Salute 29 Aprile 2019 11:20

Parkinson, eliminare i tremori è possibile. Il primo intervento all’Aquila

Operato all’ospedale San Salvatore dell’Aquila un 66enne milanese al quale i farmaci non facevano più effetto. «È tornato l’equilibrio – racconta felice Erminio nel video diffuso dall’ospedale – Ora sono felice»

Parkinson, eliminare i tremori è possibile. Il primo intervento all’Aquila

Eliminati i tremori del morbo di Parkinson attraverso un generatore di impulsi in funzione nel reparto di Neurochirurgia dell’ospedale San Salvatore dell’Aquila. L’intervento, perfettamente riuscito, ha permesso a un 66enne di Milano, malato da tempo di Parkinson e ormai immune ai farmaci, di riacquistare il completo utilizzo di entrambe le mani. Un risultato che ha permesso all’uomo di tornare a praticare la sua passione: suonare la chitarra.

Si tratta del primo intervento in Abruzzo di questo genere, come viene riportato dal sito locale Abruzzoweb.it. «Tutto è cominciato con una chiacchierata con il professor Carlo Masciocchi – ha spiegato Alessandro Ricci, direttore del reparto di Neurochirurgia dell’Ospedale Civile San Salvatore dell’Aquila – che ha avviato una sperimentazione di questa tecnica per le patologie della mobilità. Il grande merito è però del dottor Abbate, che ha spinto per l’utilizzo di questa tecnica per il Parkinson. Ed è comunque un lavoro di equipe, che ha coinvolto tante persone, che operano nel campo del disordine dei movimenti. Ora gli abruzzesi non dovranno andare fuori regione per avere questa terapia. E più saranno le prestazioni, più si eleverà la qualità e la specializzazione». «È tornato l’equilibrio – racconta felice Erminio nel video diffuso dall’ospedale – Questo intervento mi ha salvato. Ora sono felice».

LEGGI: PARKINSON, SCOPERTA MOLECOLA NATURALE RIVOLUZIONARIA CHE RIDUCE DISTURBI DEL MOVIMENTO

Primo passaggio dell’intervento è stato l’inserimento di elettrodi nel cervello del paziente, tramite fori sul cranio, su alcuni nuclei della base dell’encefalo, che regolano il movimento, e che non funzionando bene, causano il tremore ai malati di Parkinson. L’esatta collocazione degli elettrodi è stata programmata attraverso un’accurata fase pre-operatoria, e perfezionata con un sistema di neuronavigazione. Gli elettrodi sono stati collegati poi ad un generatore di impulsi impiantato nel torace. L’intervento è perfettamente riuscito, ora il paziente dovrà sottoporsi ad un periodo di assestamento e riabilitazione.

Articoli correlati
Il caffè aiuta a prevenire e a rallentare il Parkinson
Secondo uno studio realizzato dai neurologi della Società italiana di Neurologia e diretto dal professor Giovanni Defazio dell’Università di Cagliari, un consumo moderato di caffè è in grado di ritardare l’esordio della malattia e di indurre una più lenta evoluzione
Parkinson: con la stimolazione cerebrale profonda la malattia avanzata torna allo stadio iniziale
Al Gemelli di Roma, per la prima volta in Italia, è stato effettuato un intervento di Stimolazione Cerebrale Profonda per il Parkinson utilizzando tutte le tecnologie più avanzate attualmente a disposizione. Tufo (neurochirurgo): «Questa tecnica è utile, laddove la terapia medica non abbia dato risultati ottimali o abbia prodotto importanti effetti collaterali»
Alzheimer e Parkinson: arriva la diagnosi che “passa” dalla pelle
Da uno studio congiunto ISS, IRCCS San Raffaele e CNR una metodica innovativa per la diagnosi di malattie neurodegenerative, per testare strategie terapeutiche e identificare nuovi biomarcatori
Neurologia e Neurochirurgia, Istituto Besta primo in Italia per il Newsweek
Le due specialità ottengono il 9° e il 19° posto al Mondo: una conferma per la Fondazione I.R.C.C.S. Istituto Neurologico Carlo Besta che per il secondo anno consecutivo ottiene il primo posto nel nostro Paese ed è tra i primi in Europa e al Mondo nella classifica “World's best specialized hospitals 2022”
Parkinson, il neurochirurgo: «Trattamento personalizzato con pacemaker cerebrale di ultima generazione»
Lo specialista: «Questo generatore di impulsi è dotato di elettrodi direzionali che, inseriti con intervento chirurgico, stimolano solo un preciso versante del nucleo cerebrale, riducendo al minimo gli effetti collaterali»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 febbraio 2023, sono 671.739.364 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.844.833 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...