Salute 3 gennaio 2019

Cancro, il direttore dello IARC Wild: «Grazie a prevenzione, diagnosi precoce e terapia c’è speranza per sconfiggerlo»

Il numero uno dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro ai nostri microfoni: «Oggi potremmo prevenire il 50% dei tumori. Fondamentale conoscerne le cause, tra le quali c’è anche il cambiamento climatico»

Immagine articolo

Conoscere le cause del cancro e fare di tutto per prevenirlo. Oltre a migliorare le terapie e la sopravvivenza dei pazienti a cui è stata diagnosticata la malattia, è questa la direzione verso cui sta andando la ricerca. Parola di Christopher Wild, direttore dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC), che ai nostri microfoni sottolinea: «Le conoscenze che abbiamo oggi ci consentirebbero di prevenire circa il 50% dei tumori, ma c’è il potenziale perché questa percentuale cresca molto».

Direttore, cosa si sta facendo nel campo della ricerca sul cancro?

«La ricerca sul cancro è molto ampia. Mentre stiamo facendo processi per migliorare le terapie, abbiamo bisogno di comprendere veramente le cause della malattia, in modo da poter pensare a nuovi interventi utili a ridurre il rischio. E questa è una delle principali aree di ricerca: trasferire le nostre conoscenze sulle cause della malattia in programmi e interventi che funzionino per tutta la popolazione».

Tra le cause, ci sono anche i cambiamenti climatici. In che modo impattano sull’insorgenza dei tumori?

«Il cambiamento climatico sta modificando alcune cause del cancro che conosciamo. Ad esempio l’inquinamento atmosferico, aggravato dal cambiamento del clima, sta facendo aumentare i casi di tumore ai polmoni. Ma anche il tumore alla pelle, legato all’esposizione alle radiazioni solari, è influenzato dal cambiamento climatico e dalla riduzione dello strato di ozono. Quindi ci sono effetti diretti come questi, ma anche indiretti: assistiamo a cambiamenti nell’agricoltura e nella disponibilità di cibo che influenzeranno le diete e quindi anche i tassi di cancro. Saranno proprio queste, credo, le tematiche che dovremo affrontare in futuro».

Cosa sta facendo l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro per far fronte a questa situazione?

«Prima di tutto stiamo monitorando il cambiamento dei tassi di cancro, cercando di capirne le cause. Poi cerchiamo di stimare gli effetti dell’esposizione ai cambiamenti climatici sui fattori di rischio del cancro. Stiamo, insomma, descrivendo il problema, e poi valutiamo i possibili interventi ed i possibili benefici nella riduzione del rischio».

Pensa che prima o poi riusciremo a sconfiggere il cancro?

«Innanzitutto stiamo cercando di migliorare la sopravvivenza dei pazienti a cui è stata diagnosticata la malattia, ma secondo me potremmo fare di più nella prevenzione. Le conoscenze che abbiamo oggi ci consentirebbero di prevenire circa il 50% dei tumori, ma se continuiamo a identificare le cause della malattia, il potenziale perché questa percentuale cresca molto c’è. Abbiamo bisogno di un approccio integrato tra prevenzione, diagnosi precoce e terapia, ma in questo momento nel campo dei tumori c’è molta speranza».

LEGGI ANCHE: TUMORI, FRANCESCO COGNETTI (REGINA ELENA): «CANCRO PUÒ ESSERE ELIMINATO DEL TUTTO SOLO CON LA PREVENZIONE. MA CON LE NUOVE TERAPIE POSSIAMO CONTROLLARLO»

Articoli correlati
Due interventi, 13 anestesie e la chemioterapia: il piccolo Ascanio ce l’ha fatta. Curato all’Umberto I
Una storia a lieto fine di buona sanità. È quella di Ascanio, che oggi ha 10 anni e quando ne aveva solo due è stato colpito da un brutto male –  nefroblastoma di Wilms, un cancro raro – e ha dovuto affrontare 13 anestesie, 43 sedute di chemioterapia e due interventi chirurgici.  «Era il febbraio del 2011 – […]
SSN, Francesco De Lorenzo (FAVO): «Su cancro e grandi malattie non ci siano barriere. Stato intervenga con poteri sostitutivi per garantire Lea»
L’ex ministro della Sanità, oggi alla guida Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia, lancia la sua proposta per rendere sostenibile il SSN: «Bisognerebbe cominciare a capire che è meglio evitare di far pagare i ticket ai malati di cancro per gli aspetti diagnostici piuttosto che pagare per chi ha un mal di testa o un mal di gola»
Oncologia, ecco come si può “vivere senza stomaco”. Claudia Santangelo: «Spesso lasciati soli dopo intervento. Servono nutrizionisti nelle strutture»
L’associazione che raccoglie i ‘gastrectomizzati’ conta 2300 aderenti. È nata nel 2013 dopo la nascita del gruppo Facebook. La presidente sottolinea: «Avere la possibilità di trovarsi duemila e trecento persone che in tempo reale ti dicono cosa puoi fare se ti si blocca il cibo, chiaramente senza sostituire il medico, rasserena e rassicura»
Fecondazione eterologa, le donne italiane non donano gli ovuli
«Le donne italiane non donano i propri ovuli come invece accade in altre nazioni. In Italia le donne non hanno la mentalità della donazione. E’ un problema culturale. Quindi l’eterologa qui da noi viene eseguita con ovociti presi all’estero. Ma in Italia abbiamo la miglior tecnologia in termini di riproduzione». Lo afferma Claudio Giorlandino, ginecologo, Direttore […]
Farmaci, Silvio Garattini: «Sono diventati dei beni di consumo, ritornino ad essere degli strumenti di salute»
Il fondatore del“Mario Negri” ha partecipato alla stesura delle linee guida per la nuova governance farmaceutica: «Qualità, efficacia, sicurezza e valore terapeutico aggiunto sono i criteri necessari per la valutazione dei nuovi farmaci»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano