Salute 7 Febbraio 2022 13:07

Giovani e dipendenze da farmaci, fenomenologia di un “amore tossico”

Nava (FeDerSerD): «Colmare un disagio con le benzodiazepine è come gettare benzina sul fuoco, alto rischio di condotte violente e antisociali»

Giovani e dipendenze da farmaci, fenomenologia di un “amore tossico”

Il disagio dei giovani si misura in dosi. Quelle che un giorno sono l’eccezione, e il giorno dopo sono già abitudine. Gocce, compresse, che sempre più spesso diventano l’antidoto per affrontare il disagio intorno e dentro di sé. Nei casi più pericolosi mescolate con antidolorifici e alcol tanto da diventare cocktail letali ma, in ogni caso, le protagoniste sono sempre loro: le benzodiazepine, la nuova dipendenza patologica degli adolescenti. A lanciare l’allarme ai nostri microfoni, il dottor Felice A. Nava, direttore UOSD Sanità penitenziaria e SerD Carcere dell’Azienda Ulss 6 Euganea, oltre che direttore scientifico nazionale FeDerSerD, la Federazione Italiana degli Operatori dei Dipartimenti e dei Servizi delle Dipendenze.

Le benzodiazepine, i farmaci più a rischio abuso

«L’abuso di farmaci e psicofarmaci, in particolare delle benzodiazepine quindi farmaci ansiolitici, sedativi, ipnotici è sempre esistito in maniera abbastanza diffusa – spiega Nava – possiamo dire che la messa in commercio delle benzodiazepine è coincisa con la nascita del fenomeno del loro abuso. Questo perché prima dell’avvento delle benzodiazepine si usavano i barbiturici, ben più pericolosi, che potevano rivelarsi letali in caso di sovradosaggio. Con le benzodiazepine – sottolinea – questo non succede, a meno che non siano associate in un mix di alcol ed altre sostanze. Mixare farmaci, sostanze ed alcolici per amplificare lo sballo espone non solo a rischio di dipendenza sul lungo periodo ma anche al rischio di overdose con conseguenze spesso fatali».

Perché proprio le benzodiazepine: lo sdoganamento sociale

«Negli anni il mercato delle benzodiazepine si è enormemente diffuso e insieme è calata la percezione, in chi le prescrive e in chi le consuma, dell’importanza di un utilizzo corretto delle stesse – osserva Nava -. I sedativi sono entrati in molte case, in molte famiglie, senza la dovuta cautela rispetto alle loro indicazioni terapeutiche. In un momento come questo – aggiunge – in cui il disagio di giovani e adolescenti è acutizzato dal contesto pandemico, è chiaro che avere a portata di mano in casa o comunque assistere a dei modellamenti che sdoganano l’uso di certi farmaci, perché magari ne fa uso la nonna per dormire o la mamma e il papà se sono agitati si fanno trenta gocce di diazepam, in qualche modo, nella percezione dei giovani, ne legittima l’uso ed è prodromico all’abuso».

Il disagio da colmare, e un circolo vizioso da evitare

«Sicuramente il contesto pandemico insieme al fatto che i giovani vivono di relazioni, ha sregolato la gestione delle emozioni e dei comportamenti – afferma Nava – favorendo in alcuni casi l’emergere di condotte antisociali e devianti. Il disagio, che si esprime anche attraverso reati quali stupri, violenze e atti di bullismo, viene compensato da un abuso di farmaci e alcol, che amplificherà le condotte antisociali di cui sopra generando un circolo vizioso. La novità non è il fenomeno in sé, ormai noto, ma il fatto che sempre più giovani usano questo mezzo per colmare un disagio. Posto che l’abuso di sostanze di qualsiasi genere non è mai funzionale – specifica Nava – l’abuso di benzodiazepine dei giovani è buttare benzina sul fuoco, perché favoriscono la disinibizione e la slatentizzazione di certi disturbi di aggressività. C’è un aspetto educativo riguardo a questo completamente da costruire – conclude – a partire dalle scuole».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Da antipertensivi a ibuprofene, in Italia è allarme carenza farmaci
Antiepilettici, antidepressivi, diuretici, antipertensivi sono diventati quasi introvabili. Così come il paracetamolo e l'ibuprofene, in particolare ai dosaggi indicati per i bambini. In totale in Italia sarebbero circa 3mila i farmaci a rischio reperibilità. Le cause sono diverse e dipendono in parte dalla pandemia e in parte dall'attuale crisi internazionale
Depressione maggiore: in uno spray nasale nuove speranze di cura per i pazienti “farmaco-resistenti”
Il nuovo farmaco, l’Esketamina, approvato dall’AIFA lo scorso aprile, ha effetti più rapidi ed è più efficace per alcune forme di depressione resistenti ai trattamenti. Vita (SIP): «La nuova molecola, da utilizzare in associazione ai trattamenti standard, è un farmaco ad uso ospedaliero, che può essere utilizzato nelle strutture sanitarie accreditate del SSN, sotto stretto controllo medico».
I farmaci funzionano meglio se «ci credi». Uno studio sugli antibiotici lo sostiene
Uno studio americano, pubblicato su JAMA Surgey, ha scoperto che gli antibiotici contro l'infiammazione dell'appendice sono più efficaci se si ha fiducia nei farmaci
Crisi energia: «Costi insostenibili», l’allarme della filiera del farmaco
Farmindustria, Egualia, Assoram, Adf, Federfarma Servizi, Federfarma e Assofarm lanciano l'allarme sulla «insostenibilità dei costi derivanti dalla drammatica crisi energetica che sta seriamente mettendo a rischio le forniture dell'intera filiera della salute». Le associazioni chiedono misure urgenti
Attività sportiva panacea contro le “devianze”? Ecco perché non è così
La psicologa Morgilli (OdP Lazio): «Lo sport non è un medicinale che può essere prescritto. Attenzione alle attitudini individuali e al contesto, per intercettare fattori di rischio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa