Lavoro 15 marzo 2018

Perché il paziente immigrato non mi guarda? Le differenze culturali che complicano il rapporto tra medici e stranieri

Ejaz Ahmad, giornalista pakistano e mediatore interculturale, è intervenuto al convegno “Migration: turning challenges into opportunities” organizzato da Dandelion e OIS Osservatorio Internazionale per la Salute Onlus presso la sede della Commissione UE a Roma: «Dalle medicine a base di alcol ai demoni dell’Islam, ecco le difficoltà che gli immigrati riscontrano negli ospedali e con i camici bianchi». Intanto, per aiutare i medici a conoscere l’identità culturale dei pazienti stranieri, nasce l’applicazione InterHealth App

Immagine articolo

«Le prime due cose che mi hanno chiesto quando sono arrivato in Italia sono state il cognome e la data di nascita. Beh, in Pakistan non avevamo né l’uno né l’altro». È la testimonianza di Ejaz Ahmad, giornalista pakistano e mediatore interculturale in Italia da 30 anni. Ed è solo uno degli esempi delle profonde differenze che emergono tra due Paesi lontani, geograficamente e culturalmente, come l’Italia ed il Pakistan. Differenze che inevitabilmente si riscontrano anche nel rapporto tra medici e pazienti immigrati.

«Un paziente musulmano non assumerà mai medicinali in cui è presente alcol o grasso di maiale», spiega ai nostri microfoni a margine del convegno “Migration: turning challenges into opportunities” organizzato da Dandelion e OIS Osservatorio Internazionale per la Salute Onlus. «Lo stesso discorso vale, ad esempio, per le supposte: quando gli spiego come vanno prese, generalmente le buttano via».

LEGGI ANCHE: MIGRANTI E SALVAGUARDIA SALUTE: OIS LANCIA IL SUO PIANO PER FORMAZIONE E SUPPORTO MEDICI

Ma non sono solo le medicine il problema; l’identità culturale di un paziente può influire anche sul rapporto che avrà con il medico: «In Pakistan – spiega Ahmad – si insegna ai bambini a non guardare mai in faccia gli insegnanti, i genitori e l’autorità, ma di parlare con loro guardando per terra. Dunque, quando un paziente non guarda il proprio medico è semplicemente perché ha rispetto dell’autorità, ma i medici italiani non lo sanno e non capiscono questo comportamento. È una piccola differenza ma può creare molti conflitti».

Lo stesso concetto di salute, d’altro canto, è diverso: la prevenzione non esiste «perché la sanità non è pubblica» e si va in ospedale «solo quando si è malati. Qualche giorno fa – racconta Ejaz Ahmad – ho incontrato 80 immigrati. Nonostante tutti potessero farne richiesta, solo due avevano la tessera sanitaria, proprio perché il rapporto che hanno con la salute è pessimo. Per non parlare della psicologia, nata in Europa e non efficace per gli immigrati di cultura diversa. Molte malattie e demoni, come i Jinn dell’Islam (figure soprannaturali della cultura musulmana, ndr) non sono conosciuti dagli psicologi italiani, e per questo per gli immigrati bisognerebbe sviluppare l’etnopsichiatria».

Cosa fare, allora, per avvicinare due mondi così distanti e per abbattere quel muro che impedisce a chi sta da un lato di capire e comunicare con chi sta dall’altro? «Con gli immigrati non bisogna lavorare solo con le medicine e i medici – risponde Ahmad -, ma bisogna conoscere la loro identità culturale. E per fare questo i medici devono uscire dagli ospedali, andare nelle comunità straniere presenti in Italia, parlare con loro, coinvolgerle e cercare di capirle; d’altro canto, bisogna anche spiegare agli immigrati come sono fatti i medici o gli infermieri italiani, quali sono le loro problematiche e le loro esigenze. Deve essere un rapporto reciproco, fluido, quello che si instaura tra medici ed operatori italiani e pazienti stranieri».

LEGGI ANCHE: I MIGRANTI CONOSCONO I LORO DIRITTI SANITARI? GERACI (CARITAS): «MANCA CONSAPEVOLEZZA. GRANDI LACUNE PER GOVERNANCE NAZIONALE E LOCALE»

Per aiutare i medici a comprendere meglio il modello culturale di riferimento dei loro pazienti, intanto, è nata IHApp, o InterHealth App, un’applicazione che, tramite una serie di domande, consente di tratteggiare il sistema di credenze del paziente relativo alla salute e alla malattia, spesso radicalmente diverso da quello occidentale. «L’applicazione – spiega Louis Ferrini, uno dei creatori del progetto – è stata sviluppata partendo da una teoria di Chrisman che individua tre tipi di culture: la personalistica, la naturalistica e quella dei germi. Il nostro progetto non insegna come curare il paziente, ma serve a sensibilizzare i medici e i professionisti sanitari e far loro capire che il paziente andrebbe trattato in modo diverso in base alla sua cultura. Se un immigrato credo che il responsabile della sua malattia è un’entità superiore, è molto difficile che accetti di assumere le medicine prescritte dal medico che gli permetterebbero di guarire, perché per lui l’entità superiore ha deciso che morirà e non farà niente per impedirlo. Chi è legato alla cultura naturalistica, poi, crede nel bilanciamento del corpo, quindi al caldo e al freddo, allo yin e allo yang, ad esempio. E il medico deve sapere come affrontarlo e cercare di trovare un modo per curarlo con le nostre conoscenze scientifiche», conclude. La versione beta dell’applicazione è disponibile gratuitamente on line ed è aperta a suggerimenti, feedback e proposte per renderla sempre più efficace ed utile a tutti i professionisti della sanità.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Foad Aodi (Amsi): «È nata la “Rete delle Università italiane per il Corno d’Africa” su impulso del Vice Ministro Emanuela Del Re
L’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), le Comunità del mondo arabo in Italia (Co-Mai) insieme al Movimento internazionale interprofessionale “Uniti per Unire“, con tutte le proprie associazioni aderenti, plaudono all’iniziativa coraggiosa, concreta, prestigiosa della “Rete delle Università Italiane per il Corno D’Africa”, che agisce nel nome della solidarietà. L’iniziativa è indetta dal Vice Ministro […]
Migranti, Foad Aodi (AMSI): «Con il rapporto Oms sul “falso mito” che gli immigrati portano malattie, è finita la pacchia degli spot da bar»
Grande soddisfazione viene espressa dall’Associazione Medici di Origine straniera in Italia (AMSI) e dalla Confederazione Internazionale-Unione Medica Euro Meditteranea (UMEM) insieme a tutte le associazioni aderenti al movimento Internazionale Uniti per Unire, dopo il recente rapporto curato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha sancito la totale inconsistenza delle teorie che affermano che «gli immigrati portano […]
Libia, Foad Aodi (Amsi): «Basta morti nel mare, è finita la pacchia sulla pelle dei migranti»
Ancora tragedie del mare. 117 migranti, tra cui donne e bambini, sono morti lo scorso weekend a causa dell’affondamento di un gommone a largo della Libia. L’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), le comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) e l’Unione medica euro mediterranea (Umem) insieme alle associazioni aderenti al movimento Internazionale “Uniti […]
Sanità e integrazione, Foad Aodi: «No a medici di serie A e B in un momento di grave carenza a livello mondiale»
L’associazione medici di origine straniera in Italia (AMSI) e la Confederazione Internazionale-Unione Medica Euro Meditteranea (UMEM) lanciano l’allarme sulle barriere burocratiche imposte ai professionisti della sanità di origine straniera in Italia in relazione al loro diritto all’esercizio della professione presso le strutture pubbliche tramite concorsi. «Purtroppo esiste ancora l’obbligo della cittadinanza per poter sostenere i […]
“Università dei rifugiati”, la sfida per l’integrazione di UNINETTUNO. Il Rettore Maria Amato Garito: «Aiutarli significa aiutare noi stessi»
Tra i servizi offerti il riconoscimento dei titoli e uno sportello telematico per l’accesso al medico. Il primo iscritto un ragazzo siriano che vive in un campo profughi in Libano. Plauso all’iniziativa da Onu e Unesco. Quattro le lingue dei corsi: inglese, francese, arabo e italiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...