Salute 22 Gennaio 2021 15:12

“Mi sento bene”, il progetto di inclusività in cui la dermocosmesi specialistica incontra il sociale

La farmacista e cosmetologa Myriam Mazza: «Il nostro lavoro, in sinergia con quello del dermatologo, è la chiave per aiutare le donne a prevenire e trattare patologie cutanee invalidanti»

“Mi sento bene”, il progetto di inclusività in cui la dermocosmesi specialistica incontra il sociale

Sono passati quasi tre anni da quando la farmacista e cosmetologa napoletana Myriam Mazza fondò il progetto “Ricomincio da me – Laboratorio di Estetica Oncologica e Sociale” : un’iniziativa completamente autofinanziata e gratuita, attraverso cui la dottoressa Mazza, specializzata in Scienze e Tecnologie Cosmetiche all’Università di Ferrara e in Estetica Oncologica presso l’Istituto San Raffaele di Milano, nominata Farmacista dell’anno 2019 con gli Innovation & Research Award presso la Cosmofarma Exhibition, ha girato l’Italia in lungo e largo mettendo la sua professionalità e la sua passione al servizio delle pazienti oncologiche. L’obiettivo? Regalare alle donne la possibilità di usufruire di trattamenti di dermocosmesi specialistica che aiutassero non solo a mitigare gli effetti collaterali delle terapie, ma che consentissero alle donne alle prese con il cancro di riappropriarsi della propria femminilità.

Il progetto “Ricomincio da me” e la sua costola “Mi sento bene”

“Ricomincio da me” da allora non si è mai fermato e anzi si è arricchito, dall’anno scorso, di uno spin off intitolato “Mi sento bene”, rivolto alle donne che vivono in contesti urbani complessi come le periferie, e alle donne immigrate. Il progetto, che in questa fase si sta sviluppando attraverso webinar e incontri online per rispettare il distanziamento sociale, sta riscuotendo un grande successo.

Gli obiettivi di “Mi sento bene”

«L’aspetto e la salute della propria pelle – afferma la dottoressa – sono i nostri biglietti da visita verso il mondo che ci circonda. Credo fortemente che benessere sia sinonimo di prevenzione, e che la bellezza sia prima di tutto salute. Da questa consapevolezza, che mi accompagna da tutta la vita, ho deciso di allargare il progetto in termini di inclusività, coinvolgendo le donne che vivono in contesti difficili, e le donne immigrate. Situazioni in cui i disturbi cutanei possono diventare stigma sociale, così come il colore della pelle che, purtroppo, viene ancora vissuto come fonte di disagio».

«La dermocosmesi specialistica infatti – precisa – non riguarda solo le pazienti oncologiche, ma può trattare tutti quei disturbi come psoriasi, acne, o dermatite atopica che affliggono molte donne. Al tempo stesso, insegnare a prendersi cura di sé, del proprio benessere e della propria femminilità gioca un ruolo importantissimo nel lungo percorso di accettazione di sé con cui le donne immigrate si trovano ogni giorno a fare i conti».

La formazione ad hoc in dermocosmesi specialistica

«La branca della dermocosmesi specialistica, in cui mi sono specializzata, ha sofferto negli anni di un forte pregiudizio – osserva la dottoressa Mazza -. Fortunatamente, invece, in tempi recenti si è diffusa la consapevolezza che una formazione di questo tipo, in sinergia con il lavoro dello specialista dermatologo, sia fondamentale per la risoluzione delle patologie cutanee che possono essere anche molto invalidanti ed impattare considerevolmente sulla qualità della vita (e sulla psiche) di chi ne è affetto. Il mio obiettivo – conclude la farmacista napoletana – è far sì che le donne che vivono un disagio legato a problematiche di questo tipo, o che vogliono imparare il modo corretto di prendersi cura della propria pelle, possano trovare non solo gli strumenti per farlo, ma anche ascolto, condivisione e solidarietà».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Fondazione AIRC: con Le Arance della Salute, una mobilitazione collettiva contro il cancro
L’anno di Fondazione AIRC inizia con una nuova campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi che invita ad agire concretamente per fare la differenza, per se stessi e per gli altri, attraverso l’adozione di sane abitudini e il sostegno alla ricerca
Tumori: via a “Dance For Oncology”, corsi di ballo gratuiti studiati per i pazienti
Per la prima volta in Europa si lancia un’iniziativa gratuita in tutta la Penisola. È promossa dalla neonata associazione D4O e ideata da Caroline Smith. Sono offerti corsi di danza gratuiti e appositamente studiati per i pazienti. Hanno aderito 15 scuole (altre 35 inizieranno a gennaio) e 20 centri oncologici e associazioni
Tumori: disagio psicologico per oltre il 50% dei pazienti, ma depressione non curata nel 70% dei casi
Il 20% delle persone con tumore è colpito da depressione, il 10% da ansia e oltre il 50% sviluppa disagio psicologico. Questi disturbi hanno un impatto negativo sulla qualità di vita e sulla sopravvivenza dei pazienti oncologici. Ma sono individuati e curati solo nella minoranza dei casi. Per questo l'Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) ha richiesto una reale integrazione dell’assistenza psicosociale nella pratica clinica quotidiana
Tumori: Rai e AIRC insieme per trasformare la ricerca in cura
"La ricerca cura". E' questo lo slogan della grande maratona di Rai e Fondazione Airc che, come ogni anno, uniscono le forze per trasformare la ricerca sul cancro in cura
Sesso e cancro: a Londra la campagna shock per rompere i tabù
“Il cancro non sarà l’ultima cosa che mi fott*rà” (Cancer won’t be the last thing that f*cks me) è il titolo della provocatoria campagna pubblicitaria che sta tappezzando le strade di Londra in questi giorni. L’obiettivo è aiutare le sopravvissute al cancro a sentirsi degne di piacere sessuale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...