Salute 17 Aprile 2018

Diabete e obesità, rapporto IBDO: è boom al Sud. Ricciardi (ISS): «È una pandemia. Aiutiamo i cittadini a cambiare stile di vita»

I dati della relazione annuale: le persone diabetiche aumentate di oltre un milione dal 2000, mortalità quadruplicata per i ‘diabesi’. Due terzi dei diabetici risiede nelle grandi città, più colpiti gruppi sociali con scarse risorse economiche e basso titolo di studio

Diabete e obesità, rapporto IBDO: è boom al Sud. Ricciardi (ISS): «È una pandemia. Aiutiamo i cittadini a cambiare stile di vita»

In Italia, secondo i dati Istat del 2016, le persone con diabete sono circa 3 milioni e duecentomila, ben il 5,6% della popolazione, oltre un milione in più dal 2000 ad oggi.  Tra le persone affette da questa patologia, due milioni sono obesi. Un’associazione, quella tra obesità e diabete, che è molto più alta nelle regioni del Mezzogiorno rispetto a quelle del Nord. Sul diabete valori più alti della media Italiana si registrano in Calabria, Basilicata, Sicilia, Campania, Puglia, Abruzzo, ma anche in alcune regioni del centro come il Lazio; quelli più bassi nelle province autonome di Trento e Bolzano e Liguria. Anche per la mortalità la geografia resta simile, con una maggiore penalizzazione del Mezzogiorno, soprattutto in Campania, Calabria e Sicilia. Le persone obese e con diabete hanno un rischio di mortalità a 10 anni quadruplicato rispetto a una persona che ha la patologia ma è di peso normale. I dati sono quelli dell’undicesima edizione dell’Italian Diabetes & Obesity Barometer Report, realizzato da Italian Barometer Diabetes Observatory (IBDO) Foundation, presieduta dal rettore emerito di Tor Vergata Renato Lauro. Tra i relatori Roberto Pella, deputato e vicepresidente vicario Anci, Giorgio Alleva, Presidente Istat, Paola Pisanti, Presidente Comitato Nazionale Diabete del Ministero della Salute, Giuseppe Novelli, Rettore dell’Università di Tor Vergata, Domenico Cucinotta, Coordinatore dell’Italian Diabetes & Obesity Barometer Report, Domenico Mannino, Presidente Associazione Medici Diabetologi.

LEGGI ANCHE: DIABETE: DISPONIBILE ANCHE IN ITALIA IL NUOVO MINIMED MIO ADVANCE DI MEDTRONIC

«È una pandemia – sottolinea Walter Ricciardi, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità. È dappertutto. In tutto il mondo, persino nei paesi in via di sviluppo che un tempo noi pensavamo in ritardo in senso positivo rispetto a questa patologia, anche loro oggi soffrono un carico di malattia che è contemporaneamente cronico e acuto per le malattie infettive. Noi abbiamo delle regioni del Sud che hanno dei carichi di malattia veramente importanti. Sappiamo che c’è una correlazione forte tra diabete e obesità e le patologie future. Sappiamo anche un’altra cosa, che è possibile prevenirla. Le persone non possono essere lasciate da sole. Spesso le persone che sanno che mangiare troppo e male e non fare attività fisica è qualcosa di negativo per la propria salute non cambiano i propri stili di vita. Dobbiamo cercare di mettere in moto un meccanismo virtuoso per rendere loro queste scelte quanto più facili possibili».

Dal Rapporto emerge che l’obesità è uno dei fattori di rischio principali per il diabete, motivo per cui si parla anche di lotta alla diabesità. Si stima infatti che il 44% dei casi di diabete tipo 2 siano attribuibili all’obesità/sovrappeso e in particolare tra i 45-64enni la percentuale di persone obese che soffrono di diabete è del 28,9 % per gli uomini e del 32,8 % per le donne. Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, la diffusione del diabete di tipo 2 è quasi raddoppiata negli ultimi trent’anni, così come la mortalità legata alla malattia o alle complicazioni. Le previsioni dicono che, entro il 2030, rappresenterà in Europa la quarta causa di morte, contribuendo così alla mortalità della popolazione più di quanto non facciano collettivamente Aids, malaria e tubercolosi.

