Salute 27 Maggio 2022 11:45

Palloncini: non si gonfiano con la bocca. Ecco perché

Biardi (Altroconsumo): «Abbiamo esaminato dodici diverse marche di palloncini, sette delle quali contengono concentrazioni oltre i limiti di legge di nitrosammine e nitrosabili, sostanze potenzialmente cancerogene»

Animano le feste di compleanno e non solo, sono giocattoli che non passano mai di moda. Eppure, nonostante la loro larga diffusione, sfuggono facilmente alle regole ed ai controlli di sicurezza. Sono i palloncini, tanto colorati quanto potenzialmente pericolosi. Ad accertarlo,  un recente studio di Altroconsumo che ha analizzato in laboratorio palloncini acquistati principalmente online, su Amazon e Wish, e in negozi su strada.

L’analisi di laboratorio, i risultati

«Abbiamo esaminato dodici diverse marche di palloncini, sette delle quali contengono concentrazioni, oltre i limiti di legge, di nitrosammine e nitrosabili, sostanze potenzialmente cancerogene», spiega Livia Biardi, esperta di chimica e ambiente per Altroconsumo che ha contribuito alla ricerca. Secondo la direttiva (2009/48/CE) tutti i giocattoli non devono superare il limite di sicurezza di 0,05 mg di nitrosammine e di 1 mg di sostanze nitrosabili per ogni chilogrammo di materiale. «Rispetto a questi parametri europei – continua Biardi – tre prodotti sono risultati entro la soglia di tolleranza, due sono a cavallo di tale livello e sette lo hanno superato. I palloncini che hanno ottenuto il peggior punteggio contengono nitrosammine in quantità 19 volte superiore al limite di legge e sostanze nitrosabili 6 volte di più del consentito dalla direttiva europea».

I rischi per la salute

Le nitrosammine sono composti classificati dalla Airc, l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, come probabili cancerogeni. «Possono aumentare il rischio di tumori gastrici e all’esofago, se ingeriti oltre la soglia di sicurezza», spiega l’esperta di Altroconsumo. Il rischio, infatti,  non si limita al semplice contatto: «Trattandosi di oggetti che sono spesso gonfiati a bocca, la possibilità che queste sostanze vengano, almeno in parte, ingerite è tutt’altro che remota. Per questo, è consigliabile utilizzare sempre un gonfietto ed evitare il contatto con la bocca», suggerisce Biardi.

Le segnalazioni

Come accaduto a seguito di altri studi simili, che hanno accertato la pericolosità di oggetti e alimenti, Altroconsumo ha segnalato alle autorità i prodotti che, a seguito delle verifiche, sono risultati non conformi alla legge, chiedendone il ritiro immediato dal mercato. «Abbiamo scritto al Ministero dello Sviluppo Economico invitandolo ad una verifica dei materiali analizzati ed abbiamo contattato le due piattaforme di shopping online dove abbiamo acquistato la maggior parte dei palloncini. A seguito della segnalazione Amazon ha risposto immediatamente attivandosi per rimuovere i  prodotti in questione», dice l’esperta.

Come tutelarsi

Tuttavia, la presenza di queste sostanze tossiche non è una novità. Altre organizzazioni di consumatori europee, effettuando i medesimi controlli, hanno ottenuto gli stessi risultati. «L’etichetta dei palloncini deve riportare per legge una serie di avvertimenti importanti, oltre al classico marchio CE che indica la conformità alle normative europee. Ma, a prescindere dal livello di sostanze tossiche contenute al loro interno e dalla conformità dell’etichetta di accompagnamento, i palloncini devono essere tassativamente vietati ai bambini al di sotto dei tre anni che, portandoli alla bocca – conclude Biardi – potrebbero erroneamente ingerirli e soffocare».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Morire di parto nel 2022: quando (e perché) il lieto evento si trasforma in tragedia
Il recente caso di Napoli spaventa. Viora (AOGOI): «La maggior parte dei decessi si può prevenire anche prima di arrivare alla sala parto. Fondamentale la formazione del personale»
Vietato fare il bagno con le lenti a contatto: si rischiano gravi danni alla cornea
In Italia sono 4 milioni i portatori di lenti a contatto, oltre la metà dei quali hanno meno di 30 anni. Per tutti il nemico numero uno è l’Acanthamoeba, un patogeno responsabile di cheratiti molto gravi. Il presidente della SICSSO: «Fino al 50% dei casi non si guarisce con le terapie mediche e i pazienti sono costretti a sottoporsi a trapianto di cornea, purtroppo non sempre risolutivo»
Digiuno intermittente, la dietista: «Tagliare le calorie a periodi può aiutare a vivere più a lungo»
La nutrizionista: «Può essere praticato per due giorni alla settimana, non consecutivi, consumando meno di un quarto dell’energia abituale. Oppure si può concentrare l’assunzione di alimenti in 6-8 ore al giorno o mantenere il digiuno notturno di 12 ore»
Dalla pelle agli occhi, come e perché dobbiamo proteggerci dal sole?
La Fondazione Salmoiraghi & Viganò ha promosso un incontro con lo scopo di diffondere la cultura della salute degli occhi tra i cittadini
Non solo bombe: le malattie infettive sono l’altra faccia della guerra
Infezioni a trasmissione oro-fecale, HIV, tubercolosi e Covid-19 sono i nemici che, insieme ai russi, minacciano l’Ucraina. Cauda (infettivologo): «Necessari Emergency-Team in grado di identificare e trattare le emergenze al confine»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa