Lavoro 15 Aprile 2019 18:10

Responsabilità professionale, Fiorentino (MISE): «Ultimi decreti legge Gelli in fase di elaborazione, presto iniziativa del Ministero»

Il Direttore Generale per il mercato del Ministero dello Sviluppo Economico annuncia una iniziativa a breve per sbloccare i decreti attuativi della legge riguardanti la parte assicurativa. Fondazione Italia In Salute: contenzioso in diminuzione

Responsabilità professionale, Fiorentino (MISE): «Ultimi decreti legge Gelli in fase di elaborazione, presto iniziativa del Ministero»

Dopo un’attesa durata due anni, sembra finalmente giungere a una schiarita la vicenda degli ultimi decreti attuativi che riguardano la legge 24 del 2017 anche detta legge Gelli. Questi decreti dovranno definire questioni decisive sulla parte assicurativa: i contenuti minimi delle polizze, i massimali, il regime di operatività temporale delle polizze. I primi dati sull’applicazione della legge, presentati dalla Fondazione Italia In Salute presieduta da Federico Gelli, parlano di un contenzioso in diminuzione laddove la legge è applicata, anche se c’è una forte disomogeneità tra le regioni causata anche dai diversi livelli di recepimento della norma. La legge prevede l’obbligatorietà della copertura assicurativa delle strutture. Mario Fiorentino, Direttore Generale per il mercato del Ministero dello Sviluppo Economico, ci annuncia le ultime novità sui decreti attuativi mancanti della legge 24: per maggio è prevista la convocazione del tavolo di lavoro per sciogliere gli ultimi nodi.

Dottor Fiorentino, lei ha lanciato una proposta molto interessante: che ogni struttura, ogni azienda si doti di un risk manager…

«È una figura fondamentale prevista dalla legge di riforma e anche dai decreti di attuazione che sono in corso di elaborazione e definizione presso il ministero. È una figura cardine dell’intero progetto di riforma, io credo contribuirà fortemente alla gestione di un sistema così complesso in vista della migliore prestazione al paziente e anche della migliore gestione del bilancio e delle risorse destinate all’assistenza sanitaria».

LEGGI ANCHE: RESPONSABILITA’ PROFESSIONALE, FONDAZIONE ITALIA IN SALUTE: «NELLE REGIONI DOV’E’ APPLICATA LA LEGGE GELLI DIMINUISCONO I CONTENZIOSI»

Tutti i professionisti sono in attesa dei decreti attuativi della legge Gelli. A che punto siamo?

«Nei prossimi giorni il Ministro dello Sviluppo economico adotterà una iniziativa importante richiamando a un tavolo di coordinamento alcune amministrazioni pubbliche, associazioni rappresentative per tentare di definire i testi che sono già in fase di elaborazione avanzata».

Articoli correlati
Dalle Case di Comunità 4.0 all’indagine su italiani e professionisti sanitari, le attività della Fondazione Italia in Salute
La Fondazione presieduta da Federico Gelli sta lavorando all’aggiornamento del manuale sulla legge 24/17 sulla responsabilità professionale. Il terzo “Quaderno” della collana sarà dedicato al tema dell’innovazione digitale in sanità
Legge Gelli: i requisiti minimi di garanzia delle polizze assicurative
Nella bozza del decreto attuativo è previsto il diritto di rivalsa nei confronti del professionista sanitario che non ha regolarmente assolto l’obbligo formativo
Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo
Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a tutti i medici dipendenti di una struttura sanitaria»
Sanità e regioni, Rasi: «Pandemia ha mostrato debolezza di un sistema frammentato. Puntare su formazione»
L’ex direttore esecutivo dell’Agenzia europea del farmaco: «Auspico incentivi a formazione ECM del personale sanitario». E sulla gestione dell’emergenza da parte delle Regioni: «Sulla salute serve maggiore centralizzazione»
Che fine hanno fatto i decreti attuativi della legge Gelli? Sono ostaggio delle Regioni
La Conferenza Stato-Regioni ritarda l’approvazione del decreto che regola le polizze assicurative dei professionisti sanitari. Tra gli elementi ostacolati, la proposta di legare la formazione continua alla prevenzione del rischio clinico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 ottobre, sono 241.574.393 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.913.555 i decessi. Ad oggi, oltre 6,67 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?