Salute 11 Luglio 2023 17:24

Salute, Lilt Firenze: «Ecco le 5 regole per una sana abbronzatura»

La dermatologa Tripo: «Evitare l’esposizione prolungata al sole e, soprattutto, nelle ore più calde tre le 11 e le 16»

Voglia di sole e mare ma non bisogna dimenticare le regole base per una sana abbronzatura. Ecco i 5 consigli della Lilt-Lega Italiana per la lotta contro i tumori di Firenze per godersi il sole in sicurezza.

«Bisogna prendersi sempre cura della propria pelle – spiega la dermatologa Lilt Lara Tripo – Intanto evitando un’esposizione prolungata al sole nelle ore centrali della giornata. L’esposizione non deve essere continuativa ma prevedere delle pause in cui una persona può rinfrescarsi. Evitare l’esposizione dalle 11.30 della mattina sino almeno alle 16/16.30 del pomeriggio, privilegiando le ore della prima mattinata o del tardo pomeriggio. Così come buona norma è quella di prendere il sole in movimento evitando esposizioni prolungate in modo sedentario, stile ‘lucertola’». 

«Proteggersi con creme solari ad adeguato fattore di protezione – sottolinea Lara Tripo – in base al proprio fototipo: per le pelli chiare si usi una protezione 50, per chi ha la pelle scura una protezione non inferiore a 20, crema protettiva da applicare più volte al giorno perché bagni in mare e docce tendono a rimuovere la protezione. Iniziare sempre con una protezione 50 e soltanto dopo che la pelle si è abituata ai raggi solari allora scendere ad una protezione 30. E tornati dal mare, dopo la doccia, utilizzare doposole o crema idratante».

«Proteggersi con indumenti adeguati come magliette, cappelli e occhiali e, soprattutto, ombrelloni o una tenda che crei un’area di ombra – consiglia la dermatologa -. Ombrelloni o tende sono schermanti che riducono l’esposizione diretta, anche se è bene ricordare che non sono schermanti totali».

«Prima dell’esposizione solare si possono assumere integratori che possono aiutare a preparare la pelle nella maniera più corretta al sole, integratori che contengano antiossidanti che possono aiutare le cellule a proteggersi dal danno causato dalla radiazione ultravioletta – raccomanda la dottoressa Tripo-. E poi è bene seguire una dieta a base di betacarotene, vitamine A, C, E. Non è però che mangiando chili e chili di carote e pomodori si può poi pensare di esporsi in modo indiscriminato al sole, quindi ricordarsi sempre la graduale esposizione. Infine, ma non come importanza, privilegiare frutta e verdura a tavola, un’alimentazione fresca e leggera e bere molto per idratare il fisico».

«Il sole è amico della nostra salute ma va preso con moderazione. Il sole stimola la produzione di vitamina D, che comporta un incremento delle difese immunitarie e previene l’osteoporosi, influisce positivamente nel trattamento di malattie cutanee e ha un effetto antidepressivo. Eppure il sole è un amico con una doppia faccia, e una scorretta esposizione può avere effetti nocivi sulla nostra pelle – spiega il presidente della Lilt Firenze Alexander Peirano -. L’incidenza dei tumori della pelle, in particolare del melanoma, è in continua crescita ed è addirittura raddoppiata negli ultimi 10 anni».

La Lilt Firenze ha un ambulatorio di prevenzione dei tumori della pelle ospitato nei locali della Misericordia di Badia a Ripoli, in via Chiantigiana 26. Per accedere all’ambulatorio, che è dotato  di un dermatoscopio digitale di ultima generazione, non serve la richiesta del medico: basta chiamare la sede di Lilt allo 055.576939Sono previste agevolazioni per i soci Lilt Firenze.

Articoli correlati
Sarah Ferguson annuncia di avere un melanoma. L’oncologo Ascierto: “Outing è spot positivo per la prevenzione”
Sarah Ferguson, 64 anni, ex moglie del principe Andrea e madre della principessa Beatrice e della principessa Eugenia, ha ricevuto la diagnosi di un melanoma, scoperto mentre era in cura per un tumore al seno. E' stato il Sun a dare la notizia del melanoma, ma la notizia è rimbalzata sui media anche per rilanciare l'importanza della prevenzione
Melanoma: con immunoterapia pre-intervento 50% dei pazienti non ha bisogno di cure post
Da “ultima spiaggia” a terapia di prima scelta. Nel giro di pochissimi anni l’immunoterapia ha fatto un enorme salto di qualità tanto che oggi i clinici chiedono di estendere il ricorso ai cosiddetti inibitori dei checkpoint immunitari anche per la terapia neoadiuvante, cioè al trattamento prima dell’intervento chirurgico
Lo stigma dell’acne da adulti, studio rivela i «danni» all’autostima e alla fiducia in sé
Un recente studio presentato al congresso dell'European Academy of Dermatology and Venereology fa luce sul significativo stigma associato all'acne adulta. Lo studio ha rilevato che le persone tendono a concentrarsi maggiormente sui brufoli che sugli occhi delle persone con acne, percependoli come meno attraenti, affidabili, di successo e sicuri di sé
Scienziati «stampano» la prima pelle più simile a quella umana, accelera la guarigione delle ferite
Potrebbe essere una «svolta» contro le ferite. Un gruppo di ricercatori del Wake Forest Institute for Regenerative Medicine (Usa) ha ottenuto una pelle biostampata più simile che mai a quella umana. In una serie di esperimenti condotti su topi e maiali, la pelle creata è stata in grado di accelerare la guarigione delle ferite lasciando meno cicatrici del solito
Braccialetti hi-tech per proteggere la pelle dai raggi UV
Un sensore che può essere personalizzato e indossato, per avvertire quando la radiazione ultravioletta del Sole può essere rischiosa per la salute. Lo stanno mettendo a punto i ricercatori dell'ENEA e dell'Università Sapienza di Roma con l’obiettivo di misurare l’esposizione della pelle alla radiazione solare ed evitare di superare i livelli benefici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...
Salute

Tumore del polmone: per osimertinib e durvalumab ottimi risultati negli studi LAURA e ADRIATIC al Congresso ASCO

Nello studio LAURA osimertinib ha ridotto il rischio di progressione di malattia o di morte dell’84% nel tumore del polmone non a piccole cellule di Stadio III. Nello studio ADRIATIC, invece, du...