Salute 8 febbraio 2018

Valerio Mastandrea: «Racconto la buona sanità pubblica da difendere e garantire a tutti»

L’attore protagonista de “La Linea Verticale”, la serie firmata da Mattia Torre, si è calato nei panni di un paziente con cancro al rene. Parla ai nostri microfoni della sua esperienza sul set e di come questa gli abbia fatto vedere la sanità italiana in un modo diverso

Immagine articolo

«La buona sanità che raccontiamo con la nostra serie non deve essere un’eccezione ma la regola». A parlare è Valerio Mastandrea, attore romano che ne “La Linea Verticale” (fiction in onda su Rai Tre scritta e diretta da Mattia Torre, già padre di Boris) interpreta Luigi, paziente affetto da cancro al rene. La serie percorre la vita quotidiana del reparto di urologia oncologica di un ospedale italiano e racconta, in un contesto al tempo stesso drammatico e ironico, la malattia come occasione di crescita, di apprendimento e di riscatto.

Prestazione di attore eccezionale, quella di Mastandrea, che ai nostri microfoni confessa come, in realtà, non sia stato poi così difficile calarsi nella parte del paziente oncologico: «La storia che raccontiamo è autobiografica e la conoscevo molto bene. Ho parlato molto con Mattia, che ha scritto il copione dopo aver passato le stesse cose di Luigi. Per questo possiamo dire che, a differenza di altre volte, avevo molte più informazioni. È stato un viaggio semplice, tra virgolette. Beh, mica tanto…».

Nata appunto da un’esperienza autobiografica – quella del regista e sceneggiatore Torre –, “La Linea Verticale” vuole raccontare, nell’Italia di oggi, un reparto oncologico di un ospedale pubblico di assoluta eccellenza. Un tipo di realtà che in Italia esiste ma che spesso viene messa in secondo piano da un racconto mediatico che privilegia il lato negativo della sanità: «Senza dubbio – ci spiega ancora Mastandrea –, quella di Mattia Torre è stata un’esperienza fortunata, e non soltanto per gli aspetti tecnici. È stato molto fortunato ad aver incontrato un istituto di quel tipo, una vera eccellenza, e un personale di quel livello».

Ma il supporto prettamente sanitario a volte può non bastare, se dietro non c’è anche un supporto umano che negli ospedali di oggi è a volte molto difficile da trovare. Nella “Linea Verticale” questo supporto non manca, così come non è mancato a Torre quando ad essere ricoverato era lui: «Mattia è stato molto fortunato anche dal punto di vista degli affetti – rivela ancora Mastandrea –. Penso spesso a chi nella vita non ha nessuno e incappa in una situazione meno fortunata. Ecco, credo che sarebbe opportuno non parlare più di “fortuna” quando bisogna curare le persone e spero che prima o poi diventino consuetudine sia il fatto di trovare sempre il meglio della sanità, sia la possibilità di essere curati tutti. Questo è il mio pensiero e, credo, quello di chiunque abbia almeno un po’ di coscienza civile».

Articoli correlati
Ripartire dopo il cancro, il make up artist Pablo Gil Gagnè: «Così aiuto le donne a ritrovare la propria femminilità dopo la malattia»
«Innanzitutto, do indicazioni sulla cura della pelle che, a causa delle pesanti cure, risulta spenta e inspessita; quindi mi dedico allo sguardo. Per chi non ha manualità, insegno, con l’ausilio dello stencil, a disegnare le sopracciglia, a scegliere la tonalità di colore giusto per la propria fisionomia e per i propri colori», racconta a Sanità Informazione il famoso truccatore allievo di Gil Cagnè
di Federica Bosco
Roma, si accende la Fontana dei Quattro Fiumi per la giornata contro il cancro
Oggi si celebra la Giornata mondiale per la lotta al cancro (World cancer day- WCD), promossa dall’Unione internazionale contro il cancro (Uicc) e sostenuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. In occasione della Giornata, il ministro della Salute Giulia Grillo, il sottosegretario al ministero della Salute Armando Bartolazzi, il direttore generale dell’IFO Francesco Ripa di Meana e i direttori […]
La storia del probiotico che doveva curare il cancro
di Johann Rossi Mason – Giornalista Medico Scientifico
di Johann Rossi Mason – Giornalista Medico Scientifico
SSN, Francesco De Lorenzo (FAVO): «Su cancro e grandi malattie non ci siano barriere. Stato intervenga con poteri sostitutivi per garantire Lea»
L’ex ministro della Sanità, oggi alla guida Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia, lancia la sua proposta per rendere sostenibile il SSN: «Bisognerebbe cominciare a capire che è meglio evitare di far pagare i ticket ai malati di cancro per gli aspetti diagnostici piuttosto che pagare per chi ha un mal di testa o un mal di gola»
Cancro, il direttore dello IARC Wild: «Grazie a prevenzione, diagnosi precoce e terapia c’è speranza per sconfiggerlo»
Il numero uno dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro ai nostri microfoni: «Oggi potremmo prevenire il 50% dei tumori. Fondamentale conoscerne le cause, tra le quali c’è anche il cambiamento climatico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...