Salute 7 Febbraio 2022 13:07

Giovani e dipendenze da farmaci, fenomenologia di un “amore tossico”

Nava (FeDerSerD): «Colmare un disagio con le benzodiazepine è come gettare benzina sul fuoco, alto rischio di condotte violente e antisociali»

Giovani e dipendenze da farmaci, fenomenologia di un “amore tossico”

Il disagio dei giovani si misura in dosi. Quelle che un giorno sono l’eccezione, e il giorno dopo sono già abitudine. Gocce, compresse, che sempre più spesso diventano l’antidoto per affrontare il disagio intorno e dentro di sé. Nei casi più pericolosi mescolate con antidolorifici e alcol tanto da diventare cocktail letali ma, in ogni caso, le protagoniste sono sempre loro: le benzodiazepine, la nuova dipendenza patologica degli adolescenti. A lanciare l’allarme ai nostri microfoni, il dottor Felice A. Nava, direttore UOSD Sanità penitenziaria e SerD Carcere dell’Azienda Ulss 6 Euganea, oltre che direttore scientifico nazionale FeDerSerD, la Federazione Italiana degli Operatori dei Dipartimenti e dei Servizi delle Dipendenze.

Le benzodiazepine, i farmaci più a rischio abuso

«L’abuso di farmaci e psicofarmaci, in particolare delle benzodiazepine quindi farmaci ansiolitici, sedativi, ipnotici è sempre esistito in maniera abbastanza diffusa – spiega Nava – possiamo dire che la messa in commercio delle benzodiazepine è coincisa con la nascita del fenomeno del loro abuso. Questo perché prima dell’avvento delle benzodiazepine si usavano i barbiturici, ben più pericolosi, che potevano rivelarsi letali in caso di sovradosaggio. Con le benzodiazepine – sottolinea – questo non succede, a meno che non siano associate in un mix di alcol ed altre sostanze. Mixare farmaci, sostanze ed alcolici per amplificare lo sballo espone non solo a rischio di dipendenza sul lungo periodo ma anche al rischio di overdose con conseguenze spesso fatali».

Perché proprio le benzodiazepine: lo sdoganamento sociale

«Negli anni il mercato delle benzodiazepine si è enormemente diffuso e insieme è calata la percezione, in chi le prescrive e in chi le consuma, dell’importanza di un utilizzo corretto delle stesse – osserva Nava -. I sedativi sono entrati in molte case, in molte famiglie, senza la dovuta cautela rispetto alle loro indicazioni terapeutiche. In un momento come questo – aggiunge – in cui il disagio di giovani e adolescenti è acutizzato dal contesto pandemico, è chiaro che avere a portata di mano in casa o comunque assistere a dei modellamenti che sdoganano l’uso di certi farmaci, perché magari ne fa uso la nonna per dormire o la mamma e il papà se sono agitati si fanno trenta gocce di diazepam, in qualche modo, nella percezione dei giovani, ne legittima l’uso ed è prodromico all’abuso».

Il disagio da colmare, e un circolo vizioso da evitare

«Sicuramente il contesto pandemico insieme al fatto che i giovani vivono di relazioni, ha sregolato la gestione delle emozioni e dei comportamenti – afferma Nava – favorendo in alcuni casi l’emergere di condotte antisociali e devianti. Il disagio, che si esprime anche attraverso reati quali stupri, violenze e atti di bullismo, viene compensato da un abuso di farmaci e alcol, che amplificherà le condotte antisociali di cui sopra generando un circolo vizioso. La novità non è il fenomeno in sé, ormai noto, ma il fatto che sempre più giovani usano questo mezzo per colmare un disagio. Posto che l’abuso di sostanze di qualsiasi genere non è mai funzionale – specifica Nava – l’abuso di benzodiazepine dei giovani è buttare benzina sul fuoco, perché favoriscono la disinibizione e la slatentizzazione di certi disturbi di aggressività. C’è un aspetto educativo riguardo a questo completamente da costruire – conclude – a partire dalle scuole».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«Coinvolgeteci nei processi decisionali sui farmaci come fa EMA». La richiesta di 43 associazioni dei pazienti ad AIFA
Per Annamaria Mancuso, Coordinatrice del Gruppo “La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere”, «occorre trasparenza, vogliamo capire come vengono assunte alcune decisioni che incidono sulle nostre vite». L’EMA ha istituzionalizzato il coinvolgimento già dal 2005
di Francesco Torre
La fuga dai social della gen Z
Pagliariccio (psicologo): «Tra le nuove generazioni c’è chi ritiene che l’utilizzo dei social sia faticoso, che generi un sovraccarico cognitivo, che non risponda ai propri bisogni personali. I giovani d’oggi abbandonano senza remore ciò che non li rende felici»
Tobia (Federfarma): «Garantire ai cittadini europei equo accesso a farmaci»
Si è tenuto oggi a Roma il simposio annuale PGEU, nell'ambito del quale si è discusso della nuova regolamentazione sui farmaci dell'Unione Europea
Giovani e sesso, non più “fuoco e fiamme”: è boom di impotenza tra gli under 25
L’allarme dell’andrologo Iacono (Federico II): «Fermiamo lo shopping online di sostanze a rischio»
Per 3 adolescenti su 4 la fertilità è una grande sconosciuta, via a Progetto Scuola della SIRU
In occasione del quinto congresso nazionale della Società Italiana della Riproduzione Umana (SIRU), che si apre oggi a Rimini fino al 28 maggio, gli studenti delle scuole sono stati invitati a prendere parte all'evento per imparare e sciogliere ogni dubbio sulla fertilità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali