OMCeO, Enti e Territori 18 Ottobre 2018

Salute, 4,5 mln colpiti da osteoporosi. Ogni 3 secondi una frattura

In Italia circa 3,5 milioni di donne e 1 milione di uomini sono affetti da osteoporosi. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità a causa di questa malattia ogni 3 secondi si verifica una frattura di femore, polso o vertebra: nel nostro Paese, ogni anno, negli over 50 quelle di femore sono più di 90mila mentre sono […]

In Italia circa 3,5 milioni di donne e 1 milione di uomini sono affetti da osteoporosi. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità a causa di questa malattia ogni 3 secondi si verifica una frattura di femore, polso o vertebra: nel nostro Paese, ogni anno, negli over 50 quelle di femore sono più di 90mila mentre sono più’ di 70 mila gli accessi per frattura di vertebra registrati al Pronto soccorso nel 2010. Non solo. In Italia si spende un miliardo di euro solo per le fratture di femore prossimale. A tali costi, a carico del Servizio sanitario nazionale, si devono aggiungere le spese a carico del privato per le prestazioni assistenziali non rimborsate, come le spese di riabilitazione.

«L’invecchiamento della popolazione rende plausibile attendersi un proporzionale incremento dell’incidenza dell’osteoporosi e delle sue conseguenze – spiega Alain Rocco, specialista in medicina fisica e riabilitativa Gruppo INI (Istituto Neurotraumatologico Italiano). Le alterazioni macro e microarchitetturali che caratterizzano l’osteoporosi conducono ad una perdita progressiva delle proprietà biomeccaniche del tessuto osseo, con un conseguente aumento del rischio di caduta e di frattura. Le fratture da fragilità rappresentano, infatti, il drammatico epilogo della storia naturale dell’osteoporosi nell’anziano».

COME RICONOSCERE L’OSTEOPOROSI

«Un approccio diagnostico-terapeutico integrato consente allo specialista di riconoscere la patologia e di impostare una terapia farmacologica mirata per ridurre il rischio di frattura o di rifrattura – prosegue l’esperto – . È importante intervenire sui fattori di rischio modificabili (attività fisica, alimentazione, fattori comportamentali e ambientali) e prescrivere un’adeguata terapia con Calcio e vitamina D, che migliorano l’efficacia del singolo farmaco antiosteoporotico e riducono il rischio di caduta».

FARMACI

«Diversi sono i farmaci a disposizione per la terapia dell’osteoporosi e possono essere suddivisi in due grandi categorie: gli antiriassorbitivi, che inibiscono il riassorbimento osseo rallentando o arrestando l’intero processo di rimodellamento, e gli anabolici, che stimolano la neoformazione ossea. La prescrizione di farmaci, utilizzati per il trattamento dell’osteoporosi grave, viene effettuata da centri per la prevenzione e cura dell’osteoporosi, autorizzati dal sistema sanitario regionale» spiega il Dottor Rocco.

TERAPIA VIBRATORIA

L’esercizio terapeutico vibratorio, grazie a macchine di ultima generazione (Vibra) sfrutta l’energia meccanica prodotta per stimolare sul corpo specifiche risposte neuromuscolari, osteo-articolari ed ormonali. «La vibrazione meccanica esercita una azione eccitatoria tonica sui muscoli, ‘tonic vibration reflex’, ed è in grado di aumentare il reclutamento di unità motorie muscolari durante un esercizio fisico con conseguente incremento della forza e potenza muscolare, inoltre gli stimoli vibratori producono sollecitazioni efficaci sulle funzioni biologiche delle ossa. E’ stata osservata una variazione significativa nella densità delle ossa spugnose della parte prossimale del femore (34% in più del campione di controllo) a seguito di trattamenti con la esercizio terapeutico vibratorio» aggiunge il fisiatra.

IDROKINESITERAPIA

«L’idrokinesiterapia utilizza l’acqua a scopo riabilitativo sfruttando i molteplici benefici offerti da questo straordinario elemento naturale; è una tecnica fisioterapica che permette di attivare i processi metabolici, migliorare i movimenti muscolari, ridurre il dolore. L’azione dell’idrokinesiterapia induce, tramite un effetto rilassante, dato dalla temperatura controllata nella vasca, un fisiologico riequilibrio posturale consentendo di far eseguire anche ad una persona con limitazioni funzionali, quali sono i pazienti affetti da osteoporosi, attività motorie impossibili o comunque difficili da ottenere in palestra o in un trattamento a secco» sottolinea Rocco.

ALIMENTAZIONE E STILI DI VITA

Secondo l’esperto per tentare di ridurre ulteriormente l’impatto sanitario e sociale di una patologia per lo più asintomatica, progressiva e potenzialmente invalidante quale è l’osteoporosi, è prioritaria anche l’adozione di stili di vita sani. Ad esempio assumere regolarmente cibi che contengano calcio garantisce una migliore performance dell’osso del soggetto adulto. L’esposizione ai raggi solari nei periodi primaverili ed estivi, incrementa la produzione e la disponibilità di vitamina D utile per il fissaggio del calcio alimentare alla massa ossea. L’evidenza scientifica dimostra inoltre che abuso di alcol e il fumo nuocciono alla massa ossea e sono fattori di rischio per lo sviluppo dell’osteoporosi.

SPORT

«Uno stile di vita sano associato ad una regolare attività fisica con un adeguato programma riabilitativo basato su esercizi personalizzati di rinforzo muscolare e di rieducazione all’equilibrio e alla deambulazione, e all’utilizzo di farmaci idonei, è un importante fattore protettivo per l’osteoporosi ed è in grado di diminuire nel paziente sia il rischio di caduta che di traumi correlati» con conclude l’esperto.

Articoli correlati
Tumori del sangue, AIL festeggia 50 anni. Il presidente Amadori: «Grazie al professor Mandelli siamo punto di riferimento nel volontariato sociale»
L’associazione che segue le persone affette da leucemie, linfomi e mieloma dal 1949 traccia un bilancio del suo operato: «Prima la diagnosi di questo tipo di malattia era un dramma per il paziente e per la sua famiglia, ora le cose sono cambiate. Tra i nostri cavalli di battaglia lo sviluppo delle cure domiciliari»
Anticoagulanti, studio EMIT: con edoxaban basso rischio di sanguinamento o ischemia peri-procedurale. Colonna (Cardiologo): «Indicazione importante per i clinici»
Lo studio dimostra che la somministrazione peri-procedurale di edoxaban in pazienti europei ultrasettantenni affetti da fibrillazione atriale o tromboembolia venosa sottoposti a procedure diagnostiche o terapeutiche è associato ad un rischio pari allo 0,4% di emorragie maggiori e di ictus o ischemia dello 0,6%
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti, Inviati a Lisbona
Salute e migrazioni, al via convegno a Palermo. AME: «Arrivano sani, si ammalano qui»
L’Associazione Medici Endocrinologi si riunisce a Palermo: «Nessuna minaccia per la salute pubblica»
Copenaghen vuole raggiungere la migliore qualità di vita al mondo e offrire maggiore salute a tutti i cittadini
Katrine Schjonning, Health Manager della capitale danese, spiega a Sanità Informazione in che modo prevenzione e formazione consentono di ottenere l’ambizioso risultato
Osteoporosi, nel mondo causa una frattura ogni 3 secondi. In Italia ne soffrono 4,5 milioni di persone
Fabio Vescini (endocrinolgo): «Non tutte le persone con una bassa massa ossea devono essere trattate con i farmaci. Terapie solo per i pazienti con un elevato rischio di frattura»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone