Salute 19 Settembre 2019 12:48

Il presidente ISS Brusaferro: «In campo contro antibiotico-resistenza e rischi sigaretta elettronica»

Il nuovo presidente dell’Istituto Superiore di Sanità: «È una bella esperienza. Qui si fa scienza e la si traduce in indicazioni per le scelte strategiche del nostro Paese»

Silvio Brusaferro è da pochi mesi presidente dell’Istituto Superiore di Sanità. «Un’esperienza molto bella – la definisce ai nostri microfoni – perché l’ISS è un’istituzione in cui si fa scienza e la si traduce in indicazioni per le scelte strategiche e quotidiane del nostro Paese». In questi giorni ha incontrato per la prima volta il nuovo ministro della Salute Roberto Speranza, «partendo dalla conoscenza reciproca per poi procedere con un calendario dei lavori». Ma intanto, sono due i temi principali che in questi giorni l’Istituto è chiamato ad affrontare: i rischi legati all’utilizzo della sigaretta elettronica ed il super batterio New Delhi.

I RISCHI PER LA SALUTE DELLA SIGARETTA ELETTRONICA

«Un gruppo di tecnici dell’Istituto Superiore di Sanità è al lavoro per aggiornare gli studi relativi ai rischi sull’uso della sigaretta elettronica e per individuare misure di prevenzione più efficaci per contrastare i possibili rischi legati all’utilizzo del dispositivo». L’annuncio è dello stesso Brusaferro, che si dice «pronto a mettere a disposizione delle Regioni, del Paese e di tutti coloro che ne siano interessati i risultati a cui arriveremo».

La sigaretta elettronica, infatti, continua a far paura. Negli Stati Uniti il numero di decessi presumibilmente legati allo “svapo” aumenta a ritmi importanti: ad oggi i morti sarebbero 7, mentre centinaia le malattie respiratorie sofferte da chi ne fa uso. Il Michigan e lo stato di New York hanno vietato la vendita delle sigarette elettroniche aromatizzate. Una decisione presa anche dall’India, che le ha messe al bando denunciando i rischi per la salute dei giovani.

LEGGI ANCHE: SIGARETTE ELETTRONICHE, TRUMP VUOLE VIETARLE: «SIAMO DI FRONTE A VERO E PROPRIO DRAMMA»

IL BATTERIO NEW DELHI E L’ANTIBIOTICO-RESISTENZA

«Quella dei batteri resistenti agli antibiotici è un’emergenza mondiale», aggiunge il presidente dell’ISS quando gli chiediamo un commento sul superbatterio New Delhi, un enzima prodotto da batteri presenti nell’intestino che sono in grado di distruggere molti tipi di antibiotici. «Abbiamo le conoscenze e le raccomandazioni per poter controllare e fronteggiare questo fenomeno. Abbiamo gli strumenti per contrastarlo», prosegue Brusaferro.

Proprio l’ISS nei giorni scorsi è stato la sede dell’Assemblea generale della Joint Action europea su antimicrobico-resistenza e infezioni associate all’assistenza, che coinvolge 28 Paesi europei, 44 partner e più di 30 stakeholder provenienti da istituzioni e amministrazioni pubbliche, accademia, organizzazioni internazionali e compagnie private.

La JA si pone come punto focale per integrare le iniziative comuni ai vari Paesi europei nell’ambito One health (che affronta i temi della salute sia in ambito umano che veterinario) per raggiungere risultati concreti nella lotta all’antibiotico-resistenza e alle infezioni antibiotico-resistenti, passando attraverso il miglioramento dei sistemi di sorveglianza, del controllo delle infezioni per arrivare a implementare la ricerca e la comunicazione in questo campo.

L’incontro ha rappresentato un momento di confronto internazionale sulle attività svolte nei primi due anni e sui prossimi obiettivi da perseguire per i 9 Work packages coinvolti che coprono tutte le aree della visione “One health”, dai piani nazionali di contrasto, alla prevenzione delle infezioni ospedaliere, dall’uso degli antibiotici in medicina umana e veterinaria alla ricerca.

LEGGI ANCHE: SUPER BATTERIO NEW DELHI, NUOVA VITTIMA IN TOSCANA. REZZA (ISS): «COLONIZZA L’INTESTINO, FONDAMENTALE RISPETTARE PRASSI IGIENICO-OSPEDALIERE»

Articoli correlati
1,2 milioni di morti per super-batteri. Maga (Cnr): «Sia da monito contro uso improprio di zitromax»
Nel 2019 l'antibiotico-resistenza ha ucciso ben 1,27 milioni di persone, più di quanto abbiano fatto AIDS e malaria. Maga del Cnr: «Fondamentale contrastare uso inappropriato di antibiotici, come lo zitromax contro Covid-19»
Infermieri specialisti del rischio infettivo, Mongardi (ANIPIO): «In Italia siamo 497, dovremmo essere almeno il doppio»
La figura professionale è nata negli anni ’80. La presidente ANIPIO: «Dopo oltre trent’anni la formazione è ancora inadeguata e non esiste un sistema di sorveglianza nazionale»
Antibiotico resistenza, Andreoni (infettivologo): «Sarà la prima causa di morte nel mondo: 10 milioni di vittime entro il 2050»
Italia bocciata dall’UE, il direttore scientifico della Simit: «Nel nostro Paese c’è un vero e proprio abuso di antibiotici che causa più di 10mila morti ogni anno». Nel PNRR previsto un piano straordinario di “formazione sulle infezioni ospedaliere”
Nel 2050 i morti per infezioni ospedaliere in Italia saranno 450 mila. Lo studio
Censimento degli infermieri ANIPIO e le soluzioni proposte da ANIPIO e FNOPI
Uso di antibiotici ridotto del 15% in Europa nel 2020, ma aumentato negli ospedali dell’est. Il report ECDC
Un effetto "positivo" della pandemia è stata la riduzione dell'uso degli antibiotici in Europa, un passo importante nella lotta all'antibiotico-resistenza che spaventa scienziati e istituzioni. Negli ospedali dei paesi dell'est il consumo è però aumentato e sono stati individuati anche ceppi di resistenza agli antimicrobici di ultima generazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni