Lavoro 6 Giugno 2019

Legge Gelli, contenziosi in aumento. Cascini (Fond. Italia in Salute): «Gestione del rischio ancora incompiuta»

A più di due anni dall’entrata in vigore della legge 24 sulla responsabilità professionale, il rapporto della Fondazione Italia in Salute registra un aumento dei contenziosi tra medici e pazienti. La responsabile del programma di ricerca Fidelia Cascini: «Non sono causati da malasanità, ma da meccanismi di mercato ancora non governati»

La legge Gelli sulla responsabilità professionale dei medici ha fatto diminuire i contenziosi? Da quanto emerge dal rapporto della Fondazione Italia in Salute, no. Il contenzioso risulta al contrario in aumento, perché il rischio non viene ancora gestito e prevenuto nel modo corretto in tutto il Paese. Come evidenzia il presidente della Fondazione e padre della legge 24 Federico Gelli, infatti, nelle Regioni che da anni hanno applicato delle metodiche di risk management si registra una chiara deflazione del contenzioso, una riduzione dell’ammontare delle richieste risarcitorie ed una diminuzione della medicina difensiva. Temi, questi, che abbiamo approfondito con Fidelia Cascini, responsabile del programma di ricerca della Fondazione, che ha elaborato il report.

LEGGI ANCHE: 300MILA CAUSE CONTRO I MEDICI, A MILANO UNA DENUNCIA AL GIORNO. ARBITRATO DELLA SALUTE E INNOVAZIONE COME SOLUZIONI

Dottoressa, dai dati elaborati dalla Fondazione Italia in Salute risulta un’applicazione disomogenea della legge Gelli sul territorio nazionale. È così?

«Sì, è un dato rilevante che viene percepito sia dai cittadini che dalle istituzioni. È necessario allora avviare un percorso di condivisione e di confronto, che oggi più che mai è indispensabile su temi così importanti come la sicurezza delle cure o la prevenzione e la gestione del contenzioso. I sinistri sanitari sono infatti un problema rilevante, con delle conseguenze importanti e ricadute pesanti sul servizio sanitario, per cui è necessario creare più dialogo e condividere di più le soluzioni».

Il contenzioso tra l’altro è in aumento…

«Il contenzioso è in aumento, e questo è sicuramente un effetto di una gestione del rischio sanitario non ancora compiuta. È la prevenzione, infatti, lo strumento per evitare che poi ci siano delle conseguenze e degli esiti negativi. Tuttavia l’aumento del contenzioso è un fenomeno che deve essere letto con occhi diversi: non si tratta necessariamente di malasanità e non deve essere utilizzato per trovare degli elementi di critica nella sanità. Una delle possibili interpretazioni della crescita dei livelli di contenzioso ricade su meccanismi di mercato non ancora governati».

LEGGI ANCHE: CONTENZIOSO MEDICO-LEGALE, UN COSTO ENORME PER OSPEDALI E ASL. LA SPESA PIU’ ALTA NEL MERIDIONE

Articoli correlati
Avvocato Pittella: «Responsabilità civile e tutela assicurativa, le ultime novità messe in moto dalla Legge Gelli»
«La Gelli-Bianco fa progressi importanti da tanti punti di vista», spiega Domenico Pittella, consigliere giuridico CIC, ma i problemi non mancano: «Mancano i decreti attuativi in materia di definizione della polizza assicurativa standard tipo in capo alle strutture sanitarie»
Pittella (PD): «Mia priorità abbattere numero dei contenziosi per i medici. Intervento su Legge Gelli»
«C’è un tema che riguarda la responsabilità penale del medico che probabilmente andrà rivisto», spiega il senatore del Partito Democratico, Giovanni Pittella che lancia la proposta di un articolo unico di modifica insieme al collega Misiti
Responsabilità professionale, Gelli: «Entro l’autunno avremo i decreti attuativi legge 24»
Il testo dei quattro decreti è stato elaborato dal MISE e ha ricevuto il parere positivo da parte del MEF e del ministero della Salute. Il padre della legge Gelli: «Ora manca concertazione. Accolto il 90% delle nostre proposte»
Sicurezza delle cure a rischio, Catalini (Ospedale Camerino): «Pochi posti letto». Cambiato il rapporto medico-paziente
Le carenze sono evidenti soprattutto nei pronto soccorso. «Abbiamo circa 3 posti letto per mille abitanti – spiega Giambattista Catalini, direttore dell'unità operativa di Chirurgia generale del Presidio Ospedaliero di Camerino. Se la Germania è tra gli 8,2 e gli 8,4 mentre altri sono addirittura a 13, vuol dire che forse stiamo un po’ troppo strozzando la possibilità di ricezione per le cure successive»
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Carenza medici e formazione ECM, Magi a Codici: «Pronti al confronto e a certificare»
Il presidente Omceo Roma, Antonio Magi risponde alle accuse lanciate dall’associazione Codici riguardo ad un “allarmismo bluff” da parte della categoria dei medici. Dalla carenza di personale all’aggiornamento professionale, la replica dei camici bianchi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...