Salute 6 Ottobre 2023 11:01

Scienziati «stampano» la prima pelle più simile a quella umana, accelera la guarigione delle ferite

Potrebbe essere una «svolta» contro le ferite. Un gruppo di ricercatori del Wake Forest Institute for Regenerative Medicine (Usa) ha ottenuto una pelle biostampata più simile che mai a quella umana. In una serie di esperimenti condotti su topi e maiali, la pelle creata è stata in grado di accelerare la guarigione delle ferite lasciando meno cicatrici del solito

Scienziati «stampano» la prima pelle più simile a quella umana, accelera la guarigione delle ferite

Potrebbe essere una «svolta» contro le ferite, specialmente quelle più gravi. Un gruppo di ricercatori del Wake Forest Institute for Regenerative Medicine (Usa) ha ottenuto una pelle biostampata più simile che mai a quella umana. In una serie di esperimenti condotti su topi e maiali, la pelle creata è stata in grado di accelerare la guarigione delle ferite lasciando meno cicatrici del solito. E’ possibile che un giorno questa tecnologia, descritta sulla rivista Science Translational Medicine, possa aiutare le persone a guarire completamente da gravi ustioni.

Test su animali hanno mostrato l’efficacia della pelle biostampata nel trattamento delle ferite

La pelle è molto più complessa di ciò che può sembrare dall’esterno. Ci sono tre ampi strati, tutti con la propria anatomia distinta. Quando ci feriamo o in caso di patologie della pelle abbastanza gravi, la nostra normale capacità di guarigione spesso non è sufficiente a ripristinarne completamente l’aspetto e il funzionamento. Gli innesti cutanei temporanei e permanenti, che prelevano la pelle non danneggiata in una parte del corpo diversa da quella della lesione, hanno permesso alle persone di sopravvivere a ferite precedentemente mortali, ma di solito non corrispondono del tutto all’aspetto naturale della pelle. Idealmente, sarebbe possibile curare queste lesioni favorendo la completa rigenerazione della pelle danneggiata. I ricercatori del Wake Forest Institute for Regenerative Medicine ritengono di poter raggiungere questo obiettivo ricorrendo alla tecnologia del bioprinting, che utilizza tecniche di stampa 3D per creare strutture più naturalistiche simili ai tessuti.

Utilizzati i sei principali tipi di cellule

La biostampa utilizza una combinazione di cellule viventi, nutrienti e altri materiali biologici per replicare i tessuti. In questo caso, il team è stato in grado di creare pelle biostampata utilizzando tutti e sei i principali tipi di cellule, insieme a idrogel specializzati che fungevano da bioinchiostro. La miscela risultante è apparsa a tutti gli effetti come pelle umana, completa di tutti e tre gli strati cutanei: una novità sorprendente. Quindi, i ricercatori hanno testato la pelle su topi e maiali feriti. In questi esperimenti sugli animali, la pelle biostampata ha stimolato con successo la crescita rapida di nuovi vasi sanguigni e tessuti dall’aspetto più sano rispetto a quelli normalmente osservati con gli innesti, portando infine a una migliore guarigione delle ferite e a meno cicatrici.

Possibile una nuova soluzione contri ustioni e lesioni difficili da trattare

«La guarigione completa della pelle è una sfida clinica significativa, che riguarda milioni di individui in tutto il mondo, con opzioni limitate», spiega il co-autore principale dello studio, Anthony Atala, direttore del Wake Forest Institute for Regenerative Medicine. «Questi risultati mostrano che la creazione di pelle umana bioingegnerizzata a tutto spessore è possibile e promuove una guarigione più rapida e risultati dall’aspetto più naturale», aggiunge. Gli esperimenti di laboratorio e sugli animali non sono sufficienti. Quindi, secondo i ricercatori, saranno necessarie ulteriori ricerche, compresi studi clinici sugli esseri umani, prima di poter vedere questa tecnologia disponibile al pubblico. Ma se questa ricerca dovesse dare i suoi frutti, credono gli autori, un giorno una versione di questa pelle potrebbe consentire alle persone di guarire completamente da ustioni devastanti e altre lesioni cutanee.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Lo stigma dell’acne da adulti, studio rivela i «danni» all’autostima e alla fiducia in sé
Un recente studio presentato al congresso dell'European Academy of Dermatology and Venereology fa luce sul significativo stigma associato all'acne adulta. Lo studio ha rilevato che le persone tendono a concentrarsi maggiormente sui brufoli che sugli occhi delle persone con acne, percependoli come meno attraenti, affidabili, di successo e sicuri di sé
Studio rivela quante cellule ci sono nel corpo umano
Le cellule del corpo umano sono così tante che contarle tutte è una vera e propria impresa. A intraprenderla, fornendo uno stima piuttosto credibile, è stato un gruppo di ricercatori del Max Planck Institute for Mathematics in the Sciences di Lipsia (Germania), in collaborazione con la McGill University (Canada), in uno studio pubblicato sulla rivista PNAS
Braccialetti hi-tech per proteggere la pelle dai raggi UV
Un sensore che può essere personalizzato e indossato, per avvertire quando la radiazione ultravioletta del Sole può essere rischiosa per la salute. Lo stanno mettendo a punto i ricercatori dell'ENEA e dell'Università Sapienza di Roma con l’obiettivo di misurare l’esposizione della pelle alla radiazione solare ed evitare di superare i livelli benefici
Salute, Lilt Firenze: «Ecco le 5 regole per una sana abbronzatura»
La dermatologa Tripo: «Evitare l’esposizione prolungata al sole e, soprattutto, nelle ore più calde tre le 11 e le 16»
Ucraina: emergenza ferite da scheggia, allo studio IA per valutazioni «lampo»
Con l'invasione della Russia in corso, l'Ucraina sta cercando nuovi modi di utilizzare l'intelligenza artificiale per valutare e curare le ferite causate da schegge. Grazie al contributo di un gruppo di ricercatori britannici, l'IA viene addestrata con l'aiuto di modelli 3D di tessuti lesionati in laboratorio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...
Salute

Tumore del polmone: per osimertinib e durvalumab ottimi risultati negli studi LAURA e ADRIATIC al Congresso ASCO

Nello studio LAURA osimertinib ha ridotto il rischio di progressione di malattia o di morte dell’84% nel tumore del polmone non a piccole cellule di Stadio III. Nello studio ADRIATIC, invece, du...