Salute 8 Agosto 2019

Con Sail4Parkinson una settimana in barca a vela per ridurre gli effetti della malattia

Modugno (presidente Parkinzone Onlus): «Abbiamo voluto creare un’opportunità di percorso riabilitativo che raramente si prospetta per le persone con Parkinson, facendo vivere ai malati un’esperienza unica con benefici che saranno duraturi nel tempo»

di Federica Bosco
Immagine articolo

Si chiama Sail4Parkinson ed è un progetto riabilitativo alternativo per pazienti affetti dal Parkinson e per i loro familiari che sfrutta lo stimolo fisico, emozionale e psicologico che proviene dal contatto con il mare e dalla navigazione a vela. Il progetto, giunto all’ottava edizione, anche quest’anno ha voluto affiancare alle cure tradizionali soluzioni innovative che hanno fatto da stimolo ai malati.  Il palcoscenico dell’iniziativa, che si è svolta alla fine di luglio, è stato il mare della Sardegna, tra il comune di Cagliari e l’area protetta della penisola del Sinis fino a toccare l’isola di Mal di Ventre: un vero e proprio paradiso incontaminato.

LEGGI ANCHE: PARKINSON, ELIMINARE I TREMORI È POSSIBILE. IL PRIMO INTERVENTO A L’AQUILA

«Le ragioni che hanno fatto sviluppare l’idea di portare in mare i malati di Parkinson sono molteplici – racconta il dottor Nicola Modugno, presidente dell’associazione Parkinzone Onlus e direttore del centro Parkinson e disturbi del movimento presso l’I.R.C.C.S Neuromed di Pozzilli, in provincia di Isernia –. Per prima cosa abbiamo voluto creare un’opportunità di percorso riabilitativo che raramente si prospetta per le persone con Parkinson, facendo vivere ai malati un’esperienza unica con benefici che saranno duraturi nel tempo. Poi, dal momento che nel Parkinson il problema più grande è rappresentato dagli automatismi difettosi e rallentati e dal fatto che i malati facciano fatica a concentrarsi su più cose contemporaneamente, abbiamo voluto abbinare uno sport come la vela ad un’attività artistica come il teatro, in grado di smuovere la depressione e l’apatia. Un connubio tra vela e teatro dunque in grado di agire sia sulla parte emotiva che motivazionale del cervello. Ogni paziente in pochi giorni è in grado di migliorare l’autostima, il desiderio di superare i propri limiti e in lui ricompaiono sentimenti dimenticati, quali l’allegria, l’entusiasmo e una maggiore socievolezza».

Gli interventi riabilitativi organizzati all’interno di un contesto naturale si sono dimostrati più efficaci di quelli in un ambito ospedaliero. Un recente studio ha dimostrato che episodi di freezing del cammino (congelamento della marcia), presenti quando un malato di Parkinson passa sotto una porta, non si verificano più se si trova in un contesto all’aria aperta, ad esempio tra due siepi.

Per ottenere questi risultati è stato studiato un programma con molteplici attività. Oltre alla vela, i pazienti hanno seguito laboratori di teatro, di musica, di canto, di movimento e di arti manuali. Anche la scelta del luogo di elevato pregio naturalistico non è casuale, ma stimolante da un punto di vista psicologico. Secondo recenti studi svedesi condotti su malati di Parkinson, è emerso che un’attività fisica, regolare e costante, abbinata ad altre discipline quali teatro, danza, musica, yoga e Taichi, possono limitare la progressione e l’evoluzione della malattia di Parkinson, migliorare la qualità della vita dei pazienti e mantenere una maggiore autonomia e plasticità nei movimenti, permettendo di ridurre i dosaggi dei farmaci e i disturbi collaterali che ne derivano.

LEGGI ANCHE: PARKINSON, LA TEATROTERAPIA AUMENTA L’AUTOSTIMA E MIGLIORA IL BENESSERE EMOTIVO

«I risultati degli anni precedenti ci hanno spinto a sviluppare un percorso terapeutico vero e proprio – prosegue il dottor Modugno – con discipline artistiche e sportive e riproporre l’ambiente stimolante con uno scenario naturalistico di elevato pregio come è quello della costa della Sardegna. In più, in questa edizione, il programma è stato arricchito con il progetto artistico Dance Well, nato a Bassano del Grappa in collaborazione con il Centro per la Scena Contemporanea e con una visita guidata dalla professoressa Carla Del Vais al sito archeologico di Tharros».

Gli aspetti clinici emersi al termine del percorso, durato sette giorni, hanno evidenziato che i malati di Parkinson, se inseriti in un contesto di vita organizzata, tendono a perdere le fluttuazioni motorie, le discinesie e le difficoltà legate all’assunzione di farmaci. Non solo, tutti i pazienti hanno riferito la pressoché totale scomparsa dei fenomeni ansiosi depressivi, dei disturbi del sonno e della sensazione di astenia, fatica e dolori che di norma caratterizza la loro vita.

Articoli correlati
Ippoterapia, la psicologa: «Migliora capacità motorie e diminuisce ansia e depressione dei malati di Parkinson»
La psicologa Cinzia Correale: «La scelta dell’animale per la pet therapy dipenderà dalle sue caratteristiche comportamentali e dal suo temperamento. In Italia è consentito coinvolgere asini, cavalli, cani, gatti e conigli»
di Isabella Faggiano
Diabete: sana alimentazione, movimento fisico e adeguata terapia i pilastri fondamentali per la cura
«Serve approccio globale. È importante la conoscenza e la condivisione con il medico curante e il coinvolgimento con le associazioni di pazienti» così la diabetologa e presidente IBDO Foundation, Simona Frontoni, in occasione del 12° Italian Diabets Barometer Forum
di Lucia Oggianu
Riniti non allergiche, la rivoluzione dell’oscillazione cinetica. Macchi (Ospedale Varese): «Il colpevole è il Sistema nervoso periferico, primi risultati molto positivi»
Alberto Macchi sta sperimentando in Italia questa nuova terapia. Attraverso il device K.O.S. prodotto dall’azienda svedese Chordate Medical AB si inserisce nella narice un catetere collegato a un dispositivo: «Sui primi 15 pazienti si è avuta remissione dei sintomi a due mesi nell’80% dei casi. Ho controlli a due mesi su questi pazienti con dei risultati eccezionali nel senso che i pazienti non hanno più utilizzato spray, decongestionanti, steroidei nasali»
Atrofia spinale, Lauro (Famiglie SMA): «Terapia genica ci fa sperare, lottiamo per portarla in Europa. Ma non dite che è ‘la cura più costosa al mondo’»
Negli USA la Food and Drug Administration ha approvato un farmaco per i bambini sotto i due anni di vita dal costo record: 2,1 milioni di dollari. La Presidente di Famiglie SMA: «È sbagliato mettere l’accento sul costo di una terapia che comunque è rivolta a una piccola porzione di popolazione di una malattia rara, quindi un numero davvero ridotto». A giugno via a un progetto pilota di screening neonatale
di Giovanni Cedrone
Parkinson, a Catania il V Congresso Accademia LIMPE-DISMOV. Focus su nuovi studi e spazio anche a 10 giovani ricercatori
Circa 800 partecipanti, 45% dei quali sono ricercatrici donne e il 25% giovani al di sotto dei 35 anni; oltre 50 eventi scientifici tra sessioni plenarie, sessioni poster, simposi, corsi di formazione, sezioni video, flash news; 92 relatori che presenteranno i loro studi scientifici. Sono i numeri del V Congresso Nazionale dell’Accademia per lo Studio […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone