Salute 17 Giugno 2019 17:42

Responsabilità medica, Macrì (Medicina Legale) «Importante sia tutelare i pazienti che garantire maggiore tranquillità ai professionisti»

«Dobbiamo pensare che la buona sanità è un interesse collettivo generale». E sui contenziosi medico-legali: «Si stanno imponendo meccanismi conciliativi e di mediazione, anche se avvocati e giudici sono ancora restii a soluzioni alternative»

Responsabilità medica, Macrì (Medicina Legale) «Importante sia tutelare i pazienti che garantire maggiore tranquillità ai professionisti»

Bilanciare diritti e doveri di medici e pazienti e soprattutto, cercare un accordo tra le parti per evitare di intasare i tribunali per cause spesso lunghe e difficili. È questo il monito della Legge Gelli- Bianco e il fulcro del pensiero del professor Pasquale Giuseppe Macrì Direttore della medicina legale dell’Azienda sud-est Toscana. Abbiamo intervistato il professor Macrì a margine del convegno “La sicurezza delle cure e la tutela dei diritti” che si è svolto alla Sapienza di Roma.

Allora professore, la Legge Gelli ha iniziato già a dare i suoi frutti. Nelle regioni e nelle strutture in cui si fa un lavoro di gestione del rischio clinico si riesce anche a prevenire il danno e a diminuire i contenziosi

«Sì, purtroppo la prima interpretazione che è stata data della Legge Gelli è stata quella di una legge ad categoriam per tutelare i medici dall’eccessivo rischio della pressione giudiziaria e per il contrasto della medicina difensiva. Questa è una lettura possibile e sicuramente obiettiva, ma non esaustiva. In realtà, la legge inizia proprio con postulare la sicurezza delle cure come un diritto fondamentale di caratura costituzionale per cittadini e pazienti. La sicurezza delle cure insieme alla sicurezza dei professionisti. Oggi parleremo proprio di come si possono coniugare tranquillità, sicurezza delle cure e tranquillità e sicurezza dei professionisti. Noi sappiamo che, più che mai, in questo periodo, i professionisti sono aggrediti a 360 gradi non solo dal punto di vista giudiziario ma anche verbalmente e fisicamente. Le aggressioni ai medici stanno diventando un fenomeno di cronaca che dilaga. Ecco, il contrasto di queste aggressioni è interesse del cittadino. La sicurezza delle cure è interesse dei professionisti. Non dobbiamo più pensare, come alla fine degli anni 90, ai tribunali del diritto del malato; noi dobbiamo pensare che esiste un interesse collettivo generale per avere una buona sanità e un SSN che riesca a soddisfare le esigenze di cittadini e medici».

LEGGI: LEGGE GELLI, CONTENZIOSI IN AUMENTO. CASCINI (FOND. ITALIA IN SALUTE): «GESTIONE DEL RISCHIO ANCORA INCOMPIUTA»

Ecco per assimilare le cause che affollano i nostri tribunali con cause legali di questo tipo, si sta pensando di istituire un organismo di conciliazione tra medico e paziente, per arrivare a una mediazione e a ristabilire il rapporto di fiducia tra i due

«Sì, ma in realtà questi meccanismi esistono già, sono già postulati dalla Legge Gelli ma esistevano nel codice e nell’ordinamento fin dal 2005: c’è la conciliazione e l’accertamento tecnico preventivo a fini conciliativi. E pian piano si stanno imponendo; l’articolo 8 della Legge Gelli li colloca come “condizione di procedibilità” quindi imprescindibile. Per questo, chiunque voglia adire al giudice nel suo interesse deve prima avere esperito un tentativo di conciliazione o accertamento tecnico preventivo. È vero, la Legge ancora deve essere pienamente applicata e devo riconoscere che la categoria degli avvocati si mostra ancora un po’ troppo restia alle soluzioni alternative e, a volte, anche i giudici non riescono ad adeguarsi con facilità al nuovo dettato normativo».

Articoli correlati
Medici ex specializzandi, tribunali, politica ed Europa: cosa cambia dopo la sentenza della Corte Ue
La senatrice Daniela Sbrollini e l’avvocato Marco Tortorella hanno approfondito i risvolti della storica pronuncia su prescrizione, rivalutazione monetaria e adeguatezza delle borse in un webinar in esclusiva per i medici tutelati da Consulcesi
Il mutuo fa paura? Il bando per i giovani medici under 40
Tassi fissi e rate più basse, c'è tempo fino al 9 settembre
Formazione ECM, Magi (OMCeO Roma): «Azioni disciplinari per chi non è in regola»
Falcinelli (OMCeO Ravenna): «Compito degli Ordini stimolare gli iscritti e verificare crediti». Lazzari (Cnop): «Aggiornamento continuo essenziale»
Oncologia, Cavanna (Cipomo): «Limitare gli spostamenti dei malati, siano i medici a farlo»
Per il presidente del Collegio Italiano Primari Oncologi Ospedalieri Luigi Cavanna la sfida del futuro è quella di una oncologia del territorio efficace. «Ora è essenziale che i malati di Covid vengano curati a casa il più possibile e che si trovino dei percorsi riparati per i malati oncologici perché possano fare i loro esami» spiega Cavanna
di Francesco Torre
Le associazioni dei pazienti contro il Piano oncologico: «Si rischia di sprecare occasione PNRR»
Il Piano oncologico, appena varato dal Ministero della Salute, non convince le associazioni dei pazienti. Per Elisabetta Iannelli (FAVO) «manca una visione strategica a monte», mentre per Francesca Traclò (AIMAC) «il sistema è intrappolato sui numeri e le prestazioni e non si guarda alla qualità delle cure». Polemiche per la scomparsa dell’esenzione 048 temporanea e per l’assenza di riferimenti all’assistenza psicologica
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 agosto, sono 582.020.558 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.412.807 i decessi. Ad oggi, oltre 11,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale