Salute 29 Novembre 2018

Prevenzione, Aurelio De Laurentiis: «Vorrei un Napoli Lab con medici a disposizione di tutti i napoletani»

«Combattiamo il turismo sanitario sfruttando l’attrattività del Napoli all’estero». Così il presidente del club partenopeo e proprietario del Bari, intervenuto all’Andro Day, che propone: «Insegniamo a fare prevenzione sin dalle scuole elementari»

«La prevenzione è fondamentale. Io lo dico sempre ai ragazzi del Napoli calcio: il vostro corpo è un tesoro che non dovete disperdere, dovete conservarlo. E mi piacerebbe inviare lo stesso messaggio a tutti i napoletani, mettendo a loro disposizione un Napoli Lab dove ognuno, in base alle sue problematiche, possa essere seguito nell’alimentazione e nell’attività fisica, e possa trovare un pool di medici pronto ad aiutarlo». Sono le parole di Aurelio De Laurentiis, noto produttore cinematografico, presidente del Napoli e proprietario del Bari.

Intervenuto all’Andro Day, la giornata dedicata alla salute dell’uomo, De Laurentiis ha annunciato l’intenzione di «combattere il turismo sanitario» sfruttando «l’attrattività che il Napoli ha anche all’estero. Cerchiamo di far venire gli altri qua, invece di dover essere sempre noi a farci curare lontano da casa», ha detto durante il convegno.

LEGGI ANCHE: SPORT E PREVENZIONE, MATILDE BRANDI: «PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE. E MI TENGO IN FORMA BALLANDO E MANGIANDO SANO»

Un progetto che ancora non si è concretizzato, nonostante un incontro di un paio di mesi fa con l’università Federico II che ha messo a disposizione dei locali per il Napoli Lab, perché De Laurentiis non si sente «pronto da un punto di vista etico. Devo prima capire – ha spiegato – come il progetto sia finanziabile e, soprattutto, non oggetto di eventuali critiche. Vorrei che il Napoli Lab prendesse voce dalla coscienza stessa dei napoletani, che dovrebbero essere contenti di partecipare a questa assicurazione sulla salute».

A margine dell’iniziativa, ha quindi evidenziato ancora una volta l’importanza di fare prevenzione, cosa che «bisognerebbe insegnare fin dalle scuole elementari». Fondamentale, poi, avere un buon rapporto con il medico, perché «è il medico che ti aiuta a non ammalarti».

E per non ammalarsi, anche l’attività fisica ricopre un ruolo importante, ma solo se è quella giusta e fatta in modo corretto: «Il 39% delle persone va a correre, ma se sbaglia posizione, terreno o scarpa poi potrebbero avere dei problemi. Non è ‘la sudata’ che fa far miracoli, perché se è fatta in modo sbagliato poi a 60 anni si hanno problemi e non si cammina più. Per star bene – è il consiglio conclusivo di De Laurentiis – basta camminare un’ora al giorno a 5-6 chilometri orari».

LEGGI ANCHE: SALUTE, 4,5 MLN COLPITI DA OSTEOPOROSI. OGNI 3 SECONDI UNA FRATTURA

 

Articoli correlati
Pordenone, arriva l’ecografo ad alta definizione per il Centro di Medicina
Il Centro di Medicina Pordenone di via della Ferriera si è dotato, per primo in città, di un’apparecchiatura all’avanguardia per lo screening prenatale, fondamentale per la diagnosi precoce nello studio dei tumori ginecologici. Si tratta del nuovo ecografo Voluson E10, un’apparecchiatura di ultima generazione che sarà a disposizione di una equipe di ginecologi di grande professionalità ed esperienza. “Tra […]
Catania, a Pedara l’open week per la salute della donna
Il Distretto sanitario di Gravina di Catania, in collaborazione con il Comune di Pedara e il PTA di Gravina, aderisce alla IV Giornata nazionale della salute della donna e organizza, da giovedì, 11 aprile, sino al 18 aprile, l’Open week dedicato, interamente, alla salute della donna. Sono numerose le iniziative previste di prevenzione e di […]
Salute donna: dall’11 al 18 aprile 4^ edizione dell’(H)open week di Onda
Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, in occasione della Giornata nazionale della salute della donna che si celebra il 22 aprile, organizza la 4^ edizione dell’(H)Open Week con l’obiettivo di promuovere l’informazione e i servizi per la prevenzione e la cura delle principali malattie femminili. Nella settimana dall’11 al 18 aprile […]
Oncologia, Stefania Gori (Aiom): «Bene supporto psicologico, puntare su prevenzione: può abbattere del 40% diagnosi di tumore»
La presidente dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica ha presentato in Senato il rapporto. Promossa l’assistenza psiconcologica: «È garantita in molte strutture oncologiche ma nella maggior parte dei casi è sostenuta dal volontariato o dalle associazioni dei pazienti in quanto non ci sono psiconcologi strutturati in tutte le oncologie italiane». E chiede alla politica di occuparsi dei bisogni assistenziali dei 3 milioni 400mila italiani che hanno avuto un tumore
Da Senior Italia FederAnziani il database nazionale di canili e gattili di tutta Italia: censite 949 strutture
Adottare un animale da compagnia è una buona ricetta per vivere in salute e più a lungo facendo risparmiare il Servizio Sanitario Nazionale, ed è un atto di generosità che consente di dare una famiglia a tanti pet abbandonati in canili e gattili, liberando al contempo risorse economiche per i comuni, da investire in servizi […]