Salute 12 Settembre 2016

«Non tutto il grasso è cattivo». Pinto (ESC): «Ecco come ridurre le cardiopatie»

Il Presidente della Società Europea di Cardiologia ai nostri microfoni spiega qual è il ruolo del medico nel diffondere un corretto stile di vita tra la popolazione e quali sono le pietanze che possono provocare più danni

Il grasso, la mancanza di attività fisica e la poca informazione dei pazienti su cosa fa bene al proprio corpo e cosa no. Sono queste le principali cause dei problemi cardiaci, che ogni anno mietono oltre 17 milioni di vittime. Lo afferma il professor Fausto Pinto, Presidente della Società Europea di Cardiologia, che ai nostri microfoni ha spiegato qual è il ruolo del medico nel diffondere un corretto stile di vita tra la popolazione e quali sono i cosiddetti “cibi killer”.

Pensa che i medici debbano partecipare a corsi di formazione per essere preparati ad aiutare i pazienti a prevenire?

«Il lavoro con i pazienti e con la società è molto importante. È un’area in cui la società scientifica sta facendo molto negli ultimi tempi. Abbiamo creato negli ultimi 2 anni unità specifiche di discussione per i pazienti, con l’obiettivo di coinvolgere le organizzazioni degli stessi pazienti nei temi di interesse, perché se abbiamo una popolazione educata è più facile che segua i consigli che gli vengono dati. La formazione è cruciale e per avere questo tipo di programma a diversi livelli vanno fatte molte cose. Il messaggio deve essere diffuso tra le persone in modo che capiscano quanto è importante per i loro bambini e per il futuro. Quindi dobbiamo fare sforzi tutti insieme: società scientifica e comunità devono collaborare».

Può dirci quali sono i cibi killer che provocano malattie cardiache?

«Il grasso è sicuramente uno dei fattori nocivi: è responsabile dell’aumento del colesterolo e avere livelli alti di colesterolo ha un impatto sulle persone che sono predisposte a sviluppare malattie cardiache o provocare trombi nelle arterie del cuore. Tutto quel che è legato al grasso di animali è nocivo così come il modo di cucinare: uno può essere più pericoloso rispetto ad un altro. È importante che le persone mangino più frutta, verdura e pesce. Anche il pesce contiene grasso ma il grasso del pesce è buono. Non tutto il grasso è cattivo. Per cui bisogna fare questa distinzione e spiegarla bene alle persone. Solo nel sud Europa, come in Italia e nel mio Paese, mangiamo molta frutta e pesce, ed è per questo che abbiamo nel sud Europa meno malattie cardiache rispetto ad altri Paesi. Inoltre una corretta alimentazione deve essere accompagnata dall’esercizio fisico: mezz’ora di cammino al giorno, 45 minuti al giorno, camminare invece di usare la macchina per brevi distanze e usare di più il corpo. Tutto questo è il minimo che si possa fare per promuovere una buona salute tra la popolazione».

Articoli correlati
Coronaropatie, arteriopatie e malattia renale cronica nel paziente con Fibrillazione Atriale. Ecco come cambia l’approccio con rivaroxaban
Un paziente su cinque, dopo 3-4 anni da un infarto, può subire o una ri-ospedalizzazione, o un nuovo evento infartuale, o un ictus, oppure un evento fatale. Nei Paesi occidentali c’è una frequenza degli eventi avversi molto elevata, anche nei pazienti che aderiscono correttamente alle terapie raccomandate. Questo sta a significare che, in generale, i […]
Emergenza-urgenza in pediatria, Roscio (cardiologo) «Tutti i medici, specialisti e non, siano preparati alla gestione degli episodi critici»
Il coordinatore del gruppo di emergenza extraospedaliera dell’OMCeO di Roma: «Abbiamo promosso il corso di aggiornamenti in tossicologia pediatrica perché i casi di avvelenamento e intossicazione sono molto più frequenti di quanto si possa immaginare, soprattutto in ambiente domestico»
di Isabella Faggiano
Morte improvvisa, si può prevenire? Risponde il cardiologo tedesco Axel Bauer
«Se si individuano i pazienti a rischio, si può intervenire con un defibrillatore cardiaco impiantabile. In futuro i dispositivi indossabili che monitorano il paziente 24 ore su 24 ci aiuteranno molto, ma per ora forniscono informazioni limitate»
La storia di Anezka, 25 anni: «Il pacemaker mi ha offerto una seconda possibilità di vita»
Intervenuta alla sessione “Meet my patient” del congresso EHRA a Lisbona, Anezka Gombosova, di Praga, ha spiegato ai cardiologi cosa significa convivere con il pacemaker. Poi li ha esortati: «Dovete imparare dai vostri pazienti»
Anticoagulanti, studio EMIT: con edoxaban basso rischio di sanguinamento o ischemia peri-procedurale. Colonna (Cardiologo): «Indicazione importante per i clinici»
Lo studio dimostra che la somministrazione peri-procedurale di edoxaban in pazienti europei ultrasettantenni affetti da fibrillazione atriale o tromboembolia venosa sottoposti a procedure diagnostiche o terapeutiche è associato ad un rischio pari allo 0,4% di emorragie maggiori e di ictus o ischemia dello 0,6%
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti, Inviati a Lisbona
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...
Politica

Europee, ecco i risultati. Vanno bene i camici bianchi

Entra nel Parlamento europeo Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa candidato con il Partito Democratico che conquista nella circoscrizione insulare oltre 135 mila voti, secondo nelle preferenze solo ...