LEGGI ANCHE: DIABETE, PRIMO RAPPORTO CIVICO DI CITTADINANZATTIVA. L’ALLARME DI TONINO ACETI: «ITALIA ‘A PEZZI’ SU PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE»

Tanti i dati emersi al convegno ce ne sono molti su cui riflettere. Uno è quello sull’associazione tra vita nelle grandi città e insorgenza del diabete: nel mondo due terzi delle persone affette da diabete vivono nelle grandi città. «L’urban diabetes è un problema emergente di sanità pubblica – spiega Andrea Lenzi, Presidente del Comitato per la Biosicurezza, le Biotecnologie e la Qualità di Vita della Presidenza del Consiglio dei Ministri e Presidente dell’Health City Institute – In Italia il 36% della popolazione, di cui circa 1,2 milioni con diabete, risiede nelle 14 città metropolitane. I cambiamenti demografici in corso, che includono l’urbanizzazione, il peggioramento degli stili di vita, l’invecchiamento della popolazione e l’isolamento sociale si riflettono in una crescita costante della prevalenza di diabete». Un altro dato molto interessante è quello secondo cui i gruppi sociali più colpiti dal diabete sono quelli con basso titolo di studio o risorse economiche scarse e insufficienti. Ad esempio le donne diabetiche con 65 anni o oltre con la laurea sono il 3,4%, mentre per le coetanee con al massimo la licenza media la prevalenza raggiunge il 17,3%. Positivo invece il dato sulla deospedalizzazione: negli ultimi quindici anni i ricoveri per diabete sono diminuiti di quasi due terzi

«Le istituzioni possono fare molto, in primis devono andare incontro ai cittadini – afferma ancora Ricciardi – Oggi non è più sufficiente aspettare la persona malata. Bisogna cercare di intervenire per evitare che si ammali o per evitare che si aggravi la propria malattia. Questo lo si fa attraverso strategie di comunicazione, educazione e coinvolgimento dei cittadini che non sono facili perché le istituzioni non sono abituate a comunicare con un linguaggio comprensibile e attivare delle azioni nei confronti dei cittadini. L’Istituto Superiore di Sanità sta facendo un grosso sforzo da questo punto di vista con il portale dedicato ai cittadini che si chiama www.issalute.it e devo dire che sta avendo migliaia di contatti al giorno. Ma non è sufficiente, questo è solo l’inizio, si deve fare di più. Oggi ci sono cinque condizioni che assorbono il 60% delle risorse del nostro Servizio sanitario nazionale e tra queste c’è il diabete. Oltre ai costi umani c’è un costo economico. Le medicine, i ricoveri, le terapie sono tutte cose che costano e che possono essere evitate».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Giornata mondiale del diabete, Di Bartolo (AMD): «Autolockdown per gli anziani malati»
Il presidente dell’Associazione Medici Diabetologi: «Il diabete non aumenta il rischio di contrarre il Covid-19, ma quello di sviluppare complicanze, dal ricovero in terapia intensiva fino al decesso»
di Isabella Faggiano
«Morti per cancro aumenteranno. A causa del Covid -30% di interventi e terapie rimandate». L’allarme di De Lorenzo (FAVO)
Il Presidente della Federazione delle Associazioni di volontariato in oncologia, in occasione del 12esimo Rapporto sulla condizione assistenziale dei malati oncologici: «Assicurare con urgenza la continuità di accesso a screening, terapie e interventi chirurgici»
«Io, affetto da diabete dall’età di due anni, diventerò diabetologo pediatrico». La storia di un aspirante medico
Il ragazzo racconta ai nostri microfoni la sua storia e la determinazione nell’affrontare il test di Medicina: «Voglio aiutare i bambini che sono nella mia stessa situazione»
Un programma per combattere l’obesità infantile, che colpisce un bambino su dieci
Il professor Bernardo, direttore della Casa Pediatrica del Fatebenefratelli Sacco di Milano: «I primi mille giorni di vita fondamentali per prevenire gravi problemi in età adulta e ridurre costi del Sistema Sanitario Nazionale»
di Federica Bosco
«L’obesità si stabilisce dallo stato di salute, non dal peso». Le nuove linee guida dal Canada
Le diete da sole non funzionano. Ximena Ramos-Salas dell'Obesity Canada invita i medici a non ridurre l'obesità a una questione di peso, favorendo invece l'approccio olistico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 novembre, sono 60.420.355 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.421.650 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli