Salute 8 Febbraio 2018

Mattia Torre: «La sanità pubblica mi ha salvato dal cancro senza chiedermi soldi. Per questo la racconto in Tv»

Il regista e sceneggiatore romano ricorda ai nostri microfoni la sua esperienza in ospedale: «Non esiste solo la malasanità, ma anche strutture di eccellenza in cui lavorano professionisti incredibili». Come il dottor Michele Gallucci, il medico che ha curato Torre e che nella fiction si chiama Zamagna…

Immagine articolo

«Orizzontale sei morto, verticale sei vivo». Così dice in il compagno di stanza di Luigi, Ahmed, in una puntata della serie scritta e diretta da Mattia Torre, “La linea verticale”. Luigi è interpretato da Valerio Mastandrea e rappresenta l’alter ego di Torre, ricoverato e operato per davvero qualche anno fa a causa di un tumore. Un’esperienza che lo ha cambiato e che ha voluto portare sugli schermi italiani per raccontare non solo il lato negativo e tragico della malattia, ma anche quello bello: situazioni divertenti, amicizie che subito diventano profonde, medici che ribaltano lo stereotipo del barone scostante e fanno con amore il proprio mestiere, e tanto altro.

«Come racconta Luigi, il protagonista, alla fine della storia – spiega ai nostri microfoni proprio Torre, già padre di un’altra fortunatissima serie, Boris –, nel corso della degenza riesce a sviluppare una certa consapevolezza di tutto quel che gli è successo. Ad esempio, l’essere finito in un reparto di assoluta eccellenza dimostra che questi luoghi che funzionano, e anche bene, esistono anche in Italia. La mia esperienza è stata questa: sono finito in un ospedale pubblico che non mi ha chiesto neanche un euro per curarmi e che, di fatto, mi ha salvato la vita. Per questo – continua Torre – mi sembrava un pezzo di Paese che andava assolutamente raccontato, visto che ormai siamo abituati a vedere rappresentata sempre e solo la malasanità. Esiste anche altro, e questa consapevolezza è stata per me uno dei motivi più importanti per scrivere questa storia».

Uno degli aspetti più positivi di una sanità spesso bistrattata ingiustamente è rappresentata dal dottor Zamagna (interpretato da Elia Schilton): un medico gentile, rassicurante, che ama il proprio lavoro e lo fa nel migliore dei modi, nel solo interesse del paziente. Ma così come il personaggio di Luigi è ispirato a Torre, anche il dottor Zamagna esiste nella realtà. Si chiama Michele Gallucci, ed è l’urologo che ha curato Torre: «È vero, il personaggio è ispirato a me – confida ai nostri microfoni – ma è un po’ romanzato, nel senso che non sono così perfetto. L’unica cosa che rivedo di me in lui è la passione che provo per questo lavoro. Anche se “lavoro” non è la parola giusta, visto che per me si tratta di una passione, e questo rende tutto molto più facile. Anche il rapporto con i pazienti è fondamentale. Per me è un dare e avere: io do le mie attenzioni al paziente e anche lui, di rimando, mi dà qualcosa». Ma questa serie ha influito sulla sua vita? «La mia vita è effettivamente molto cambiata – spiega ancora il dottor Gallucci – perché si è creata un’atmosfera di armonia attorno alla mia persona. Non ne ero consapevole prima, e questo è un fatto molto importante. Per questo ogni giorno vado a lavorare nel mio ospedale con molta più gioia di prima».

SEGUICI SU FACEBOOK

Articoli correlati
Oncologia, al Fatebenefratelli laboratori di bellezza gratuiti per donare un sorriso alle donne in terapia
Parte al Fatebenefratelli-Isola Tiberina di Roma il servizio gratuito dei laboratori di bellezza per donne in trattamento oncologico, promosso da La forza e il sorriso Onlus presso l’Ospedale. L’iniziativa, che non interferisce con le cure mediche né intende in alcun modo sostituirsi a esse, si propone attraverso i laboratori gratuiti di offrire alle donne in […]
“Apolide”, l’amicizia tra un oncologo e un migrante diventa un cortometraggio
Presentato in apertura degli Stati generali della professione medica di FNOMCeO, il cortometraggio racconta il legame di amicizia instaurato tra il dottor Gallera e Dabo, un migrante nato in Guinea
Operata di tumore al cervello mentre suona il violino, è il primo intervento per il Sud Italia
L'intervento, durato oltre 5 ore, è stato effettuato dall'equipe dell'ospedale 'Santissima Annunziata di Taranto. Si tratta del primo intervento del genere concepito nel meridione
«Io, il cancro e il Trono di Spade…»
«Quando mi hanno diagnosticato un cancro incurabile, ho pensato che avrei potuto non scoprire come finisce la saga»
Tumore, addio chemio ora c’è la genomica. All’IFO di Roma i risultati della ricerca traslazionale
Gennaro Ciliberto, direttore scientifico IRE: «Più conosciamo le mutazioni del cancro e più affiliamo le armi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...