Salute 22 Gennaio 2021 15:12

“Mi sento bene”, il progetto di inclusività in cui la dermocosmesi specialistica incontra il sociale

La farmacista e cosmetologa Myriam Mazza: «Il nostro lavoro, in sinergia con quello del dermatologo, è la chiave per aiutare le donne a prevenire e trattare patologie cutanee invalidanti»

“Mi sento bene”, il progetto di inclusività in cui la dermocosmesi specialistica incontra il sociale

Sono passati quasi tre anni da quando la farmacista e cosmetologa napoletana Myriam Mazza fondò il progetto “Ricomincio da me – Laboratorio di Estetica Oncologica e Sociale” : un’iniziativa completamente autofinanziata e gratuita, attraverso cui la dottoressa Mazza, specializzata in Scienze e Tecnologie Cosmetiche all’Università di Ferrara e in Estetica Oncologica presso l’Istituto San Raffaele di Milano, nominata Farmacista dell’anno 2019 con gli Innovation & Research Award presso la Cosmofarma Exhibition, ha girato l’Italia in lungo e largo mettendo la sua professionalità e la sua passione al servizio delle pazienti oncologiche. L’obiettivo? Regalare alle donne la possibilità di usufruire di trattamenti di dermocosmesi specialistica che aiutassero non solo a mitigare gli effetti collaterali delle terapie, ma che consentissero alle donne alle prese con il cancro di riappropriarsi della propria femminilità.

Il progetto “Ricomincio da me” e la sua costola “Mi sento bene”

“Ricomincio da me” da allora non si è mai fermato e anzi si è arricchito, dall’anno scorso, di uno spin off intitolato “Mi sento bene”, rivolto alle donne che vivono in contesti urbani complessi come le periferie, e alle donne immigrate. Il progetto, che in questa fase si sta sviluppando attraverso webinar e incontri online per rispettare il distanziamento sociale, sta riscuotendo un grande successo.

Gli obiettivi di “Mi sento bene”

«L’aspetto e la salute della propria pelle – afferma la dottoressa – sono i nostri biglietti da visita verso il mondo che ci circonda. Credo fortemente che benessere sia sinonimo di prevenzione, e che la bellezza sia prima di tutto salute. Da questa consapevolezza, che mi accompagna da tutta la vita, ho deciso di allargare il progetto in termini di inclusività, coinvolgendo le donne che vivono in contesti difficili, e le donne immigrate. Situazioni in cui i disturbi cutanei possono diventare stigma sociale, così come il colore della pelle che, purtroppo, viene ancora vissuto come fonte di disagio».

«La dermocosmesi specialistica infatti – precisa – non riguarda solo le pazienti oncologiche, ma può trattare tutti quei disturbi come psoriasi, acne, o dermatite atopica che affliggono molte donne. Al tempo stesso, insegnare a prendersi cura di sé, del proprio benessere e della propria femminilità gioca un ruolo importantissimo nel lungo percorso di accettazione di sé con cui le donne immigrate si trovano ogni giorno a fare i conti».

La formazione ad hoc in dermocosmesi specialistica

«La branca della dermocosmesi specialistica, in cui mi sono specializzata, ha sofferto negli anni di un forte pregiudizio – osserva la dottoressa Mazza -. Fortunatamente, invece, in tempi recenti si è diffusa la consapevolezza che una formazione di questo tipo, in sinergia con il lavoro dello specialista dermatologo, sia fondamentale per la risoluzione delle patologie cutanee che possono essere anche molto invalidanti ed impattare considerevolmente sulla qualità della vita (e sulla psiche) di chi ne è affetto. Il mio obiettivo – conclude la farmacista napoletana – è far sì che le donne che vivono un disagio legato a problematiche di questo tipo, o che vogliono imparare il modo corretto di prendersi cura della propria pelle, possano trovare non solo gli strumenti per farlo, ma anche ascolto, condivisione e solidarietà».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La sessualità dopo il cancro si può, via all’iniziativa «Ballata Sensuale»
Abbattere i tabù sulla sessualità e il cancro. Questo è l’obiettivo dell’evento pop-up «Sexandthecancer– Ballata Sensuale», una tre giorni dedicata alla divulgazione scientifica attraverso l'arte
di Redazione
Cancro, per i pazienti la ricerca è ancora un tabù: meno del 5% partecipa agli studi clinici
L’arruolamento nei protocolli di ricerca consente maggiori chance terapeutiche. Gori (ROPI): «Fondamentale aumentare l’informazione per pazienti e professionisti»
Obesità in Europa al 59% negli adulti. Chianelli (AME): «Non è una questione di volontà, è una malattia e va curata»
Secondo l’ultimo Rapporto europeo sull'obesità regionale dell'OMS 2022 l'obesità ha raggiunto "proporzioni epidemiche" in Europa. L'organizzazione mondiale della sanità, dopo la presentazione del suo ultimo report mostra che la malattia sta causando 200.000 casi di cancro e 1,2 milioni di decessi all'anno
di Stefano Piazza
“La forza e il sorriso”, in Parlamento sostegno bipartisan per la pdl che promuove il benessere delle pazienti oncologiche
Alla Camera presentato l’intergruppo parlamentare “La forza e il sorriso” promosso dalla deputata Benedetta Fiorini. Obiettivo della proposta di legge rendere più accessibile l’acquisto di prodotti cosmetici per l’igiene, la protezione e il benessere personale
di Francesco Torre
Settimana Immunizzazione: corsie preferenziali per i pazienti oncologici nel post Covid
Dall’incontro al ministero della salute emerge la necessità di imprimere un’accelerazione alla vaccinazione come strumento di salute pubblica per i pazienti fragili, in primis oncologici. Non solo quarta dose per il Covid ma anche tutte le altre somministrazioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali