Salute 17 Giugno 2019

Responsabilità medica, Macrì (Medicina Legale) «Importante sia tutelare i pazienti che garantire maggiore tranquillità ai professionisti»

«Dobbiamo pensare che la buona sanità è un interesse collettivo generale». E sui contenziosi medico-legali: «Si stanno imponendo meccanismi conciliativi e di mediazione, anche se avvocati e giudici sono ancora restii a soluzioni alternative»

Immagine articolo

Bilanciare diritti e doveri di medici e pazienti e soprattutto, cercare un accordo tra le parti per evitare di intasare i tribunali per cause spesso lunghe e difficili. È questo il monito della Legge Gelli- Bianco e il fulcro del pensiero del professor Pasquale Giuseppe Macrì Direttore della medicina legale dell’Azienda sud-est Toscana. Abbiamo intervistato il professor Macrì a margine del convegno “La sicurezza delle cure e la tutela dei diritti” che si è svolto alla Sapienza di Roma.

Allora professore, la Legge Gelli ha iniziato già a dare i suoi frutti. Nelle regioni e nelle strutture in cui si fa un lavoro di gestione del rischio clinico si riesce anche a prevenire il danno e a diminuire i contenziosi

«Sì, purtroppo la prima interpretazione che è stata data della Legge Gelli è stata quella di una legge ad categoriam per tutelare i medici dall’eccessivo rischio della pressione giudiziaria e per il contrasto della medicina difensiva. Questa è una lettura possibile e sicuramente obiettiva, ma non esaustiva. In realtà, la legge inizia proprio con postulare la sicurezza delle cure come un diritto fondamentale di caratura costituzionale per cittadini e pazienti. La sicurezza delle cure insieme alla sicurezza dei professionisti. Oggi parleremo proprio di come si possono coniugare tranquillità, sicurezza delle cure e tranquillità e sicurezza dei professionisti. Noi sappiamo che, più che mai, in questo periodo, i professionisti sono aggrediti a 360 gradi non solo dal punto di vista giudiziario ma anche verbalmente e fisicamente. Le aggressioni ai medici stanno diventando un fenomeno di cronaca che dilaga. Ecco, il contrasto di queste aggressioni è interesse del cittadino. La sicurezza delle cure è interesse dei professionisti. Non dobbiamo più pensare, come alla fine degli anni 90, ai tribunali del diritto del malato; noi dobbiamo pensare che esiste un interesse collettivo generale per avere una buona sanità e un SSN che riesca a soddisfare le esigenze di cittadini e medici».

LEGGI: LEGGE GELLI, CONTENZIOSI IN AUMENTO. CASCINI (FOND. ITALIA IN SALUTE): «GESTIONE DEL RISCHIO ANCORA INCOMPIUTA»

Ecco per assimilare le cause che affollano i nostri tribunali con cause legali di questo tipo, si sta pensando di istituire un organismo di conciliazione tra medico e paziente, per arrivare a una mediazione e a ristabilire il rapporto di fiducia tra i due

«Sì, ma in realtà questi meccanismi esistono già, sono già postulati dalla Legge Gelli ma esistevano nel codice e nell’ordinamento fin dal 2005: c’è la conciliazione e l’accertamento tecnico preventivo a fini conciliativi. E pian piano si stanno imponendo; l’articolo 8 della Legge Gelli li colloca come “condizione di procedibilità” quindi imprescindibile. Per questo, chiunque voglia adire al giudice nel suo interesse deve prima avere esperito un tentativo di conciliazione o accertamento tecnico preventivo. È vero, la Legge ancora deve essere pienamente applicata e devo riconoscere che la categoria degli avvocati si mostra ancora un po’ troppo restia alle soluzioni alternative e, a volte, anche i giudici non riescono ad adeguarsi con facilità al nuovo dettato normativo».

Articoli correlati
Incontro Bussetti-FNOMCeO, obiettivo superare l’imbuto formativo. Anelli: «Allineare numero borse e numero laureati»
Incontro al Miur tra delegazione FNOMCeO e il ministro dell'Istruzione. «Una delle ipotesi al vaglio potrebbe essere quella di un piano straordinario, da condividere con il Ministro della Salute Giulia Grillo, che prevederà, per i prossimi anni, un canale aggiuntivo di accesso alle scuole, con una quota di contratti riservati a coloro che, già laureati da un certo tempo, non abbiano trovato posto nelle specializzazioni», spiega il presidente FNOMCeO Anelli
Responsabilità medica, Federico Gelli: «In alcune regioni c’è già deflazione del contenzioso. Entro quattro mesi ultimi decreti»
«Abbiamo ricevuto il testo dal Mise finalmente dopo circa un anno», spiega Federico Gelli, presidente della Fondazione Italia in Salute e padre della legge 24 del 2017. Sul contenzioso medico-paziente «puntare sul Garante del diritto alla Salute»
Sindacati, Anpo-Ascoti-Fials aderisce ad accordo con Cimo-Fesmed: nasce il Patto per la professione medica
Il raggruppamento, con 19mila iscritti, si avvia ad essere il sindacato dei medici dipendenti pubblici e privati più rappresentativo. Presidente designato Guido Quici: «Un soggetto sindacale più forte e unito per i medici ci aiuterà a sostenere una maggiore attenzione ai giovani e al futuro della sanità pubblica»
Arriva il master in “diritti dei pazienti” per migliorare la sanità
Fornire strumenti corretti ai pazienti per permettere loro di partecipare all’attività sanitaria regionale. Questo l’obiettivo del progetto triennale varato dalla Regione, prima in Italia, con l’Alta scuola di Economia e Management dei sistemi sanitari dell’Università Cattolica mediante una convenzione che prevede uno percorso formativo per operatori dei servizi sanitari in sinergia con il Patient Advocacy […]
Aggressioni in corsia, al corso FNOPI-FNOMCeO si insegna la tecnica della de-escalation: disinnescare il conflitto si può
Obiettivo: diminuire la tensione. Dodici lezioni ECM audio e video corsi FAD, specifici e gratuiti, coordinati dal criminologo Massimo Picozzi per dire basta ad ogni forma di violenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...