Salute 2 Maggio 2022 12:35

Digiuno intermittente, la dietista: «Tagliare le calorie a periodi può aiutare a vivere più a lungo»

La nutrizionista: «Può essere praticato per due giorni alla settimana, non consecutivi, consumando meno di un quarto dell’energia abituale. Oppure si può concentrare l’assunzione di alimenti in 6-8 ore al giorno o mantenere il digiuno notturno di 12 ore»

Nell’antica Grecia fu Pitagora tra i primi ad esaltarne i benefici. Più tardi, durante il Rinascimento, il medico Paracelso lo definì il «il più grande rimedio, il medico interiore». Ebrei, musulmani e cattolici lo osservano, in particolari periodi dell’anno, per motivi religiosi. Si tratta del digiuno, una pratica antica, sempre più in voga tra i cultori del benessere psico-fisico.

I benefici del digiuno

«Non è semplicemente un approccio per dimagrire – assicura Annamaria Acquaviva, dietista, nutrizionista e farmacista -. Recentemente, i ricercatori hanno dimostrato che tagliare le calorie in periodi prestabiliti può aiutare a vivere in forma e più a lungo, favorendo la longevità. Gli effetti sono dati dall’esaurimento delle riserve di glucosio e dal ricorso al grasso, come fonte energetica, che favorirebbe il sistema immunitario, il controllo della glicemia, la riduzione di tumori e delle malattie infiammatorie», aggiunge l’autrice del libro “Health revolution. I 5 pilastri della salute”.

Il digiuno intermittente

Esistono diverse declinazioni del digiuno intermittente, intervalli di restrizione calorica da fare sotto la supervisione medica. «Può essere praticato per due giorni alla settimana, non consecutivi, consumando meno di un quarto dell’energia abituale -spiega Acquaviva -. Oppure, si può concentrare l’assunzione di alimenti in un periodo variabile tre le 6 e le 8 ore, senza mangiare nelle altre. O, piuttosto, mantenere il digiuno notturno, tra la cena e la colazione, di 12 ore. Ancora, un’interessante declinazione della dieta digiuno è la dieta “mima digiuno”, del professor Walter Longo, un programma alimentare a basso contenuto calorico della durata di cinque giorni, progettato per inibire le stesse vie metaboliche del digiuno, fornendo all’organismo sostanze nutritive che non innescano sostanze di crescita del corpo.  Questo regime alimentare – dice la dietista -, prevede l’assunzione controllata di proteine (11-14%), carboidrati (42-43%) e grassi (46%), per una riduzione calorica complessiva compresa tra il 34 e il 54% rispetto all’apporto canonico».

Rischi e benefici

Secondo solide evidenze scientifiche, questo regime alimentare ha diversi benefici. «In particolar modo, la preservazione di un corretto stato di salute delle cellule, a livello di tutti gli organi. Il processo è reso possibile dall’esaurimento delle riserve di glucosio e dal ricorso al grasso, come fonte energetica. In questo modo, come ben spiegato dal Professor Mark Mattson del dipartimento di neuroscienze della Johns Hopkins University “migliora la regolazione della glicemia, si riduce la risposta infiammatoria e aumenta la resistenza allo stress”. Sulla base di altri studi, si è visto che il digiuno intermittente riduce la pressione sanguigna, i livelli di lipidi nel sangue e la frequenza cardiaca a riposo. Sempre presenti in letteratura scientifica, ma meno comprovate – aggiunge la specialista – le evidenze che documentano un impatto sull’obesità e sul rischio di ammalarsi di diabete. Il digiuno intermittente ha anche dei benefici nel favorire il mantenimento della salute cerebrale e avere così un potenziale ruolo preventivo nei confronti di malattie quali l’ictus cerebrale, l’Alzheimer e il Parkinson».

Per chi è indicato e per chi no

Tale regime alimentare, prevede un repentino cambiamento delle proprie abitudini di vita, causando difficoltà a gestire la sensazione di fame e l’irritabilità. «In termini di longevità e di benefici scientificamente provati, una persona adulta e in salute potrebbe seguirlo senza incorrere in nessuna controindicazione, previa naturalmente il parere medico. Non è raccomandabile in particolare ai bambini, alle donne in gravidanza, agli anziani e alle persone affette da una malattia cronica», spiega Acquaviva.
Il digiuno intermittente è ancora oggetto di studio: «Non esistono delle linee guida nazionali o internazionali che ne raccomandino la pratica e descrivano in che modo osservarlo. Di conseguenza, questo tipo di dieta deve essere fatta sotto controllo e prescrizione di un professionista, dopo un’attenta anamnesi del paziente e – conclude la nutrizionista – per un periodo di tempo limitato».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Palloncini: non si gonfiano con la bocca. Ecco perché
Biardi (Altroconsumo): «Abbiamo esaminato dodici diverse marche di palloncini, sette delle quali contengono concentrazioni oltre i limiti di legge di nitrosammine e nitrosabili, sostanze potenzialmente cancerogene»
PRP: la “centrifuga” che guarisce traumi sportivi (e non solo) in breve tempo
A Sofia Goggia ha permesso di tornare in pista due settimane dopo l’infortunio di Cortina e vincere l’argento alle Olimpiadi di Pechino. Per chi pratica sport amatoriale il plasma ricco di piastrine combinato alla radiofrequenza permette di superare piccoli o grandi traumi muscolari, articolari o tendinei, ma è utile anche per guarire ulcere e alopecia
Dalla pelle agli occhi, come e perché dobbiamo proteggerci dal sole?
La Fondazione Salmoiraghi & Viganò ha promosso un incontro con lo scopo di diffondere la cultura della salute degli occhi tra i cittadini
Non solo bombe: le malattie infettive sono l’altra faccia della guerra
Infezioni a trasmissione oro-fecale, HIV, tubercolosi e Covid-19 sono i nemici che, insieme ai russi, minacciano l’Ucraina. Cauda (infettivologo): «Necessari Emergency-Team in grado di identificare e trattare le emergenze al confine»
Mugnato (esperto in cyber security): «Dall’esplosione del conflitto in Ucraina incremento degli attacchi informatici»
Mentre la guerra in Ucraina continua a consumarsi, giorno dopo giorno, cresce il timore che degli attacchi informatici possano peggiorare la situazione, soprattutto se a finire nel mirino dovessero essere i Sistemi Sanitari Nazionali di tutti i Paesi che in questo momento sono impegnati nell’accoglienza dei cittadini ucraini bisognosi di cure
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 luglio, sono 550.055.526 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.340.167 i decessi. Ad oggi, oltre 11,76 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...