Salute 30 Aprile 2019 12:20

Pelle giovane senza il botox? Si può. Il dermatologo dei vip Di Pietro punta sulla rigenerazione cellulare

Antonino di Pietro, dermatologo dei vip spiega come combattere l’invecchiamento cutaneo: ««Dobbiamo fare di tutto per aiutare le cellule a rigenerarsi e quindi migliorare la qualità e quantità di collagene ed elastina che abbiamo nella nostra pelle. Per mantenere la pelle giovane la strada da seguire è la rigenerazione»

di Federica Bosco
Pelle giovane senza il botox? Si può. Il dermatologo dei vip Di Pietro punta sulla rigenerazione cellulare

Per mantenere la pelle giovane la strada maestra da seguire è la rigenerazione. Per Antonino di Pietro, dermatologo dei vip, non ci sono dubbi: un elemento importante è l’acido ialuronico da utilizzare con il picotage ovvero una serie di microiniezioni, fatte con un ago molto sottile, ad un millimetro di profondità. Una tecnica che migliora turgore, elasticità, idrata profondamente e aiuta a difendersi dall’azione dei raggi ultravioletti.

«Un’ultima terapia estremamente interessante è il rimage – spiega Di Pietro – che consiste nel far penetrare nella pelle un composto molto interessante che è la fospidina, che all’interno della pelle si trasforma in acido ialuronico ed irrobustire le membrane cellulari. Interessante questa tecnica perché non prevede delle iniezioni, non ci sono aghi, ma la fospidina sotto forma di gel viene fatta penetrare con l’elettrocorazione, che è particolare metodica per far entrare nella cute sostanze ioniche. All’interno della pelle nei primi millimetri inizia a stratificarsi e già solo dopo una decina di minuti dall’applicazione subito dopo la pelle viene sottoposta a radiofrequenza frazionata che non surriscalda il tessuto, ma crea una sorta di vibrazione molecolare che permette alla fospidina di arrivare in profondità a quasi un centimetro dalla superficie. Questa sostanza viene poi illuminata con una luce dalla tonalità giallo e rossa che, a quella lunghezza d’onda, attiva le cellule che sfruttano meglio la fospidina. Questo processo dura 40 minuti e la sua azione porta a migliorare il turgore, l’elasticità e far in modo che la pelle possa difendersi dalla luce e dal calore dei mesi estivi».

Quando i segni del tempo sono più profondi, il botox può essere la soluzione? «Io sono fermamente convinto che la pelle debba essere rigenerata, quindi dobbiamo fare di tutto per aiutare le cellule a rigenerarsi e quindi migliorare la qualità e quantità di collagene ed elastina che abbiamo nella nostra pelle. Aimè, io vedo sempre di più facce che sotto la paralisi del botulino perdono l’espressività e la personalità per uniformarsi in maschere spesso ridicole, di visi immobili che non riescono più a trasmettere espressioni come gioia, dolore e arrabbiatura. Quando si sforzano di sorridere poi formano pieghe e rughe che normalmente non esistono, quindi questo le rende buffe e ridicole. Secondo me non è questa la strada per la lotta all’invecchiamento e per restare giovani. Attenzione a certe scelte quindi. Il botulino è un farmaco molto efficace per risolvere problemi in cui è davvero importante, non lo ritengo invece la soluzione migliore per paralizzare muscoli di un viso, illudendolo che diventi più giovane”.

Articoli correlati
Healthy lifespan, Della Morte Canosci: «Essere longevi non basta. Puntiamo a vivere senza malattie croniche»
Il professore dell’università di Miami: «Per una vita in salute è necessario ripristinare i meccanismi di difesa compromessi dall’età. Fondamentale il ruolo delle sirtuine: restrizione calorica, attività fisica e integratori naturali sono in grado di riattivarle»
di Isabella Faggiano
Tecnologia in sanità, Leonardi (Ministero Salute): «Un sistema che non si innova non può fornire servizi adeguati ai cittadini»
«Investire su invecchiamento, sanità elettronica, medicina di precisione, sviluppo farmaceutico e nutraceutica» ha spiegato Giovanni Leonardi, della Direzione Generale della ricerca e innovazione in sanità per il Ministero della Salute
di Cesare Buquicchio e Viviana Franzellitti
Paziente anziano, Mantovani (Bicocca): «Nuovo paradigma sarà la gestione integrata»
Il Professore di Igiene e Salute Pubblica alla Biccoca di Milano crede nella possibilità di ridurre le ospedalizzazioni: «Abbiamo tecnologie informatiche, dispositivi e farmaci che sono più sicuri rispetto al passato, che sono più maneggevoli e permettono di gestire il paziente al di fuori dell’ospedale»
Pelle sana con microbiota sano: le infiammazioni si combattono anche a tavola
La disbiosi intestinale alla base dell’acne e delle dermatiti atopiche. Anche di questo si è discusso all’ultimo congresso mondiale di dermatologia a Milano. «Occorre ridurre drasticamente il consumo di zuccheri, stare attenti al consumo di alcol, aumentare il consumo di fibra come frutta, verdura e cereali, mangiare grassi buoni, come olio d’oliva, pesce, frutta secca e burro chiarificato». Questi i consigli di Marco Pignatti, Clinica dermatologica di Modena e Reggio Emilia
di Federica Bosco
Medicina estetica, Aiteb: «Non basta una laurea per saper fare interventi. Serve accendere i riflettori sulla formazione»
All'incontro organizzato a Bologna "Questo è un mestiere per donne" l'appello del presidente Massimo Signorini
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’8 marzo, sono 116.859.911 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.593.931 i decessi. Ad oggi, oltre 300,10 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elabo...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...