Salute 31 Ottobre 2018

Sport e prevenzione, Matilde Brandi: «Prevenire è meglio che curare. E mi tengo in forma ballando e mangiando sano»

«Basta muoversi anche venti minuti al giorno, farsi una bella camminata o una passeggiata in bicicletta, non necessariamente pesi e palestra» suggerisce la Brandi. E sulla prevenzione: «Insegniamo ai bambini ad andare dal dottore con il sorriso»

Che ci sia una correlazione tra l’attività fisica e il benessere è ormai cosa nota a tutti. I medici si raccomandano che muoversi è importante per mantenere uno stato di salute generale buono non solo a livello fisico ma anche psichico.

LEGGI ANCHE: CAMPIONI E MALATTIE, PARLA IL MEDICO DELLA NAZIONALE ITALIANA DI NUOTO TIZIANA BALDUCCI: «FONDAMENTALI TERAPIE INNOVATIVE»

Lo sa bene Matilde Brandi, popolarissima ballerina di “Buona Domenica” negli anni ‘90, conduttrice televisiva e attrice teatrale. La bellissima showgirl ha aperto un’accademia di danza a Roma, è diventata mamma di due gemelle – Sofia e Aurora –  e mantiene un fisico asciutto, allenato e in perfetta forma. A Sanità informazione la Brandi svela il segreto della sua forma fisica invidiabile, promuove l’importanza dell’attività fisica, di un’alimentazione equilibrata e sana e di effettuare programmi di screening a tutela della salute di adulti e bambini.

Matilde, tu come ti tieni in forma?

«Mi tengo in forma, ve lo devo dire, mangiando sano. Il cibo è cambiato rispetto a una volta; mi piacciono anche “le schifezze”, non sono di quelle che stanno sempre attente e a dieta, ma sicuramente è importante mangiare tanta frutta e verdura, bere tanta acqua e, seguendo i consigli degli esperti, tra carne e pesce meglio il pesce. Evitiamo “le schifezze” anche per i bambini perché crescono male, crescono obesi. Ci sono alcuni cibi pieni di ormoni, cerchiamo di selezionare prodotti sani e scegliere bene ciò che compriamo».

E svolgere attività fisica. Tu balli ancora?

«Sì, ho una scuola di danza qui a Roma, da cinque anni ormai; insegno ballo, non potrei vivere senza danza. L’attività fisica sì è fondamentale, non deve essere solo la palestra che immagino sia noiosa, io ballo e amo la danza, però è sufficiente anche farsi una bella camminata o una pedalata in bicicletta, non necessariamente i pesi e la palestra. Basta muoversi anche venti minuti al giorno, non serve tantissimo».

Il concetto di prevenzione è legato alla promozione della salute. Tu che tipo di rapporto hai con la prevenzione, la vivi in maniera serena? E le tue bambine?

«La prevenzione è fondamentale: come si dice, prevenire è meglio che curare. Non è la solita frase tanto per dire: è proprio vero, oggi più di ieri. Insegniamo la prevenzione e la tutela della salute ai nostri figli affinché crescano con questa idea in testa, di non arrivare quando c’è il dolore. Deve arrivare prima, dobbiamo fare prevenzione.  Io la vivo in maniera serena: cerco di seguire le analisi da fare ogni anno, quelle di routine, e sto cercando di far passare questo messaggio anche alle bambine, anche se non è semplice. Dobbiamo insegnarli a non aver paura, ad andare dal dottore con il sorriso».

LEGGI ANCHE: IL GRUPPO AON TUTELA LA SALUTE DEI PAZIENTI CON TECNOLOGIA E PREVENZIONE. L’AD VANIN: «SANITÀ IN EVOLUZIONE, NECESSARIO STARE AL PASSO»

Articoli correlati
Migranti e salute: prevenzione, cura e false notizie. L’evento all’Ordine dei Medici di Palermo
Secondo i dati del Forum Sociale delle Migrazioni 2018, svoltosi in Mexico, una persona su sette sul pianeta è migrante, avendo sperimentato una qualche forma di mobilità umana. Nel passato le migrazioni erano favorite, in Italia dal sud verso le industrie del Nord, e similmente in altre parti del mondo che soffrono denatalità e scarsa […]
Defibrillatori e Pacemaker impiantabili, una cuffia abbatte fino al 90% le infezioni CIED ospedaliere
Nell’impianto di pacemaker e defibrillatori (Cied) le infezioni batteriche nella tasca chirurgica vengono abbattute al 61% se i dispositivi vengono prima avvolti in una membrana hi tech, impregnata da antibiotici a rilascio controllato, del costo di 1.000 euro. Un risultato enorme per vite umane salvabili (in Italia alcune migliaia di morti all’anno) e per abbattimento […]
Procreazione medicalmente assistita, Baldini (Pma Italia): «Educazione, informazione, preservazione e prevenzione: così si combatte calo demografico»
Il 20% delle coppie lamenta problemi di infertilità e sterilità; tra le cause, la mancanza di prevenzione ed educazione sui temi della fertilità. È nata, per questo, “La campagna del Cavolo” di Pma Italia (Procreazione Medicalmente Assistita)
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Disturbi dell’alimentazione, all’Ini controlli gratuiti. Ecco i sintomi che devono allarmare
Colloqui gratuiti a Roma per coloro che hanno disturbi dell’alimentazione. In occasione della Giornata del Fiocchetto Lilla, il 15 Marzo, per sensibilizzare sui disturbi dell’alimentazione, gli esperti del Gruppo INI saranno a disposizione delle persone che abbiano deciso di affrontare un percorso per risolvere il proprio disturbo alimentare. In Italia circa 3 milioni di persone sono costrette a convivere […]
Glaucoma, per la Settimana mondiale visite gratuite. Otto persone a rischio su dieci non vanno dall’oculista
Il messaggio del ministro Grillo: «Bene la task force creata dall’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus in collaborazione con la Società Oftalmologica Italiana (SOI) e la Società Italiana Glaucoma (SIGLA) per “combattere il ladro silente della vista”»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone