Salute 8 febbraio 2018

Mattia Torre: «La sanità pubblica mi ha salvato dal cancro senza chiedermi soldi. Per questo la racconto in Tv»

Il regista e sceneggiatore romano ricorda ai nostri microfoni la sua esperienza in ospedale: «Non esiste solo la malasanità, ma anche strutture di eccellenza in cui lavorano professionisti incredibili». Come il dottor Michele Gallucci, il medico che ha curato Torre e che nella fiction si chiama Zamagna…

Immagine articolo

«Orizzontale sei morto, verticale sei vivo». Così dice in il compagno di stanza di Luigi, Ahmed, in una puntata della serie scritta e diretta da Mattia Torre, “La linea verticale”. Luigi è interpretato da Valerio Mastandrea e rappresenta l’alter ego di Torre, ricoverato e operato per davvero qualche anno fa a causa di un tumore. Un’esperienza che lo ha cambiato e che ha voluto portare sugli schermi italiani per raccontare non solo il lato negativo e tragico della malattia, ma anche quello bello: situazioni divertenti, amicizie che subito diventano profonde, medici che ribaltano lo stereotipo del barone scostante e fanno con amore il proprio mestiere, e tanto altro.

«Come racconta Luigi, il protagonista, alla fine della storia – spiega ai nostri microfoni proprio Torre, già padre di un’altra fortunatissima serie, Boris –, nel corso della degenza riesce a sviluppare una certa consapevolezza di tutto quel che gli è successo. Ad esempio, l’essere finito in un reparto di assoluta eccellenza dimostra che questi luoghi che funzionano, e anche bene, esistono anche in Italia. La mia esperienza è stata questa: sono finito in un ospedale pubblico che non mi ha chiesto neanche un euro per curarmi e che, di fatto, mi ha salvato la vita. Per questo – continua Torre – mi sembrava un pezzo di Paese che andava assolutamente raccontato, visto che ormai siamo abituati a vedere rappresentata sempre e solo la malasanità. Esiste anche altro, e questa consapevolezza è stata per me uno dei motivi più importanti per scrivere questa storia».

Uno degli aspetti più positivi di una sanità spesso bistrattata ingiustamente è rappresentata dal dottor Zamagna (interpretato da Elia Schilton): un medico gentile, rassicurante, che ama il proprio lavoro e lo fa nel migliore dei modi, nel solo interesse del paziente. Ma così come il personaggio di Luigi è ispirato a Torre, anche il dottor Zamagna esiste nella realtà. Si chiama Michele Gallucci, ed è l’urologo che ha curato Torre: «È vero, il personaggio è ispirato a me – confida ai nostri microfoni – ma è un po’ romanzato, nel senso che non sono così perfetto. L’unica cosa che rivedo di me in lui è la passione che provo per questo lavoro. Anche se “lavoro” non è la parola giusta, visto che per me si tratta di una passione, e questo rende tutto molto più facile. Anche il rapporto con i pazienti è fondamentale. Per me è un dare e avere: io do le mie attenzioni al paziente e anche lui, di rimando, mi dà qualcosa». Ma questa serie ha influito sulla sua vita? «La mia vita è effettivamente molto cambiata – spiega ancora il dottor Gallucci – perché si è creata un’atmosfera di armonia attorno alla mia persona. Non ne ero consapevole prima, e questo è un fatto molto importante. Per questo ogni giorno vado a lavorare nel mio ospedale con molta più gioia di prima».

SEGUICI SU FACEBOOK

Articoli correlati
Roma, si accende la Fontana dei Quattro Fiumi per la giornata contro il cancro
Oggi si celebra la Giornata mondiale per la lotta al cancro (World cancer day- WCD), promossa dall’Unione internazionale contro il cancro (Uicc) e sostenuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. In occasione della Giornata, il ministro della Salute Giulia Grillo, il sottosegretario al ministero della Salute Armando Bartolazzi, il direttore generale dell’IFO Francesco Ripa di Meana e i direttori […]
La storia del probiotico che doveva curare il cancro
di Johann Rossi Mason – Giornalista Medico Scientifico
di Johann Rossi Mason – Giornalista Medico Scientifico
SSN, Francesco De Lorenzo (FAVO): «Su cancro e grandi malattie non ci siano barriere. Stato intervenga con poteri sostitutivi per garantire Lea»
L’ex ministro della Sanità, oggi alla guida Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia, lancia la sua proposta per rendere sostenibile il SSN: «Bisognerebbe cominciare a capire che è meglio evitare di far pagare i ticket ai malati di cancro per gli aspetti diagnostici piuttosto che pagare per chi ha un mal di testa o un mal di gola»
Cancro, il direttore dello IARC Wild: «Grazie a prevenzione, diagnosi precoce e terapia c’è speranza per sconfiggerlo»
Il numero uno dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro ai nostri microfoni: «Oggi potremmo prevenire il 50% dei tumori. Fondamentale conoscerne le cause, tra le quali c’è anche il cambiamento climatico»
Oncologia, ecco come si può “vivere senza stomaco”. Claudia Santangelo: «Spesso lasciati soli dopo intervento. Servono nutrizionisti nelle strutture»
L’associazione che raccoglie i ‘gastrectomizzati’ conta 2300 aderenti. È nata nel 2013 dopo la nascita del gruppo Facebook. La presidente sottolinea: «Avere la possibilità di trovarsi duemila e trecento persone che in tempo reale ti dicono cosa puoi fare se ti si blocca il cibo, chiaramente senza sostituire il medico, rasserena e rassicura»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...