Salute 31 ottobre 2018

Sport e prevenzione, Matilde Brandi: «Prevenire è meglio che curare. E mi tengo in forma ballando e mangiando sano»

«Basta muoversi anche venti minuti al giorno, farsi una bella camminata o una passeggiata in bicicletta, non necessariamente pesi e palestra» suggerisce la Brandi. E sulla prevenzione: «Insegniamo ai bambini ad andare dal dottore con il sorriso»

Che ci sia una correlazione tra l’attività fisica e il benessere è ormai cosa nota a tutti. I medici si raccomandano che muoversi è importante per mantenere uno stato di salute generale buono non solo a livello fisico ma anche psichico.

LEGGI ANCHE: CAMPIONI E MALATTIE, PARLA IL MEDICO DELLA NAZIONALE ITALIANA DI NUOTO TIZIANA BALDUCCI: «FONDAMENTALI TERAPIE INNOVATIVE»

Lo sa bene Matilde Brandi, popolarissima ballerina di “Buona Domenica” negli anni ‘90, conduttrice televisiva e attrice teatrale. La bellissima showgirl ha aperto un’accademia di danza a Roma, è diventata mamma di due gemelle – Sofia e Aurora –  e mantiene un fisico asciutto, allenato e in perfetta forma. A Sanità informazione la Brandi svela il segreto della sua forma fisica invidiabile, promuove l’importanza dell’attività fisica, di un’alimentazione equilibrata e sana e di effettuare programmi di screening a tutela della salute di adulti e bambini.

Matilde, tu come ti tieni in forma?

«Mi tengo in forma, ve lo devo dire, mangiando sano. Il cibo è cambiato rispetto a una volta; mi piacciono anche “le schifezze”, non sono di quelle che stanno sempre attente e a dieta, ma sicuramente è importante mangiare tanta frutta e verdura, bere tanta acqua e, seguendo i consigli degli esperti, tra carne e pesce meglio il pesce. Evitiamo “le schifezze” anche per i bambini perché crescono male, crescono obesi. Ci sono alcuni cibi pieni di ormoni, cerchiamo di selezionare prodotti sani e scegliere bene ciò che compriamo».

E svolgere attività fisica. Tu balli ancora?

«Sì, ho una scuola di danza qui a Roma, da cinque anni ormai; insegno ballo, non potrei vivere senza danza. L’attività fisica sì è fondamentale, non deve essere solo la palestra che immagino sia noiosa, io ballo e amo la danza, però è sufficiente anche farsi una bella camminata o una pedalata in bicicletta, non necessariamente i pesi e la palestra. Basta muoversi anche venti minuti al giorno, non serve tantissimo».

Il concetto di prevenzione è legato alla promozione della salute. Tu che tipo di rapporto hai con la prevenzione, la vivi in maniera serena? E le tue bambine?

«La prevenzione è fondamentale: come si dice, prevenire è meglio che curare. Non è la solita frase tanto per dire: è proprio vero, oggi più di ieri. Insegniamo la prevenzione e la tutela della salute ai nostri figli affinché crescano con questa idea in testa, di non arrivare quando c’è il dolore. Deve arrivare prima, dobbiamo fare prevenzione.  Io la vivo in maniera serena: cerco di seguire le analisi da fare ogni anno, quelle di routine, e sto cercando di far passare questo messaggio anche alle bambine, anche se non è semplice. Dobbiamo insegnarli a non aver paura, ad andare dal dottore con il sorriso».

LEGGI ANCHE: IL GRUPPO AON TUTELA LA SALUTE DEI PAZIENTI CON TECNOLOGIA E PREVENZIONE. L’AD VANIN: «SANITÀ IN EVOLUZIONE, NECESSARIO STARE AL PASSO»

Articoli correlati
Ad ognuno il suo sport, ma decide la genetica. Il medico del Napoli: «Se sbagliata, l’attività fisica può far male»
Sulle morti improvvise dei calciatori, il dottor Alfonso De Nicola dichiara: «In rari casi può succedere, ma la tecnologia ci può aiutare a prevenirle»
“Lo sport che cura”. Assanelli (Simse): «L’esercizio fisico è un farmaco: come un abito di sartoria va cucito su misura»
Il presidente della Società Italiana di Medicina dello Sport e dell’Esercizio: «Per soggetti con diabete di tipo 2, in sovrappeso, di media età o anziani, è consigliato un esercizio di endurance e di potenziamento muscolare adeguati. Attività di ricondizionamento per le patologie cardiovascolari. Dimostrata l’efficacia contro la depressione, anche in gravidanza»
di Isabella Faggiano
Roma, il Natale al Gemelli con i vip dello spettacolo e dello sport
“Natale al Gemelli” si svolgerà domani, mercoledì 19 dicembre, dalle ore 11.00 alle 19.00, nella Hall del Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS, con numerosi beniamini del pubblico, personaggi del mondo dello sport e dello spettacolo, che interverranno in ospedale per attendere la festa più bella in musica e allegria insieme ai degenti ai più piccoli, […]
“Al cuore del diabete”: a Roma la campagna di informazione ai cittadini
Il 19 dicembre 2018, alle ore 11.00, presso la Sala della Presidenza dell’ANCI (2° piano – via dei Prefetti 46) si terrà l’incontro “Al cuore del diabete”, la campagna di informazione ai cittadini sulla prevenzione del rischio cardiovascolare nelle persone con diabete. Le malattie cardiovascolari rappresentano la principale causa di morte nelle persone con diabete di tipo 2: […]
Il Campus Biomedico Roma inaugura centro senologia in Palestina
Prima, per curare un tumore del seno o eseguire un controllo diagnostico dovevano andare all’estero. Ora, le donne palestinesi potranno farlo nella loro terra, grazie al primo e unico centro senologico multidisciplinare del proprio Paese, nell’ospedale di Beit Jala. Il centro è nato grazie alla collaborazione tra l’Ufficio di Gerusalemme dell’Aics (Agenzia italiana della cooperazione allo sviluppo), Elis […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano