Salute 17 Giugno 2019

Responsabilità medica, Macrì (Medicina Legale) «Importante sia tutelare i pazienti che garantire maggiore tranquillità ai professionisti»

«Dobbiamo pensare che la buona sanità è un interesse collettivo generale». E sui contenziosi medico-legali: «Si stanno imponendo meccanismi conciliativi e di mediazione, anche se avvocati e giudici sono ancora restii a soluzioni alternative»

Immagine articolo

Bilanciare diritti e doveri di medici e pazienti e soprattutto, cercare un accordo tra le parti per evitare di intasare i tribunali per cause spesso lunghe e difficili. È questo il monito della Legge Gelli- Bianco e il fulcro del pensiero del professor Pasquale Giuseppe Macrì Direttore della medicina legale dell’Azienda sud-est Toscana. Abbiamo intervistato il professor Macrì a margine del convegno “La sicurezza delle cure e la tutela dei diritti” che si è svolto alla Sapienza di Roma.

Allora professore, la Legge Gelli ha iniziato già a dare i suoi frutti. Nelle regioni e nelle strutture in cui si fa un lavoro di gestione del rischio clinico si riesce anche a prevenire il danno e a diminuire i contenziosi

«Sì, purtroppo la prima interpretazione che è stata data della Legge Gelli è stata quella di una legge ad categoriam per tutelare i medici dall’eccessivo rischio della pressione giudiziaria e per il contrasto della medicina difensiva. Questa è una lettura possibile e sicuramente obiettiva, ma non esaustiva. In realtà, la legge inizia proprio con postulare la sicurezza delle cure come un diritto fondamentale di caratura costituzionale per cittadini e pazienti. La sicurezza delle cure insieme alla sicurezza dei professionisti. Oggi parleremo proprio di come si possono coniugare tranquillità, sicurezza delle cure e tranquillità e sicurezza dei professionisti. Noi sappiamo che, più che mai, in questo periodo, i professionisti sono aggrediti a 360 gradi non solo dal punto di vista giudiziario ma anche verbalmente e fisicamente. Le aggressioni ai medici stanno diventando un fenomeno di cronaca che dilaga. Ecco, il contrasto di queste aggressioni è interesse del cittadino. La sicurezza delle cure è interesse dei professionisti. Non dobbiamo più pensare, come alla fine degli anni 90, ai tribunali del diritto del malato; noi dobbiamo pensare che esiste un interesse collettivo generale per avere una buona sanità e un SSN che riesca a soddisfare le esigenze di cittadini e medici».

LEGGI: LEGGE GELLI, CONTENZIOSI IN AUMENTO. CASCINI (FOND. ITALIA IN SALUTE): «GESTIONE DEL RISCHIO ANCORA INCOMPIUTA»

Ecco per assimilare le cause che affollano i nostri tribunali con cause legali di questo tipo, si sta pensando di istituire un organismo di conciliazione tra medico e paziente, per arrivare a una mediazione e a ristabilire il rapporto di fiducia tra i due

«Sì, ma in realtà questi meccanismi esistono già, sono già postulati dalla Legge Gelli ma esistevano nel codice e nell’ordinamento fin dal 2005: c’è la conciliazione e l’accertamento tecnico preventivo a fini conciliativi. E pian piano si stanno imponendo; l’articolo 8 della Legge Gelli li colloca come “condizione di procedibilità” quindi imprescindibile. Per questo, chiunque voglia adire al giudice nel suo interesse deve prima avere esperito un tentativo di conciliazione o accertamento tecnico preventivo. È vero, la Legge ancora deve essere pienamente applicata e devo riconoscere che la categoria degli avvocati si mostra ancora un po’ troppo restia alle soluzioni alternative e, a volte, anche i giudici non riescono ad adeguarsi con facilità al nuovo dettato normativo».

Articoli correlati
Violenza in sanità, De Palma (Nursing Up): «Garantiremo copertura assicurativa contro le aggressioni»
L'80% degli infermieri intervistati ha confessato di aver subìto violenza sul luogo di lavoro. L'11% ha parlato di violenza fisica e il 4% ha riferito di essere stato minacciato con un’arma da fuoco. Il presidente del sindacato: «Lo Stato fa poco e il Ddl antiviolenza non è sufficiente. È necessario istituire osservatori e servizi di protezione del personale in tutte le aziende sanitarie». La presidente della Commissione Affari Sociali della Camera Lorefice: «Stiamo lavorando all'istituzione dell'osservatorio di monitoraggio del fenomeno e all'inasprimento delle pene, ma sappiamo che servono interventi strutturali»
Responsabilità professionale, Frati: «Documentazione sanitaria dimostra la competenza del medico e aiuta difesa»
La professoressa Paola Frati, Professore Ordinario di Medicina Legale alla Sapienza di Roma, ha fatto il punto su criticità e nuove prospettive della Legge Gelli a margine del 121° Congresso Nazionale della Società Italiana di Chirurgia
di Cesare Buquicchio
Aggressioni al personale sanitario, Tommasa Maio (FIMMG): «Subito status pubblico ufficiale per medici»
Presentato al 76° Congresso FIMMG un 'video-denuncia': i camici bianchi che lavorano di notte il bersaglio principale
Congresso TSRM e PSTRP, parla Sergio Venturi: «Serve nuovo Patto tra professionisti della salute»
Dopo le polemiche della settimana scorsa torna a parlare l’assessore alla Sanità dell’Emilia Romagna: «Serve più clinica per i medici, più responsabilità per le professioni sanitarie. Sono sicuro che il Ministro della Salute partirà proprio da qui per dare vita a una grande conferenza nazionale per avviare questo processo»
di Giovanni Cedrone e Arnaldo Iodice
Aggressioni, Speranza incontra Anelli (FNOMCeO) e il generale Lusi. Il Ministro: «Al più presto la legge»
Il Ministro della Salute ha partecipato alla prima riunione del 'Tavolo permanente di lavoro sulla sicurezza degli operatori sanitari'. «Il tavolo permanente - fa sapere Speranza- continuerà a lavorare»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...