clima, sta facendo aumentare i casi di tumore ai polmoni. Ma anche il tumore alla pelle, legato all’esposizione alle radiazioni solari, è influenzato dal cambiamento climatico e dalla riduzione dello strato di ozono. Quindi ci sono effetti diretti come questi, ma anche indiretti: assistiamo a cambiamenti nell’agricoltura e nella disponibilità di cibo che influenzeranno le diete e quindi anche i tassi di cancro. Saranno proprio queste, credo, le tematiche che dovremo affrontare in futuro».

Cosa sta facendo l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro per far fronte a questa situazione?

«Prima di tutto stiamo monitorando il cambiamento dei tassi di cancro, cercando di capirne le cause. Poi cerchiamo di stimare gli effetti dell’esposizione ai cambiamenti climatici sui fattori di rischio del cancro. Stiamo, insomma, descrivendo il problema, e poi valutiamo i possibili interventi ed i possibili benefici nella riduzione del rischio».

Pensa che prima o poi riusciremo a sconfiggere il cancro?

«Innanzitutto stiamo cercando di migliorare la sopravvivenza dei pazienti a cui è stata diagnosticata la malattia, ma secondo me potremmo fare di più nella prevenzione. Le conoscenze che abbiamo oggi ci consentirebbero di prevenire circa il 50% dei tumori, ma se continuiamo a identificare le cause della malattia, il potenziale perché questa percentuale cresca molto c’è. Abbiamo bisogno di un approccio integrato tra prevenzione, diagnosi precoce e terapia, ma in questo momento nel campo dei tumori c’è molta speranza».

LEGGI ANCHE: TUMORI, FRANCESCO COGNETTI (REGINA ELENA): «CANCRO PUÒ ESSERE ELIMINATO DEL TUTTO SOLO CON LA PREVENZIONE. MA CON LE NUOVE TERAPIE POSSIAMO CONTROLLARLO»

Articoli correlati
Leucemia mieloide e mieloma multiplo, il sì di AIFA a Molmed per la sperimentazione clinica del CAR-T CD44v6
MolMed, azienda biotecnologica focalizzata su ricerca, sviluppo, produzione e validazione clinica di terapie geniche e cellulari per la cura del cancro e malattie rare, comunica di aver ottenuto da AIFA l’autorizzazione ad avviare in Italia la sperimentazione clinica con il proprio CAR-T CD44v6 per il trattamento di pazienti con leucemia mieloide acuta e mieloma multiplo. […]
Gene Jolie, chi sceglie la chirurgia preventiva avrà diritto all’invalidità. Elisabetta Iannelli (FAVO): «Sarà valutata anche sofferenza psicologica»
«La circolare dell’Inps è senza precedenti – spiega il segretario generale della Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia -: prende in considerazione, per la prima volta, la condizione di quelle donne, portatrici delle mutazioni BRCA1 e BRCA2, che pur essendo sane, presentano un alto rischio di ammalarsi di cancro al seno o alle ovaie»
di Isabella Faggiano
Malattie rare, Palmisano (Ad Molmed): «Non sono nemico invincibile. Nostro impegno per sconfiggerle con ricerca su terapie avanzate»
In occasione della Giornata Mondiale sulle Malattie Rare, che si celebra oggi, Riccardo Palmisano – Amministratore Delegato di MolMed, società di biotecnologie mediche focalizzate su ricerca, sviluppo e produzione di terapie geniche e cellulari, – sottolinea i passi avanti compiuti dalla ricerca sulle terapie avanzate per la cura di queste patologie: «Ogni giorno, nei laboratori […]
Blockchain in sanità, la frontiera delle staminali per la ricerca. Totta (Futura Stem Cells): «La catena dei blocchi certifica la conservazione dei campioni»
«La ricerca sta facendo grandi passi avanti, sarebbe opportuno riaprire il dibattito in Italia sulla conservazione autologa solidale con un modello che sta emergendo in Europa e nel resto del mondo» così la dottoressa Pierangela Totta, Direttore Scientifico di Futura Stem Cells, a Sanità Informazione
Salute, le nuove frontiere per le malattie infiammatorie cutanee arrivano dalle biotecnologie. Concetta Potenza (Sapienza): «Ricerca avanzata, cure su misura per i pazienti»
Dallo stato della ricerca alle nuove sperimentazioni biotecnologiche per la produzione di farmaci. Oggi alla Sapienza di Roma giornata di aggiornamento e confronto sulle malattie cutanee ed oncologiche in ricordo del professor Daniel Innocenzi, scomparso dieci anni fa
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone