Salute 17 Giugno 2019 17:42

Responsabilità medica, Macrì (Medicina Legale) «Importante sia tutelare i pazienti che garantire maggiore tranquillità ai professionisti»

«Dobbiamo pensare che la buona sanità è un interesse collettivo generale». E sui contenziosi medico-legali: «Si stanno imponendo meccanismi conciliativi e di mediazione, anche se avvocati e giudici sono ancora restii a soluzioni alternative»

Responsabilità medica, Macrì (Medicina Legale) «Importante sia tutelare i pazienti che garantire maggiore tranquillità ai professionisti»

Bilanciare diritti e doveri di medici e pazienti e soprattutto, cercare un accordo tra le parti per evitare di intasare i tribunali per cause spesso lunghe e difficili. È questo il monito della Legge Gelli- Bianco e il fulcro del pensiero del professor Pasquale Giuseppe Macrì Direttore della medicina legale dell’Azienda sud-est Toscana. Abbiamo intervistato il professor Macrì a margine del convegno “La sicurezza delle cure e la tutela dei diritti” che si è svolto alla Sapienza di Roma.

Allora professore, la Legge Gelli ha iniziato già a dare i suoi frutti. Nelle regioni e nelle strutture in cui si fa un lavoro di gestione del rischio clinico si riesce anche a prevenire il danno e a diminuire i contenziosi

«Sì, purtroppo la prima interpretazione che è stata data della Legge Gelli è stata quella di una legge ad categoriam per tutelare i medici dall’eccessivo rischio della pressione giudiziaria e per il contrasto della medicina difensiva. Questa è una lettura possibile e sicuramente obiettiva, ma non esaustiva. In realtà, la legge inizia proprio con postulare la sicurezza delle cure come un diritto fondamentale di caratura costituzionale per cittadini e pazienti. La sicurezza delle cure insieme alla sicurezza dei professionisti. Oggi parleremo proprio di come si possono coniugare tranquillità, sicurezza delle cure e tranquillità e sicurezza dei professionisti. Noi sappiamo che, più che mai, in questo periodo, i professionisti sono aggrediti a 360 gradi non solo dal punto di vista giudiziario ma anche verbalmente e fisicamente. Le aggressioni ai medici stanno diventando un fenomeno di cronaca che dilaga. Ecco, il contrasto di queste aggressioni è interesse del cittadino. La sicurezza delle cure è interesse dei professionisti. Non dobbiamo più pensare, come alla fine degli anni 90, ai tribunali del diritto del malato; noi dobbiamo pensare che esiste un interesse collettivo generale per avere una buona sanità e un SSN che riesca a soddisfare le esigenze di cittadini e medici».

LEGGI: LEGGE GELLI, CONTENZIOSI IN AUMENTO. CASCINI (FOND. ITALIA IN SALUTE): «GESTIONE DEL RISCHIO ANCORA INCOMPIUTA»

Ecco per assimilare le cause che affollano i nostri tribunali con cause legali di questo tipo, si sta pensando di istituire un organismo di conciliazione tra medico e paziente, per arrivare a una mediazione e a ristabilire il rapporto di fiducia tra i due

«Sì, ma in realtà questi meccanismi esistono già, sono già postulati dalla Legge Gelli ma esistevano nel codice e nell’ordinamento fin dal 2005: c’è la conciliazione e l’accertamento tecnico preventivo a fini conciliativi. E pian piano si stanno imponendo; l’articolo 8 della Legge Gelli li colloca come “condizione di procedibilità” quindi imprescindibile. Per questo, chiunque voglia adire al giudice nel suo interesse deve prima avere esperito un tentativo di conciliazione o accertamento tecnico preventivo. È vero, la Legge ancora deve essere pienamente applicata e devo riconoscere che la categoria degli avvocati si mostra ancora un po’ troppo restia alle soluzioni alternative e, a volte, anche i giudici non riescono ad adeguarsi con facilità al nuovo dettato normativo».

Articoli correlati
Legge Gelli, Speranza: «In arrivo i decreti attuativi». Ok anche dalla Conferenza delle Regioni
Il presidente della Fondazione Italia in Salute Federico Gelli al Governo: «Istituire un Fondo pubblico nazionale indennizzi per tutelare i professionisti»
Il Consiglio di Stato apre le porte all’obbligo della terza dose per i professionisti sanitari?
Secondo Federico Gelli l’obbligo di inoculazione della dose “booster” anche per gli operatori sanitari sarebbe, alla luce di questa sentenza, «doveroso». Ma è davvero così? Cosa dice la sentenza? Lo abbiamo chiesto all’avv. Andrea Marziale, specializzato in Diritto del Lavoro e Sanitario
Decreto fiscale e sicurezza nei luoghi di lavoro, FNO TSRM e PSTRP: «Investire su prevenzione, non su sanzioni»
Il decreto fisco-lavoro è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale. La FNO TSRM e PSTRP e la Commissione di albo nazionale del Tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro «esprimono sconcerto per le modifiche introdotte, auspicandone una pronta modifica»
«Legittimo l’obbligo vaccinale per il personale sanitario», Consiglio di Stato boccia ricorso medici
Respinta l'istanza presentata da medici e farmacisti del Friuli-Venezia Giulia. Per i giudici l’obbligo vaccinale «non si fonda solo sulla relazione di cura e fiducia tra paziente e personale sanitario, ma anche sul più generale dovere di solidarietà che grava su tutti i cittadini»
Crisi sistema emergenza territoriale, le soluzioni del 78° congresso nazionale Fimmg
Fimmg Es lancia la propria proposta per rivedere le modalità di accesso al Sistema di Emergenza Sanitaria Territoriale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 novembre, sono 262.221.568 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.208.466 i decessi. Ad oggi, oltre 7,95 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano