Salute 30 Aprile 2019 12:20

Pelle giovane senza il botox? Si può. Il dermatologo dei vip Di Pietro punta sulla rigenerazione cellulare

Antonino di Pietro, dermatologo dei vip spiega come combattere l’invecchiamento cutaneo: ««Dobbiamo fare di tutto per aiutare le cellule a rigenerarsi e quindi migliorare la qualità e quantità di collagene ed elastina che abbiamo nella nostra pelle. Per mantenere la pelle giovane la strada da seguire è la rigenerazione»

di Federica Bosco
Pelle giovane senza il botox? Si può. Il dermatologo dei vip Di Pietro punta sulla rigenerazione cellulare

Per mantenere la pelle giovane la strada maestra da seguire è la rigenerazione. Per Antonino di Pietro, dermatologo dei vip, non ci sono dubbi: un elemento importante è l’acido ialuronico da utilizzare con il picotage ovvero una serie di microiniezioni, fatte con un ago molto sottile, ad un millimetro di profondità. Una tecnica che migliora turgore, elasticità, idrata profondamente e aiuta a difendersi dall’azione dei raggi ultravioletti.

«Un’ultima terapia estremamente interessante è il rimage – spiega Di Pietro – che consiste nel far penetrare nella pelle un composto molto interessante che è la fospidina, che all’interno della pelle si trasforma in acido ialuronico ed irrobustire le membrane cellulari. Interessante questa tecnica perché non prevede delle iniezioni, non ci sono aghi, ma la fospidina sotto forma di gel viene fatta penetrare con l’elettrocorazione, che è particolare metodica per far entrare nella cute sostanze ioniche. All’interno della pelle nei primi millimetri inizia a stratificarsi e già solo dopo una decina di minuti dall’applicazione subito dopo la pelle viene sottoposta a radiofrequenza frazionata che non surriscalda il tessuto, ma crea una sorta di vibrazione molecolare che permette alla fospidina di arrivare in profondità a quasi un centimetro dalla superficie. Questa sostanza viene poi illuminata con una luce dalla tonalità giallo e rossa che, a quella lunghezza d’onda, attiva le cellule che sfruttano meglio la fospidina. Questo processo dura 40 minuti e la sua azione porta a migliorare il turgore, l’elasticità e far in modo che la pelle possa difendersi dalla luce e dal calore dei mesi estivi».

Quando i segni del tempo sono più profondi, il botox può essere la soluzione? «Io sono fermamente convinto che la pelle debba essere rigenerata, quindi dobbiamo fare di tutto per aiutare le cellule a rigenerarsi e quindi migliorare la qualità e quantità di collagene ed elastina che abbiamo nella nostra pelle. Aimè, io vedo sempre di più facce che sotto la paralisi del botulino perdono l’espressività e la personalità per uniformarsi in maschere spesso ridicole, di visi immobili che non riescono più a trasmettere espressioni come gioia, dolore e arrabbiatura. Quando si sforzano di sorridere poi formano pieghe e rughe che normalmente non esistono, quindi questo le rende buffe e ridicole. Secondo me non è questa la strada per la lotta all’invecchiamento e per restare giovani. Attenzione a certe scelte quindi. Il botulino è un farmaco molto efficace per risolvere problemi in cui è davvero importante, non lo ritengo invece la soluzione migliore per paralizzare muscoli di un viso, illudendolo che diventi più giovane”.

Articoli correlati
Medicina estetica, come evitare che “l’operazione bellezza” diventi un boomerang
D’Andrea (Federico II): «Formazione specifica del professionista è una skill necessaria. Chirurgia in regime ambulatoriale? Solo se rispettati tutti gli standard»
Con Health Masterchef School la prevenzione inizia a tavola
Dodici istituti alberghieri si sono misurati nella ideazione di quattro ricette sane e gustose realizzate dallo chef stellato Danilo Di Vuoto nell’ambito di una iniziativa promossa da Ail, Cittadinanza Attiva e ANDeA per insegnare sin da piccoli a prevenire alcune malattie della pelle con una cucina equilibrata
di Federica Bosco
Alimentazione e luce solare: un binomio salutare
di Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
di Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
SICPRE, levata di scudi contro la chirurgia plastica low cost: «A rischio la vita dei pazienti»
D’Andrea (Sicpre) contro la chirurgia low cost: «Difendiamo la professionalità dello specialista e tuteliamo la salute del paziente». Smentita la credenza secondo cui i vaccini provocano effetti indesiderati su chi fa trattamenti di medicina plastica ed estetica
Medicina e chirurgia estetica, è boom di richieste in vista dell’estate
D’Andrea (SICPRE): «In forte aumento gli interventi al viso, in particolare le zone scoperte dalla mascherina. Ma non dimentichiamo i percorsi di chirurgia ricostruttiva, fondamentali nella presa in carico dei tumori al seno»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 maggio, sono 526.097.252 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.278.679 i decessi. Ad oggi, oltre 11,44 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto