Salute 14 Settembre 2020 08:30

Sclerosi multipla, oltre 2,8 milioni di persone colpite. «Ma i dati sono sottostimati»

A rilevarlo è ATLAS, la più vasta indagine globale sulla malattia, pubblicata dalla Federazione Internazionale Sclerosi Multipla (MSIF) insieme alle Associazioni nazionali SM e presentata all’ECTRIMS

Sclerosi multipla, oltre 2,8 milioni di persone colpite. «Ma i dati sono sottostimati»

Nel mondo ogni 5 minuti viene diagnosticato un caso di sclerosi multipla. Ci sono 2,8 milioni di persone che vivono con la SM in tutto il mondo (un dato certamente sottostimato). Se si traducono i numeri in un dato medio mondiale, una persona su 3mila convive con la malattia. Questa stima globale è aumentata rispetto al 2013 in cui erano stimate 2,3 milioni di persone con SM nel mondo. In Italia si stimano oggi 126mila persone con SM e questo dato epidemiologico nazionale è metodologicamente corretto, come spiegato nel Barometro della SM in Italia pubblicato da AISM. Ma in molte altre nazioni il metodo di rilevazione è sottostimato o mancante.

A dare questa fotografia globale è Atlas, la più vasta indagine mondiale della malattia, presentata in occasione di MS Virtual 2020: 8th ACTRIMS/ECTRIMS meeting, il più importante appuntamento dell’anno per quello che riguarda la ricerca sulla sclerosi multipla. Questa terza edizione dell’Atlante (Atlas) della SM 2020 è stata pubblicato dalla Federazione Internazionale Sclerosi Multipla (MSIF), ed ha aggiornato le precedenti edizioni pubblicate nel 2008 e nel 2013: è il quadro più chiaro della SM in tutto il mondo e di come viene diagnosticata la malattia.

«La nostra vuole essere una richiesta di attenzione – ha commentato il Presidente di FISM (Fondazione Italiana Sclerosi Multipla), Mario Alberto Battaglia – sull’attendibilità dei dati. Per quanto si faccia uno sforzo enorme, se da alcuni Paesi, come l’Italia, si riesce ad ottenere dati assolutamente certi, da altri arrivano dati parziali o vecchi. Ovviamente parlo in particolare dei Paesi del terzo mondo».

Situazione, come detto, molto diversa per l’Italia: «Per quanto riguarda l’Italia, da circa 5 anni abbiamo la conferma dei dati attraverso i flussi che le Regioni tracciano attraverso l’incrocio con i codici fiscali degli ammalati. Questo ci permette di avere una stima solida di quante persone sono affette da sclerosi multipla nel nostro Paese. In altre parti del mondo ciò non avviene: si pensi agli Stati Uniti, i quali devono mettere insieme dati sparsi tra i vari centri, dato che non esiste un servizio sanitario nazionale, e assicurazioni. Lì fanno molta fatica ad avere dati certi come i nostri».

Ovviamente, lo stesso principio vale per qualsiasi malattia: «Se chiedo quanti sono i casi di turbercolosi nel mondo, anche l’OMS potrà darmi solo una stima in quanto nei Paesi più poveri spesso i casi non vengono tracciati. Lo stesso vale per il Covid».

Ma cosa comporta questa mancanza di dati? Perché è importante colmare il più possibile le lacune? «Ciò che è importante – spiega ancora Battaglia – è avere dati veri per conoscere le caratteristiche delle persone affette da sclerosi multipla e capire, di conseguenza, cosa c’è bisogno di fare, come intervenire dai bisogni ai servizi. I servizi sanitari hanno la necessità di valutare quali servizi fornire. Si pensi ai farmaci: se non si ha il dato epidemiologico esatto non si sa quanti potrebbero potenzialmente avere bisogno di quel farmaco». Insomma, se non si hanno dati certi non è possibile curare tutti quelli che ne hanno bisogno.

Come si può fare allora per colmare questa lacuna? «La raccomandazione che facciamo a livello internazionale è che ci sia uno sforzo di tutte le nazioni per avere un quadro quanto più esatto della situazione per dare le risposte sanitarie e sociali adeguate. A differenza di diversi decenni fa, anche i Paesi del terzo mondo stanno facendo uno sforzo consistente per fronteggiare la malattia cronica, in quanto costa molto di più di quella acuta. In Italia – conclude Battaglia – abbiamo fatto uno sforzo che dovrebbero fare anche gli altri Paesi: il registro di malattia. Da noi, purtroppo, non esiste un registro pubblico. Noi lo abbiamo fatto privatamente come fondazione. Il registro copre quasi 70mila persone, ovvero due terzi della popolazione italiana con sclerosi multipla. Noi lo offriamo all’ente pubblico che, però, deve fare la sua parte».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Giornata Sclerosi Multipla: l’Italia si tinge di rosso e “balla” al ritmo di Tik Tok
Al via, dal 30 maggio al 5 giugno, la Settimana Nazionale della Sclerosi Multipla promossa da AISM. Presentata l’Agenda 2025 sostenuta dai principi di una rinnovata Carta dei diritti e dalle evidenze del Barometro della SM 2022. Vacca (AISM): «Ventotto priorità strategiche e 184 azioni per migliorare assistenza, inclusione e partecipazione»
«Io non sono la mia malattia»: il grido di speranza di Antonella Ferrari per i malati di sclerosi multipla
L’attrice e scrittrice è madrina dell’AISM, l’Associazione Italiana Sclerosi Multipla, da 20 anni. Testimonial della nuova campagna “L’Apparenza Inganna”, Antonella parla di sé a Sanità Informazione: «Avevo 11 anni quando sono comparsi i primi segni della malattia. La diagnosi è arrivata a 29. È stata quasi una bella notizia: finalmente conoscevo il mio nemico e potevo iniziare a combatterlo ad armi pari»
Sclerosi multipla: un modello sperimentale dimostra il ruolo della risposta immunitaria
Un gruppo di ricercatori internazionali, coordinato dal Dipartimento di Scienze cliniche internistiche, anestesiologiche e cardiovascolari della Sapienza, ha dimostrato per la prima volta come la risposta immunitaria peggiori il decorso della malattia nei pazienti affetti da sclerosi multipla. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Cell Death & Disease
Giornata Sclerosi Multipla, 70 Paesi in rete per ripartire dopo l’emergenza
Il presidente Aism Vacca: «200 mila gardenie distribuite da 13 mila volontari. Un piccolo gesto per sostenere la ricerca, l’arma più efficace contro la sclerosi multipla»
di Isabella Faggiano
Sclerosi multipla aggressiva: nel trapianto autologo di cellule staminali ematopoietiche nuove speranze di trattamento
L’efficacia a lungo termine è stata dimostrata, per la prima volta, da uno studio retrospettivo condotto dai ricercatori dell’università di Genova e dell’IRCCS Ospedale Policlinico San Martino. In primavera partirà in Italia uno studio clinico controllato randomizzato multicentrico
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...