Lavoro 6 Giugno 2019

Legge Gelli, contenziosi in aumento. Cascini (Fond. Italia in Salute): «Gestione del rischio ancora incompiuta»

A più di due anni dall’entrata in vigore della legge 24 sulla responsabilità professionale, il rapporto della Fondazione Italia in Salute registra un aumento dei contenziosi tra medici e pazienti. La responsabile del programma di ricerca Fidelia Cascini: «Non sono causati da malasanità, ma da meccanismi di mercato ancora non governati»

La legge Gelli sulla responsabilità professionale dei medici ha fatto diminuire i contenziosi? Da quanto emerge dal rapporto della Fondazione Italia in Salute, no. Il contenzioso risulta al contrario in aumento, perché il rischio non viene ancora gestito e prevenuto nel modo corretto in tutto il Paese. Come evidenzia il presidente della Fondazione e padre della legge 24 Federico Gelli, infatti, nelle Regioni che da anni hanno applicato delle metodiche di risk management si registra una chiara deflazione del contenzioso, una riduzione dell’ammontare delle richieste risarcitorie ed una diminuzione della medicina difensiva. Temi, questi, che abbiamo approfondito con Fidelia Cascini, responsabile del programma di ricerca della Fondazione, che ha elaborato il report.

LEGGI ANCHE: 300MILA CAUSE CONTRO I MEDICI, A MILANO UNA DENUNCIA AL GIORNO. ARBITRATO DELLA SALUTE E INNOVAZIONE COME SOLUZIONI

Dottoressa, dai dati elaborati dalla Fondazione Italia in Salute risulta un’applicazione disomogenea della legge Gelli sul territorio nazionale. È così?

«Sì, è un dato rilevante che viene percepito sia dai cittadini che dalle istituzioni. È necessario allora avviare un percorso di condivisione e di confronto, che oggi più che mai è indispensabile su temi così importanti come la sicurezza delle cure o la prevenzione e la gestione del contenzioso. I sinistri sanitari sono infatti un problema rilevante, con delle conseguenze importanti e ricadute pesanti sul servizio sanitario, per cui è necessario creare più dialogo e condividere di più le soluzioni».

Il contenzioso tra l’altro è in aumento…

«Il contenzioso è in aumento, e questo è sicuramente un effetto di una gestione del rischio sanitario non ancora compiuta. È la prevenzione, infatti, lo strumento per evitare che poi ci siano delle conseguenze e degli esiti negativi. Tuttavia l’aumento del contenzioso è un fenomeno che deve essere letto con occhi diversi: non si tratta necessariamente di malasanità e non deve essere utilizzato per trovare degli elementi di critica nella sanità. Una delle possibili interpretazioni della crescita dei livelli di contenzioso ricade su meccanismi di mercato non ancora governati».

LEGGI ANCHE: CONTENZIOSO MEDICO-LEGALE, UN COSTO ENORME PER OSPEDALI E ASL. LA SPESA PIU’ ALTA NEL MERIDIONE

Articoli correlati
Ferie negate, turni massacranti e rischi professionali. Avv. Croce (C&P): «Con emergenza ci si sta allontanando sempre di più dalla legalità»
«Tra i rischi per il personale anche quello di essere coinvolti in azioni collettive di responsabilità contro le strutture sanitarie. Il consiglio è di formalizzare il dissenso con richiamo alle norme di legge applicabili e poi “andare al fronte”»
Tamponi Covid, cosa rischia il medico che ne prescrive troppi (o troppo pochi)? Intervista all’Avv. Hazan
«La Legge Gelli è poco applicabile a questi casi perché si fonda sul rispetto delle linee guida. Ma nel caso del Covid non c’è una comprensione esatta di cosa si debba fare»
Il mistero dei decreti attuativi della Legge Gelli. Misiti (M5S): «Da mesi sollecito il Ministero ma nessuna risposta»
Il deputato e medico M5S racconta a Sanità Informazione i suoi incontri al Ministero della Salute per sbloccare l’impasse su delle norme attese dal 2018: «Ho parlato con FNOMCeO, Anaao e Collegio Italiano dei Chirurghi e tutti si sono detti molto preoccupati per il disinteresse che avvolge il tema». Ma Speranza annuncia un'accelerazione
Covid e operatori sanitari denunciati, Gelli: «Parlamento consideri nostro emendamento per maggiori tutele»
Il relatore della Legge 24/2017 sulla responsabilità professionale: «Decreti attuativi nella fase finale di approvazione»
Responsabilità e Covid-19, Gelli: «Decreti attuativi legge 24 e scudo per tutelare professionisti sanitari»
Manca solo la firma del ministro Patuanelli per completare l’iter dei decreti attuativi della legge Gelli. E intanto iniziano ad arrivare le prime richieste di risarcimento dai familiari delle vittime del Covid. Il presidente della Fondazione Italia in Salute: «Serve norma ad hoc»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli