Salute 11 Febbraio 2021 15:38

Quarantena ai vaccinati? Per gli Usa non serve, ma i nostri esperti si dividono

Secondo il Cdc statunitense, dopo la seconda dose i vaccinati possono evitare la quarantena in caso di contatto con un positivo. In Italia si invita il Cts a intervenire per aiutare il ritorno alla normalità

Quarantena ai vaccinati? Per gli Usa non serve, ma i nostri esperti si dividono

Quarantena anche se vaccinati dopo un contatto con soggetto positivo a Covid: precauzione inutile o necessaria? Si dibatte da qualche giorno su questo argomento senza riuscire a trovare un accordo tra esperti e organizzazioni. Dagli Usa arrivano raccomandazioni più leggere: se rientranti in determinati “criteri di sicurezza”, la quarantena non sarà necessaria. In Europa invece ci si muove in maniera più cauta per paura delle varianti e del possibile difetto dei vaccini. Anche in Italia il dibattito è acceso.

Cdc statunitense: «Quarantena non necessaria nei 3 mesi successivi alla seconda dose di vaccino»

Il Center for Disease Control (CDC) americano ha rilasciato mercoledì una dichiarazione. Se si è stati completamente vaccinati contro il coronavirus e sono trascorsi 15 giorni dall’inoculazione della seconda dose, dopo un contatto con un positivo si può evitare la quarantena. A patto che non siano trascorsi oltre tre mesi dalla seconda dose. Sapendo ancora poco dell’effettiva durata dell’immunità, infatti, la quarantena dopo questo intervallo di tempo potrebbe essere necessaria.

«Si tratta di raccomandazioni in linea con quelle necessarie per l’immunità naturale» specifica il Cdc. Evitare l’isolamento per i soggetti vaccinati, però, non significherà abbandonare le precauzioni. Pur essendo protetti, i soggetti immunizzati potrebbero comunque trasportare il virus nel naso o nella bocca e contagiare persone non vaccinate. «I vaccini prevengono la malattia sintomatica ma non hanno ancora dimostrato di prevenire la malattia asintomatica», ha osservato il Cdc. Dunque: mascherine, distanziamento e lavaggio delle mani restano all’ordine del giorno per tutti.
«Questi criteri – ha aggiunto l’agenzia – sono applicabili anche al personale sanitario completamente vaccinato, che lavora a stretto contatto con pazienti Covid. Fuori dal lavoro non sarebbe necessaria la quarantena». L’unica eccezione sarà rappresentata dai pazienti ospedalieri e i residenti di Rsa che, seppure vaccinati, se a contatto con un soggetto positivo dovrebbero comunque essere tenuti in quarantena. «Questo perché non è chiaro quanto sia efficace il vaccino nelle persone ricoverate in ospedale» è spiegato.

Italia, i sostenitori del no

In Italia, dove il Cts non si è ancora espressa propriamente, molti esperti hanno chiesto di rivedere le norme sulla quarantena. «La questione dei vaccinati e dei protocolli che devono seguire, come ad esempio la quarantena, va riaffrontata alla luce del fatto che è stata superata la quota di un milione di immunizzati. Dobbiamo prendere atto che i vaccinati sono tanti: nei loro confronti dobbiamo essere cautelativi, ma non possiamo imporre misure che non hanno senso» ha chiesto Carlo Signorelli, docente di Igiene e Sanità pubblica all’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano.

E non si dovrebbero ripensare solo le procedure per la quarantena: «Pensiamo ad esempio ai tamponi per l’ingresso nei reparti d’ospedale, obbligatori per tutti. Se però entra un vaccinato che ha già fatto la seconda dose da 2 settimane, non ha senso sottoporlo allo stesso iter».

Dello stesso parere è anche Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova e componente dell’Unità di crisi Covid-19 della Liguria. «Per quanto riguarda la quarantena per i vaccinati io non sono d’accordo. Se fosse così tutti i sanitari dovrebbero vivere in quarantena perché siamo sempre a contatto con Covid positivi. Un vaccinato che ha un contatto ravvicinato con un caso non dovrebbe fare quarantena. Dovrebbe essere controllato con un tampone».

Anche Massimo Galli, primario infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano, crede che la quarantena «debba essere, almeno gradualmente, abbandonata. Nel momento in cui avremo una quantità ampia di vaccinati sarà necessario decidere. La valutazione di un tampone, in caso di esposizione diretta importante, resta un criterio prudenziale anche per il vaccinato. Ma essere messi in quarantena come prima della vaccinazione credo costituisca un ostacolo anche alla ripresa delle attività. Ma è una posizione sulla quale sono aperto al confronto».

I sostenitori del sì

La pensa diversamente l’immunologo Mauro Minelli, responsabile per il Sud della Fondazione italiana di medicina personalizzata. La quarantena dovrebbe dipendere «dalla tipologia di vaccino somministrato, ma alle attuali conoscenze è meglio seguirla». Si riferisce ai dati che vengono da Israele, attualmente il paese con la campagna vaccinale più avanzata. «Il vaccino Pfizer – ha precisato Minelli – risulta essere efficacemente e completamente protettivo dopo circa un mese dalla somministrazione della prima dose, ovvero una settimana dopo la seconda».

«Di 7-10 giorni più lunghi risultano essere i tempi della piena efficacia del vaccino Moderna. Appare, dunque, evidente coma la quarantena possa ritenersi indispensabile per quei soggetti che fossero venuti in contatto con positivi nella finestra di tempo compresa nei 30 giorni successivi alla somministrazione della prima dose del vaccino Pfizer e nei 40 giorni successivi alla somministrazione della prima dose del vaccino Moderna», mentre sui vaccini AstraZeneca ancora si brancola nel buio.

Il virologo Fabrizio Pregliasco ha aggiunto che «Nessun vaccino è efficace al 100%». «Davvero non siamo certi della sterilizzazione del soggetto vaccinato, potrebbe prendere una forma di Covid irrilevante per lui, che rischia però di non esserlo – ha continuato – per le persone non ancora protette».

«Per i vaccinati restano le stesse regole di quarantena», ha concordato Maria Rita Gismondo, direttrice del Laboratorio di microbiologia clinica, virologia e diagnostica delle bioemergenze dell’ospedale Sacco di Milano. «Se si dovesse essere positivi al virus certamente il pericolo di poter contagiare gli altri rimane».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Settimana Immunizzazione: corsie preferenziali per i pazienti oncologici nel post Covid
Dall’incontro al ministero della salute emerge la necessità di imprimere un’accelerazione alla vaccinazione come strumento di salute pubblica per i pazienti fragili, in primis oncologici. Non solo quarta dose per il Covid ma anche tutte le altre somministrazioni
Quanto dura la quarantena dei vaccinati risultati positivi al virus Sars-CoV-2?
Per le persone vaccinate le regole della quarantena rimangono le stesse anche a fine stato d'emergenza
Nas nelle RSA: 42 sanzioni per mancata vaccinazione di medici e infermieri
Ispezionate dai Nas 536 attività sociosanitarie e assistenziali: segnalate 107 irregolarità. Sanzionate 52 persone per violazioni penali e 87 per illeciti amministrativi per un totale di 80 mila euro
Isolamento e quarantena, cosa è cambiato con l’ultimo decreto?
La variante Omicron ha sparigliato le carte e costretto il Governo a prendere ulteriori misure restrittive per tamponare il contagio. A partire da isolamento e quarantena
Nuovo decreto Covid, come cambia la quarantena e dove si estende il Super Green pass
Raggiunta l'intesa anche per calmierare le mascherine FFP2, sul prezzo deciderà la struttura di Figliuolo con le farmacie
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale