Salute 31 Ottobre 2018

Sport e prevenzione, Matilde Brandi: «Prevenire è meglio che curare. E mi tengo in forma ballando e mangiando sano»

«Basta muoversi anche venti minuti al giorno, farsi una bella camminata o una passeggiata in bicicletta, non necessariamente pesi e palestra» suggerisce la Brandi. E sulla prevenzione: «Insegniamo ai bambini ad andare dal dottore con il sorriso»

Che ci sia una correlazione tra l’attività fisica e il benessere è ormai cosa nota a tutti. I medici si raccomandano che muoversi è importante per mantenere uno stato di salute generale buono non solo a livello fisico ma anche psichico.

LEGGI ANCHE: CAMPIONI E MALATTIE, PARLA IL MEDICO DELLA NAZIONALE ITALIANA DI NUOTO TIZIANA BALDUCCI: «FONDAMENTALI TERAPIE INNOVATIVE»

Lo sa bene Matilde Brandi, popolarissima ballerina di “Buona Domenica” negli anni ‘90, conduttrice televisiva e attrice teatrale. La bellissima showgirl ha aperto un’accademia di danza a Roma, è diventata mamma di due gemelle – Sofia e Aurora –  e mantiene un fisico asciutto, allenato e in perfetta forma. A Sanità informazione la Brandi svela il segreto della sua forma fisica invidiabile, promuove l’importanza dell’attività fisica, di un’alimentazione equilibrata e sana e di effettuare programmi di screening a tutela della salute di adulti e bambini.

Matilde, tu come ti tieni in forma?

«Mi tengo in forma, ve lo devo dire, mangiando sano. Il cibo è cambiato rispetto a una volta; mi piacciono anche “le schifezze”, non sono di quelle che stanno sempre attente e a dieta, ma sicuramente è importante mangiare tanta frutta e verdura, bere tanta acqua e, seguendo i consigli degli esperti, tra carne e pesce meglio il pesce. Evitiamo “le schifezze” anche per i bambini perché crescono male, crescono obesi. Ci sono alcuni cibi pieni di ormoni, cerchiamo di selezionare prodotti sani e scegliere bene ciò che compriamo».

E svolgere attività fisica. Tu balli ancora?

«Sì, ho una scuola di danza qui a Roma, da cinque anni ormai; insegno ballo, non potrei vivere senza danza. L’attività fisica sì è fondamentale, non deve essere solo la palestra che immagino sia noiosa, io ballo e amo la danza, però è sufficiente anche farsi una bella camminata o una pedalata in bicicletta, non necessariamente i pesi e la palestra. Basta muoversi anche venti minuti al giorno, non serve tantissimo».

Il concetto di prevenzione è legato alla promozione della salute. Tu che tipo di rapporto hai con la prevenzione, la vivi in maniera serena? E le tue bambine?

«La prevenzione è fondamentale: come si dice, prevenire è meglio che curare. Non è la solita frase tanto per dire: è proprio vero, oggi più di ieri. Insegniamo la prevenzione e la tutela della salute ai nostri figli affinché crescano con questa idea in testa, di non arrivare quando c’è il dolore. Deve arrivare prima, dobbiamo fare prevenzione.  Io la vivo in maniera serena: cerco di seguire le analisi da fare ogni anno, quelle di routine, e sto cercando di far passare questo messaggio anche alle bambine, anche se non è semplice. Dobbiamo insegnarli a non aver paura, ad andare dal dottore con il sorriso».

LEGGI ANCHE: IL GRUPPO AON TUTELA LA SALUTE DEI PAZIENTI CON TECNOLOGIA E PREVENZIONE. L’AD VANIN: «SANITÀ IN EVOLUZIONE, NECESSARIO STARE AL PASSO»

Articoli correlati
Integratori alimentari, Muscaritoli (Sinuc): «Non servono a tutti. Puntare su stile di vita corretto e dieta sana»
Il Presidente Sinuc affida il suo pensiero a Sanità Informazione a margine del convegno "Gli integratori alimentari nell'attuale quadro normativo" che si è svolto al Ministero della salute. «È importante identificare le fasce di popolazione, sia sana che malata, in cui è possibile che la somministrazione dell'integratore abbia un effetto positivo e misurabile sul mantenimento della salute o sulla prevenzione di alcune patologie degenerative»
Diabete: sana alimentazione, movimento fisico e adeguata terapia i pilastri fondamentali per la cura
«Serve approccio globale. È importante la conoscenza e la condivisione con il medico curante e il coinvolgimento con le associazioni di pazienti» così la diabetologa e presidente IBDO Foundation, Simona Frontoni, in occasione del 12° Italian Diabets Barometer Forum
di Lucia Oggianu
Roma, salute lungo il Tevere con i medici del Fatebenefratelli
Parte il progetto dell’ospedale Fatebenefratelli  per sensibilizzare la popolazione sul tema della prevenzione. A partire dal 5 al 22 luglio, dalle 19.30, i medici dell’ospedale saranno sulla banchina del Tevere, con uno stand sotto l’Isola Tiberina, per rispondere alle domande dei cittadini, parlare di cura e stili di vita. Ecco il calendario: 5-6 con i […]
Poca prevenzione e molte diseguaglianze, Cittadinanzattiva lancia l’allarme sulla cura delle malattie croniche
Il Piano nazionale cronicità non ha inciso sulle differenze tra territori. Sebbene questo sia stato ormai formalmente recepito da 15 Regioni, risulta, nella maggior parte dei territori, profondamente disatteso
Salute, l’app Healthy Virtuoso raggiunge i 100mila download e si prepara per sbarcare all’estero
Chi l’avrebbe mai detto che un’app potesse cambiare le abitudini di migliaia di Italiani. L’abbinamento tra salute e tecnologia ha rivoluzionato l’approccio giornaliero delle persone, diventando un tema “virale” come dimostrano gli oltre 100.000 download in soli 5 Mesi. Ad oggi gli utilizzatori di Virtuoso, motivati dai meccanismi di gamification dell’app, si muovono il 41% […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...