Salute 19 Aprile 2022 16:15

Rifiuto informativo: ecco cosa scatta nella nostra mente quando siamo bombardati da notizie negative

Il fenomeno studiato dai ricercatori ha cause emotive e cognitive. Lo psicologo Orakian: «Tra assuefazione e alert continuo, il cervello sceglie la via dell’evitamento»

Rifiuto informativo: ecco cosa scatta nella nostra mente quando siamo bombardati da notizie negative

Bersagliati costantemente da notizie monotematiche, prima sulla pandemia, poi sulla guerra, dopo due anni gli italiani (e non solo) staccano la spina e smettono di informarsi. Ciò accade in base a un meccanismo di “elusione informativa”, infatti, che scatta quando il nostro cervello si stanca di recepire input ridondanti rispetto a determinate tematiche oggettivamente negative, e ci spinge ad evitarle.

Rifiutarsi quindi di leggere notizie sui quotidiani e cambiare canale durante i telegiornali, sono dinamiche studiate da tempo dai ricercatori, e che percorrono un doppio binario: quello del rifiuto emotivo e del rifiuto cognitivo, spesso coesistenti.  Sul tema Sanità Informazione ha intervistato lo psicologo e psicoterapeuta Morris Orakian, coordinatore del Network territoriale presso l’Ordine Psicologi del Lazio.

L’elusione informativa e i processi di polarizzazione emotiva

«Se è vero che il restare informati su determinate materie viene percepito come una sorta di dovere – afferma Orakian – sia per motivi di solidarietà (se parliamo di pandemia e di guerra) sia per esercitare una forma di controllo su quanto avviene e proteggersi di conseguenza, è altrettanto vero che ad un certo punto scattano dei meccanismi di saturazione verso uno stimolo esterno (in questo caso l’oggetto dell’informazione) che portano a disconnettersi da quello stesso stimolo. Un cervello sottoposto a continui stimoli informativi di natura dolorosa – spiega – può seguire due strade: l’assuefazione, che porta quindi a non essere più scioccato da determinate notizie, o al contrario subire un continuo stato di alert che porta a uno stress via via sempre meno sopportabile. Questo è un processo di polarizzazione emotiva, sovrapponibile a ciò che accade a chi vive, ad esempio, in contesti familiari difficili segnati da abusi e maltrattamenti: in genere questi soggetti o diventano totalmente impassibili a contesti e situazioni violente, o al contrario sviluppano una ipersensibilità a qualsiasi fenomeno di violenza, rifuggendoli completamente».

Rifiuto emotivo e rifiuto cognitivo

Alla base del “rifiuto informativo” ci sarebbero complessi fattori di tipo cognitivo ed emotivo, come sottolineato da uno studio multidisciplinare condotto dall’Università di Jyvaskyla in Finlandia, insieme all’Università ebraica di Gerusalemme in Israele e alla Northwestern University negli Stati Uniti. I risultati sono descritti in un approfondito articolo di ricerca dal titolo “Taking a Break from News” pubblicato sulla rivista Digital Journalism. «La parte più giovane del nostro cervello, quella deputata al raziocinio, opera nel mediare tutte le informazioni che arrivano ai nostri sensi – spiega Orakian -. Quando siamo esposti così intensamente a questo tipo di stimoli affiorano invece le reazioni paleoencefaliche, quelle degli stimoli emotivi. La parte che governa i processi razionali e quella che governa i processi emotivi integrano e bilanciano una struttura che ci consente di rimanere in equilibrio psichico. L’elusione cognitiva, quindi, non può essere scorporata dall’elusione emotiva – sottolinea – ma può essere una cartina al tornasole del livello di tolleranza a quella stessa emozione: tanto più la parte emotiva ci spinge a compiere un’azione o ad evitarla, tanto più sarà difficile “convincere” la parte cognitiva a fare il contrario».

Il ruolo del contesto socio culturale di riferimento

Un dato importante, secondo i ricercatori, è che il fenomeno di elusione delle notizie non è ascrivibile solo a ragioni personali, ma assume connotati diversi anche in base ai contesti temporali e socioculturali. «Al di là di quello che può essere il vissuto esperienziale soggettivo di ogni singola persona – spiega Orakian – il contesto socioeconomico e culturale dà un quadro di lettura più ampio e quindi relativamente più semplice, impattando decisamente nella percezione del dramma e del pericolo. Sicuramente non eravamo più abituati a sentire la guerra così pericolosamente vicina né immaginavamo di doverci rinchiudere in casa per mesi a causa di una pandemia. L’elusione in questo caso è anche una mancata accettazione di ciò che accade realmente, finché il vissuto non torna ad essere quello più o meno atteso. Insomma – conclude – se il coinvolgimento emotivo porta all’elaborazione di strategie di copying che indicano come affrontare una data situazione, l’elusione è un atteggiamento di difesa che può andar bene a breve termine ma totalmente inutile sul lungo periodo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Menopausa, non solo vampate: la battaglia è contro lo stigma sociale e le patologie correlate
La neopresidente della IMS (International Menopause Society), prof. Rossella Nappi: «Oggi questa fase coincide sempre più con il momento di maggior realizzazione professionale delle donne: viviamolo al meglio»
In Italia è Padel-mania, ma gli esperti avvertono: «Contro i traumi in aumento, più prevenzione e preparazione fisica»
Al via i corsi Consulcesi con la collaborazione del dott. Andrea Grasso per formare medici e operatori sanitari a riconoscere e contrastare i danni fisici legati allo sport
Giornata vitiligine, Calzavara Pinton (SIDeMaST): «In arrivo il primo farmaco specifico»
Il dermatologo: «Attualmente non esistono farmaci approvati per il trattamento di questa malattia. La fototerapia è l’unico trattamento finora utilizzato, con indicazione specifica, per la vitiligine. Colpisce lo 0,5-2,0% della popolazione e può verificarsi a qualsiasi età anche se, frequentemente, i sintomi iniziali compaiono prima dei 20 anni»
Anoressia giovanile, Castelnuovo (Cattolica): «Fenomeno peggiorato con pandemia. Si parte anche dai 10-11 anni»
Intervista a Gianluca Castelnuovo, professore ordinario di Psicologia clinica Università Cattolica Milano: «Risultati evidenti con psicoterapia breve strategica»
Gb: meno visite faccia a faccia fanno bene all’ambiente e al portafogli
Nel Regno Unito c'è un acceso dibattito sull'opportunità di aumentare le visite a distanza dei pazienti per i suo effetti benefici contro l'inquinamento e per il risparmio economico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...