Salute 20 marzo 2018

Marco Simonelli (OIS): «Per i medici italiani non è un problema curare i migranti. Ma si richiedono competenze specifiche e formazione»

Il sondaggio anticipato in un convegno organizzato da OIS (Osservatorio Internazionale per la Salute Onlus) e Dandelion. «Come superare le barriere linguistiche e culturali? La soluzione può essere integrare le comunità straniere all’interno del SSN. Chi meglio di loro può “tradurre” la diversa percezione della malattia?»

Il fenomeno migratorio è ormai una realtà permanente con cui ci confrontiamo quotidianamente; nel relazionarci con persone immigrate o straniere però, incontriamo spesso ostacoli di vario tipo che influenzano il dialogo interculturale. Gli ostacoli alla comunicazione partono da diversità linguistiche, certo, ma non solo; si tratta, soprattutto, di differenze culturali che nascono da esperienze di vita molto diverse. Nel caso dei migranti, parliamo di eventi traumatici che provocano un forte disagio psicologico, ferite che portano con sé all’arrivo in un paese straniero.

Le difficoltà di comprensione e interazione si sviluppano anche in ambito sanitario, nel rapporto tra medici e pazienti immigrati, dove spesso, si creano incomprensioni a livello linguistico ma anche a causa di una percezione diversa della malattia. Marco Simonelli dell’Osservatorio Internazionale per la Salute Onlus, ha analizzato i risultati più interessanti emersi da un sondaggio che ha indagato le relazioni tra professionisti sanitari e stranieri ai microfoni di Sanità Informazione. «I dati che abbiamo registrato ci dicono che più del 90% dei medici e degli operatori sanitari hanno quotidiani contatti con persone che non sono di cultura italiana: migranti o stranieri residenti in Italia già da tempo – spiega -. Di questi, il 65% non percepisce il fenomeno migratorio come un problema, lo ritiene parte della propria normalità quotidiana e lavorativa. Solo una piccola parte, un 40%, lo considera una difficoltà in più».

LEGGI ANCHE: PERCHÈ IL PAZIENTE IMMIGRATO NON MI GUARDA? LE DIFFERENZE CULTURALI CHE COMPLICANO IL RAPPORTO TRA MEDICI E STRANIERI

Nonostante questo, l’identità culturale – lingua, credenze religiose, princìpi e convinzioni – comporta una visione differente del concetto di salute e malattia che condiziona e complica inevitabilmente il rapporto tra medico e paziente straniero: «I professionisti sanitari hanno competenze mediche ma non hanno le conoscenze “sociali” per affrontare i problemi di una comunicazione di questo tipo: cultura e lingua diversa, ma soprattutto, credenze religiose, differente percezione della malattia. Ed è per questo che l’80% sostiene di avere bisogno di competenze specifiche per assistere e supportare pazienti stranieri – avverte -. La difficoltà esiste anche dal punto di vista eziologico, quando un migrante dice: “C’è un fuoco che mi brucia dentro” e un medico non sa a cosa si riferisca né come interpretare questa espressione. Anche con l’aiuto di un mediatore culturale, rimane il bisogno di creare un contatto tra la comunità che arriva e la comunità che ospita». Cosa si può fare per facilitare la comunicazione tra camici bianchi e immigrati o stranieri? Ecco la proposta di Marco Simonelli: «A Roma ci sono comunità di base di migranti molto forti – Bangladesh, Senegal – nessuno ha mai pensato di integrarle all’interno del sistema sanitario nazionale. Questa potrebbe essere una soluzione perché nessuno meglio di loro riuscirebbe a “tradurre” questo linguaggio in un messaggio chiaro e corretto sia sul piano linguistico che culturale. È questo il gap da colmare in Italia» conclude.

LEGGI ANCHE: MIGRANTI E SALVAGUARDIA SALUTE: OIS LANCIA IL SUO PIANO PER FORMAZIONE E SUPPORTO MEDICI

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Migranti, Foad Aodi (AMSI): «Con il rapporto Oms sul “falso mito” che gli immigrati portano malattie, è finita la pacchia degli spot da bar»
Grande soddisfazione viene espressa dall’Associazione Medici di Origine straniera in Italia (AMSI) e dalla Confederazione Internazionale-Unione Medica Euro Meditteranea (UMEM) insieme a tutte le associazioni aderenti al movimento Internazionale Uniti per Unire, dopo il recente rapporto curato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha sancito la totale inconsistenza delle teorie che affermano che «gli immigrati portano […]
Il primo rapporto OMS sulla salute di migranti e rifugiati, che non portano malattie
Migranti e rifugiati arrivano in Europa in buona salute, ma gli spostamenti e le condizioni di vita nei Paesi ospitanti aumentano il rischio di malattie
Libia, Foad Aodi (Amsi): «Basta morti nel mare, è finita la pacchia sulla pelle dei migranti»
Ancora tragedie del mare. 117 migranti, tra cui donne e bambini, sono morti lo scorso weekend a causa dell’affondamento di un gommone a largo della Libia. L’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), le comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) e l’Unione medica euro mediterranea (Umem) insieme alle associazioni aderenti al movimento Internazionale “Uniti […]
Migranti e malattie, la Commissione UCL-The Lancet: «Binomio che serve solo a giustificare politiche di esclusione»
Frutto di due anni di lavoro e della collaborazione tra l’università di Londra e la celebre rivista scientifica, la Commissione ha condotto lo studio più completo sul legame tra migrazione e salute, invitando i governi a promuovere la salute nella mobilità globale
ECM, Fnomceo e Ois: salute e migranti, un corso gratuito per tutti i medici
Il corso Fad “Salute e migrazione: curare e prendersi cura” dell’Osservatorio Internazionale per la Salute si caratterizza per la particolare attenzione dedicata alle problematiche psicologiche dei migranti, con l’intento di favorire un approccio multiculturale nell’interazione tra gli operatori sanitari e gli stranieri presenti sul nostro territorio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...