Salute 29 novembre 2018

Prevenzione, Aurelio De Laurentiis: «Vorrei un Napoli Lab con medici a disposizione di tutti i napoletani»

«Combattiamo il turismo sanitario sfruttando l’attrattività del Napoli all’estero». Così il presidente del club partenopeo e proprietario del Bari, intervenuto all’Andro Day, che propone: «Insegniamo a fare prevenzione sin dalle scuole elementari»

«La prevenzione è fondamentale. Io lo dico sempre ai ragazzi del Napoli calcio: il vostro corpo è un tesoro che non dovete disperdere, dovete conservarlo. E mi piacerebbe inviare lo stesso messaggio a tutti i napoletani, mettendo a loro disposizione un Napoli Lab dove ognuno, in base alle sue problematiche, possa essere seguito nell’alimentazione e nell’attività fisica, e possa trovare un pool di medici pronto ad aiutarlo». Sono le parole di Aurelio De Laurentiis, noto produttore cinematografico, presidente del Napoli e proprietario del Bari.

Intervenuto all’Andro Day, la giornata dedicata alla salute dell’uomo, De Laurentiis ha annunciato l’intenzione di «combattere il turismo sanitario» sfruttando «l’attrattività che il Napoli ha anche all’estero. Cerchiamo di far venire gli altri qua, invece di dover essere sempre noi a farci curare lontano da casa», ha detto durante il convegno.

LEGGI ANCHE: SPORT E PREVENZIONE, MATILDE BRANDI: «PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE. E MI TENGO IN FORMA BALLANDO E MANGIANDO SANO»

Un progetto che ancora non si è concretizzato, nonostante un incontro di un paio di mesi fa con l’università Federico II che ha messo a disposizione dei locali per il Napoli Lab, perché De Laurentiis non si sente «pronto da un punto di vista etico. Devo prima capire – ha spiegato – come il progetto sia finanziabile e, soprattutto, non oggetto di eventuali critiche. Vorrei che il Napoli Lab prendesse voce dalla coscienza stessa dei napoletani, che dovrebbero essere contenti di partecipare a questa assicurazione sulla salute».

A margine dell’iniziativa, ha quindi evidenziato ancora una volta l’importanza di fare prevenzione, cosa che «bisognerebbe insegnare fin dalle scuole elementari». Fondamentale, poi, avere un buon rapporto con il medico, perché «è il medico che ti aiuta a non ammalarti».

E per non ammalarsi, anche l’attività fisica ricopre un ruolo importante, ma solo se è quella giusta e fatta in modo corretto: «Il 39% delle persone va a correre, ma se sbaglia posizione, terreno o scarpa poi potrebbero avere dei problemi. Non è ‘la sudata’ che fa far miracoli, perché se è fatta in modo sbagliato poi a 60 anni si hanno problemi e non si cammina più. Per star bene – è il consiglio conclusivo di De Laurentiis – basta camminare un’ora al giorno a 5-6 chilometri orari».

LEGGI ANCHE: SALUTE, 4,5 MLN COLPITI DA OSTEOPOROSI. OGNI 3 SECONDI UNA FRATTURA

 

Articoli correlati
“Al cuore del diabete”: a Roma la campagna di informazione ai cittadini
Il 19 dicembre 2018, alle ore 11.00, presso la Sala della Presidenza dell’ANCI (2° piano – via dei Prefetti 46) si terrà l’incontro “Al cuore del diabete”, la campagna di informazione ai cittadini sulla prevenzione del rischio cardiovascolare nelle persone con diabete. Le malattie cardiovascolari rappresentano la principale causa di morte nelle persone con diabete di tipo 2: […]
Il Campus Biomedico Roma inaugura centro senologia in Palestina
Prima, per curare un tumore del seno o eseguire un controllo diagnostico dovevano andare all’estero. Ora, le donne palestinesi potranno farlo nella loro terra, grazie al primo e unico centro senologico multidisciplinare del proprio Paese, nell’ospedale di Beit Jala. Il centro è nato grazie alla collaborazione tra l’Ufficio di Gerusalemme dell’Aics (Agenzia italiana della cooperazione allo sviluppo), Elis […]
Sesso e alimentazione, Esposito (Università Vanvitelli): «La dieta mediterranea combatte la disfunzione erettile»
La prescrizione della professoressa, ordinario di Endocrinologia: «L’eros nasce a tavola. Per avere una buona qualità di vita e un buon vissuto sessuale, scegliamo i piatti della nostra tradizione»
Scompenso cardiaco: e-health e social network per combattere la nuova pandemia
Una due giorni dedicata a quella che è stata definita “la nuova pandemia”: lo scompenso cardiaco. Una patologia cronica che sfida i sistemi sanitari per l’elevata frequenza di ri-ospedalizzazioni e l’alto assorbimento di risorse e che oggi, grazie anche nuove tecnologie, può essere tele-monitorata. Il 30 novembre e il 1 dicembre, all’Opificio Golinelli di Bologna, […]
Tumore prostata, nasce il nuovo centro urologia alla Sanatrix di Roma
Porte aperte alla Casa di cura Sanatrix di Roma per la prevenzione dei tumori della prostata. Sabato 24 novembre, dalle 10 alle 20, la struttura privata di via di Trasone 61, in zona Nomentana, metterà a disposizione dei pazienti un’equipe di medici e personale specializzato per promuovere una giornata di sensibilizzazione. L’occasione è la nascita di […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...