Lavoro 30 Aprile 2019

Responsabilità professionale, MISE al lavoro su decreti attuativi legge 24. Gelli: «Contenziosi in diminuzione con risk management»

«Nelle regioni dov’è applicata la Legge si riducono le controversie: finalmente c’è un governo del rischio in sanità e della sicurezza delle cure per i cittadini» ha sottolineato a Sanità Informazione Federico Gelli, relatore della Legge alla Camera e presidente della Fondazione Italia in Salute

Immagine articolo

Sono in via di definizione i decreti attuativi sulla parte assicurativa a due anni dall’approvazione della Legge 24/2017 (cosiddetta Legge Gelli-Bianco dai nomi dei parlamentari che hanno completato l’iter) che regola la sicurezza delle cure e la responsabilità professionale.

Lo stesso Federico Gelli, nel corso di un convegno alla Camera in veste di presidente della Fondazione Italia in salute, ha annunciato l’imminente arrivo dei decreti e presentato i primi dati, positivi, sull’applicazione della Legge: «Nelle Regioni che da anni hanno applicato delle metodiche di risk management c’è stata una chiara deflazione del contenzioso, una riduzione dell’ammontare delle richieste risarcitorie ed una diminuzione della medicina difensiva».

LEGGI ANCHE: RESPONSABILITA’ PROFESSIONALE, FONDAZIONE ITALIA IN SALUTE: «NELLE REGIONI DOV’E’ APPLICATA LA LEGGE GELLI DIMINUISCONO I CONTENZIOSI»

«I dati raccolti per lo più in regioni dov’è stato fatto un lavoro di gestione del rischio come la “mia” Toscana, partita dieci anni fa – ha spiegato Gelli a DoctorNews – confermano che le strutture che più investono in risk management non solo hanno meno contenziosi legali ma sborsano meno in termini di premi e risarcimenti, perché alla realizzazione di sistemi di prevenzione, gestione e monitoraggio del rischio corrisponde una sostanziale azione di prevenzione del danno».

«L’obiettivo – ha concluso Gelli – è ora uniformare queste pratiche a livello nazionale calibrandole sulle diversità delle strutture; su 21 tra regioni e province autonome, 13 hanno aderito alla Legge istituendo centri regionali di coordinamento del rischio clinico, due – Liguria e Lombardia – hanno di fatto aderito senza però seguire la lettera della Legge, le altre non hanno fatto niente».

LEGGI ANCHE: RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE, FIORENTINO (MISE): «ULTIMI DECRETI LEGGE GELLI IN FASE DI ELABORAZIONE, PRESTO INIZIATIVA DEL MINISTERO

Come riportato da DoctorNews, il Direttore generale del Ministero dello Sviluppo Economico, Mario Fiorentino, ha annunciato per il 9 maggio la convocazione del tavolo di lavoro per arrivare all’emanazione dei quattro decreti mancanti. I temi centrali saranno: requisiti delle nuove polizze Rc, garanzie minime degli assicuratori, intervento Ivass e definizione dei confini tra assicurazione ed autoritenzione del rischio. «In un decreto si discuteranno i requisiti minimi delle polizze, massimali, ultrattività e retroattività; un secondo decreto chiarirà le garanzie minime che devono dare gli assicuratori per gestire il rischio; un terzo disciplinerà le forme di auto-ritenzione del rischio in un quadro nazionale, e andrà, inoltre, definita l’azione diretta che il cittadino può esercitare sulla struttura e che non appare praticabile in caso di auto-ritenzione del rischio. Si pensa in questo caso – ha concluso Fiorentino – di introdurre l’obbligo per le strutture di un Fondo di garanzia al quale attingere le risorse per l’erogazione diretta del risarcimento».

Articoli correlati
Covid-19 e responsabilità medica, D’Elia (Procura Roma): «Mi chiedo se legge Gelli sia adeguata all’emergenza»
Nel confronto su Covid e responsabilità medica tra medici, avvocati e giuristi dell’Università Cattolica e Fondazione Policlinico A. Gemelli, si prospettano i possibili scenari del contenzioso medico legale post-epidemia
Covid-19, come è stata affrontata la pandemia in Cina? I manuali di Wuhan diventano un corso di formazione
Online il corso ECM “Covid-19, l’esperienza cinese: prevenzione, diagnosi e trattamento”. Il responsabile scientifico Paolo Arangio: «Abbiamo tradotto e riadattato i manuali distribuiti nell’ospedale di Wuhan»
Screening oncologici rimandati per Covid-19, studio Nomisma: «Recuperare 4 milioni di test»
Per le ricercatrici non si tornerà alla normalità prima di settembre e allora, per rimettersi in pari con gli anni passati, andranno fatti 1,2 milioni di test mammografici, 1,1 milioni di test cervicali e 1,6 milioni di colorettali
Risk Management, Relyens: «Un nuovo anno di crescita al servizio degli operatori sanitari»
Relyens, gruppo mutualistico europeo di riferimento in risk management presso gli operatori sanitari e i territori per garantire le loro missioni di interesse generale, «ha proseguito la propria trasformazione nel 2019 consolidando le attività storiche e affermando la propria dimensione europea attraverso i marchi Sham, Sofaxis e Neeria». Così il gruppo mutualistico in un comunicato. […]
Anziani e Coronavirus. Conversano (HappyAgeing): «Meno fragili con vaccino contro pneumococco, influenza e herpes zoster»
“L’Esperto risponde”, un servizio online gratuito curato da HappyAgeing, promuove l’invecchiamento attivo ai tempi del lockdown: «Mangiare in modo sano per non aggravare le patologie esistenti, praticare attività fisica in casa e chiacchierare tutti i giorni con i propri cari, anche se a distanza»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco