Salute 13 Settembre 2018

Stretta a spot e cibi grassi da distributori: nuove misure contro obesità infantile. D’Arrando (M5S): «Serve educazione alimentare»

Nel testo della risoluzione presentata in Commissione Affari Sociali l’idea di vietare l’utilizzo dei personaggi dei cartoon e delle trasmissioni televisive per promuovere il cibo ad alto contenuto di grassi, zuccheri e sale. E poi l’ipotesi di etichette che indichino il rischio obesità

Immagine articolo

Una risoluzione per impegnare il governo a combattere l’obesità infantile e a puntare con decisione sulla prevenzione. L’ha presentata il gruppo del Movimento Cinque Stelle in Commissione Affari Sociali alla Camera e vede come prima firmataria la deputata Celeste D’Arrando. Un testo incisivo che, sul modello di due analoghe iniziative dell’OMS (una del 2010 e una del 2016), chiede interventi forti in materia considerando che l’obesità rappresenta uno dei principali problemi di salute nel mondo e il nostro Paese non fa eccezione, nemmeno sul fronte dell’obesità infantile.

L’obiettivo è la prevenzione: si chiede, ad esempio, di intervenire affinché i luoghi dove è alta la presenza di bambini (asili, scuole, parchi giochi, cliniche della famiglia e del bambino e dei servizi pediatrici, ecc.) siano liberi da ogni forma diretta ed indiretta di commercializzazione e di pubblicizzazione di alimenti con grassi saturi, acidi grassi, zuccheri e sali liberi. Oppure misure sul fronte del marketing pubblicitario, come l’idea di assumere iniziative volte a vietare l’utilizzo dei personaggi dei cartoon e delle trasmissioni televisive per promuovere il cibo ad alto contenuto di grassi, zuccheri e sale. E poi l’ipotesi di riportare nelle confezioni dei prodotti destinati ai più giovani e nelle bevande zuccherate etichette o scritte che indichino il rischio di obesità associato al consumo squilibrato dello zucchero (saccarosio, fruttosio e sciroppo di glucosio e fruttosio) in esso contenute e iniziative volte a disincentivare presso i produttori l’utilizzo dell’olio di palma o palmisto come ingrediente nelle preparazioni alimentari, in vista di una sostituzione con oli che non siano nocivi per la salute e per l’ambiente. La meta è arrivare ad un acquisto consapevole da parte delle famiglie e ridurre l’impatto sui bambini della commercializzazione di alimenti ricchi di grassi saturi, acidi grassi, zuccheri e sali liberi. E, in prospettiva, resta l’ipotesi della ‘sugar tax’, la tassa sulle bevande zuccherate, già presente in alcuni paesi. «Già nella scorsa legislatura abbiamo proposto di introdurre limiti all’utilizzo di zucchero nei prodotti destinati ai più giovani e di apporre sulle bevande etichette o scritte che indicassero il rischio di obesità», spiega a Sanità Informazione la deputata Celeste D’Arrando.

LEGGI ANCHE: DIABETE E OBESITA’, RAPPORTO IBDO: E’ BOOM AL SUD. RICCIARDI (ISS): «E’ UNA PANDEMIA. AIUTIAMO I CITTADINI A CAMBIARE STILE DI VITA»

Onorevole D’Arrando, la lotta all’obesità, soprattutto quella infantile, sembra un po’ aver perso slancio negli ultimi anni. La vostra risoluzione sembra andare a colmare questo vuoto. Come pensate di ridurre l’impatto sui bambini della commercializzazione di alimenti ricchi di grassi saturi, acidi grassi, zuccheri e sali liberi?

«Già nella scorsa legislatura il MoVimento 5 Stelle ha portato l’attenzione sul tema dell’alimentazione per prevenire l’obesità infantile. Anche all’interno del nostro programma abbiamo sottolineato quanto fosse importante contrastare l’obesità infantile con azioni educative scolastiche, volte alla promozione di stili di vita attivi attraverso il movimento e l’attività fisica quotidiana, e con percorsi mirati all’educazione per un’alimentazione sana, corretta e sostenibile per l’ambiente. Proprio per questo, con la risoluzione che discuteremo giovedì in commissione chiediamo al Governo di impegnarsi in campagne di sensibilizzazione e in azioni concrete, come ad esempio la sostituzione, all’interno dei distributori automatici nelle scuole, di cibi e bevande ad alto contenuto di zuccheri e grassi saturi con cibi sani: frutta, verdura, bevande senza zuccheri e succhi di frutta nettare. Altre azioni in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione potrebbero essere inserite all’interno delle scuole, come l’educazione alimentare con il supporto di specialisti del settore. Importante sarebbe anche agire per ridurre il marketing e la commercializzazione del cibo spazzatura tra i più piccoli».

Nella risoluzione si parla di assumere iniziative volte a vietare l’utilizzo dei personaggi dei cartoon e delle trasmissioni televisive per promuovere il cibo ad alto contenuto di grassi, zuccheri e sale. Pensa che possa essere una strada praticabile? Come?

«In realtà si tratta di un’iniziativa già proposta in altri Paesi. Ad esempio nel Regno Unito il Parlamento sta lavorando all’aggiornamento del Piano contro l’obesità e tra le azioni individuate ci sono il divieto di utilizzare dei personaggi dei cartoon e trasmissioni televisive per promuovere il cibo spazzatura, il divieto di pubblicizzare junk food in tv fino alle 21 e una comunicazione che si concentri su stili di vita sani, piuttosto che usare un linguaggio stigmatizzante dell’obesità. È un’altra opzione, ma sicuramente più complessa rispetto a quelle che stiamo indicando ora al governo».

Tra le proposte quella di mettere l’etichetta sul rischio obesità su alcuni prodotti. C’è anche chi, come l’Oms, propone la cosiddetta ‘sugar tax’ sulle bibite zuccherate. Voi sareste favorevoli?

«La strada indicata dall’OMS rispetto all’adozione di norme come la “sugar tax” è stata intrapresa da moltissimi Paesi. Uno dei primi è stato il Messico, che nel 2014 ha introdotto una sugar tax di un peso al litro sulle bibite zuccherate. A seguire anche Norvegia, Stati Uniti e Sudafrica. In Europa al momento solo Regno Unito e Irlanda hanno applicato la “sugar tax”, con lo scopo che i produttori riducessero i livelli di zucchero all’interno delle bevande. È interessante notare che nel Regno Unito, prima dell’entrata in vigore della tassazione, molte aziende produttrici hanno ridotto il contenuto di zucchero nelle loro bevande proprio per evitare di dover pagare la nuova tassa. Già nella scorsa legislatura il MoVimento 5 Stelle ha presentato diversi atti sul tema, come anche la mozione poi approvata alla Camera. Anche allora chiedevamo al governo di introdurre limiti all’utilizzo di zucchero nei prodotti destinati ai più giovani e di apporre sulle bevande etichette o scritte che indicassero il rischio di obesità».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
Assunzioni SSN, l’annuncio del Ministro Grillo: «Trovato accordo, tetto di spesa per il personale sarà superato»
Dal 2019 la spesa per il personale non potrà superare il valore del 2018 maggiorato del 5%. Ora la norma, che varrà in tutta Italia, è all’esame delle Regioni
Leucemia mieloide e mieloma multiplo, il sì di AIFA a Molmed per la sperimentazione clinica del CAR-T CD44v6
MolMed, azienda biotecnologica focalizzata su ricerca, sviluppo, produzione e validazione clinica di terapie geniche e cellulari per la cura del cancro e malattie rare, comunica di aver ottenuto da AIFA l’autorizzazione ad avviare in Italia la sperimentazione clinica con il proprio CAR-T CD44v6 per il trattamento di pazienti con leucemia mieloide acuta e mieloma multiplo. […]
Migranti e salute: prevenzione, cura e false notizie. L’evento all’Ordine dei Medici di Palermo
Secondo i dati del Forum Sociale delle Migrazioni 2018, svoltosi in Mexico, una persona su sette sul pianeta è migrante, avendo sperimentato una qualche forma di mobilità umana. Nel passato le migrazioni erano favorite, in Italia dal sud verso le industrie del Nord, e similmente in altre parti del mondo che soffrono denatalità e scarsa […]
Quota 100, Sottosegretario al Lavoro Durigon (Lega): «Presto nuove assunzioni per gestire uscite nella sanità»
INTERVISTA | L’esponente di Governo della Lega intervenuto all’incontro dell’UDC “Politica e Impresa – Niente trucchi, solo lavoro” risponde ai nostri microfoni ai dubbi del mondo della sanità sull’esodo avviato con i pensionamenti di “Quota 100”
“Lean Management”, alla Lum Jean Monnet partono i master per insegnare a ottimizzare i costi e eliminare gli sprechi in sanità
Angelo Rosa, direttore Laboratorio Lean Area sviluppo e Operations della Lum School of Management: «Tra i principali indicatori che influenzano l’aumento dei costi in sanità c’è l’allungamento della vita media che secondo gli studi fatti dall’INPS al 2040 arriverà a 88 anni per gli uomini e 92 per le donne, i costi assicurativi generati dal triplicarsi delle denunce negli ultimi 15 anni per sinistri accaduti all’interno di una struttura sanitaria ed anche l’aumento del costo delle terapie e gli sprechi»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone