Salute 28 marzo 2018

Diabete, primo Rapporto Civico di Cittadinanzattiva. L’allarme di Tonino Aceti: «Italia ‘a pezzi’ su presa in carico del paziente»

«Il nostro Paese offre una risposta disomogenea all’assistenza al paziente diabetico. Bene piani nazionali, bene percorsi diagnostico-assistenziali, ma serve prima di tutto l’assistenza nelle case, sul territorio»: l’appello del Coordinatore Nazionale del Tribunale per i Diritti del Malato

Immagine articolo

Regioni italiane non allineate rispetto alla presa in carico del paziente diabetico. Questo il risultato dell’indagine condotta da Cittadinanzattiva su 4927 pazienti e 245 professionisti sanitari nell’ambito del Primo Rapporto civico sul Piano Nazionale Diabete presentato oggi a Roma.

«Nonostante ci sia stato un recepimento del Piano Nazionale del Diabete in tutte le aree della Penisola, le risposte delle Regioni ai bisogni di salute sono molto differenziate», spiega ai nostri microfoni Tonino Aceti, Coordinatore Nazionale del Tribunale per i Diritti del Malato, che sottolinea quanto «la disomogeneità dell’operato delle diverse aree del Paese conduca a risultati non pienamente soddisfacenti».

LEGGI ANCHE: IL CALORE PER TRATTARE IL DIABETE, AL GEMELLI PARTE SPERIMENTAZIONE

«Alcune Regioni hanno adottato Percorsi diagnostico-terapeutici-assistenziali (PDTA) validi e altre no – prosegue Aceti -, altre aree monitorano il numero di pazienti inseriti in questi percorsi e altre no; anche sull’accesso all’innovazione c’è una grande difformità tra Regione e Regione e rispetto all’attuazione del Piano nazionale Diabete nelle singole Regioni ci sono velocità troppo diverse».

Le differenze regionali non finiscono qui: il 21,8% dei pazienti che hanno partecipato al sondaggio paga un ticket sui farmaci; il 76,6% non ha accesso al numero necessario di strisce o sensori per limitazioni nella prescrizione; solo il 12% afferma di essere inserito in un Percorso diagnostico, terapeutico ed assistenziale e, laddove questo avviene, ha degli effetti estremamente positivi sulla qualità di cura e di vita.

«Un quadro molto ampio e differenziato» commenta Maria Teresa Bressi, responsabile progetti e networking del Coordinamento nazionale delle Associazioni di Malati Cronici di Cittadinanzattiva. «Mi sento di sottolineare in particolare la differenza che esiste tra strutture assistenziali di Regione in Regione: in alcune zone ci sono centri di terzo livello (quindi altamente specializzati) e in altre aree invece queste specialità non esistono. Inoltre ci sono Regioni con un grande numero di centri pediatrici, e altre in cui non ce ne sono. Tutto questo lascia perplessi se si pensa che esiste un Piano Nazionale approvato nel 2012».

LEGGI ANCHE: DIABETE, ECCO LO STILE DI VITA DA SEGUIRE

«Ci sentiamo di lanciare un appello al Ministero e alle Regioni – conclude Aceti – perché si prendano un impegno: non ci si può fermare all’approvazione di piani nazionali o definizioni di percorsi diagnostici e delibere di recepimento e non andare oltre. Tutto questo non è sufficiente, è sicuramente un inizio, ma quello che poi bisogna fare è scaricare a terra tutte queste decisioni per far arrivare le innovazioni nelle case delle persone e cambiare la vita di chi è affetto da diabete come da altre patologie croniche».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Malattie croniche e terapia domiciliare, Rossella Parini (pediatra metabolico): «Italia Paese ‘a pezzi’ che va ricompattato»
Nella gestione di queste patologie grandi disparità tra le regioni. La consulente per la Fondazione Monza e Brianza per il Bambino e la sua Mamma: «Poter gestire le cure in casa, soprattutto quando si tratta di trattamenti da effettuare costantemente, anche per più volte durante la settimana è un salto di qualità per un paziente cronico e per la sua famiglia»
“Al cuore del diabete”: a Roma la campagna di informazione ai cittadini
Il 19 dicembre 2018, alle ore 11.00, presso la Sala della Presidenza dell’ANCI (2° piano – via dei Prefetti 46) si terrà l’incontro “Al cuore del diabete”, la campagna di informazione ai cittadini sulla prevenzione del rischio cardiovascolare nelle persone con diabete. Le malattie cardiovascolari rappresentano la principale causa di morte nelle persone con diabete di tipo 2: […]
Diabete e ‘Urban health’, Pella (ANCI): «Duemila sindaci hanno aderito alla dichiarazione di Roma». Censis: luogo e fattori sociali influenzano prevenzione
Un anno fa la firma della “Urban Health Rome declaration”. Il vicepresidente dell’Associazione comuni italiani e dell’intergruppo parlamentare presidente dell’Intergruppo parlamentare ‘Qualità di vita nella città’: «Inattività fisica costa in Europa 80 miliardi di euro». Poi sottolinea: «Parlamento un po’ assente, serve Commissione permanente su questi temi»
Diabete, 12mila gli under 14 colpiti. Cabras (FDG): «Occorre una legge che prepari la scuola ad assistenza»
La Federazione Diabete Giovanile promuove formazione per famiglie e insegnanti per gestire la malattia. Il presidente: «La consapevolezza aiuta la gestione»
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Cittadinanzattiva e SIFO lanciano il progetto di monitoraggio civico delle farmacie ospedaliere
Un’osservazione sul campo delle attività delle farmacie ospedaliere, con il fine di misurare dal punto di vista dei cittadini l’accessibilità e la qualità dei servizi offerti, la loro capacità di garantire i diritti del malato, nonché individuare possibili azioni di miglioramento per una organizzazione più a misura di cittadino, valorizzandone al contempo il ruolo fondamentale […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano