Salute 28 Aprile 2022 17:19

Mandelli (Fofi): «Tamponi, screening, vaccini. La farmacia dei servizi rivoluzionerà il territorio»

Il Presidente della Federazione Ordini dei farmacisti italiani (Fofi) a margine del convegno “La sanità per la terza età” ha dichiarato: «Farmacista e farmacia dei servizi al centro del nuovo modello di sanità di prossimità»

Durante la pandemia ha preso il via, con successo, la sperimentazione della farmacia dei servizi: un’evoluzione del ruolo del farmacista e una grande opportunità per i cittadini. Non solo dispositivi di sicurezza, esecuzione dei tamponi per la ricerca del Sars-CoV-2 e adesione alle campagne vaccinali anti Covid e antinfluenzali. In questi due anni la farmacia ha risposto con tempestività alle nuove esigenze di salute dei pazienti provocate dall’emergenza sanitaria. Ha offerto nuovi servizi e potenziato quelli già esistenti diventando un presidio sanitario di prossimità fondamentale per le persone: prevenzione, erogazione di screening e vaccini, aderenza terapeutica, supporto alla cura.

Mandelli (Fofi): «Farmacia dei servizi ruolo strategico nella sanità territoriale»

«La farmacia dei servizi aggiunge alle prerogative peculiari del farmacista, quelle della dispensazione, quelle prestazioni che ora sono diventate necessarie. Penso ai tamponi, che reteranno a prezzi calmierati – ha detto Mandelli ai microfoni di Sanità Informazioneai due milioni e mezzo di vaccinazioni per il Covid che abbiamo fatto e a quelle per l’influenza. Ma anche al grande supporto della telemedicina. Abbiamo avuto il 110% di aumento di richieste di elettrocardiogrammi. Tantissima gente salvata con la tempestività di esami così importanti».

«Il farmacista rappresenta la prossimità di cui si parla tanto»

Secondo il presidente della Federazione Ordini dei farmacisti italiani il farmacista di comunità può continuare a dare un grande contributo all’assistenza sanitaria territoriale e al SSN. «Il concetto di aiuto al cittadino – ha evidenziato – diventa ancora più forte con il farmacista che rappresenta davvero la prossimità di cui si parla tanto in questo momento».

«Vaccinarsi è la via maestra: pronti al richiamo in autunno»

Ma c’è ancora da vincere «la grande partita delle vaccinazioni»: Rammentare che è la vera risposta a questa pandemia non mai superfluo – ha specificato Mandelli – seppur con un numero elevato di contagi la situazione è gestibile ma abbiamo bisogno che la gente si convinca che è giusto vaccinarsi. Per le persone anziane e per i fragili l’opportunità è da cogliere al volo e poi prepariamoci al prossimo autunno per un richiamo come quello dell’influenza. Prendiamo questa abitudine perché per combattere il virus abbiamo dimostrato che vaccinarsi è la via maestra».

Faroni (Aiop Lazio): «Mortalità per Covid nelle RSA bassissima nel Lazio»

La gestione dell’emergenza coronavirus da parte della Regione Lazio è stata definita più volte efficace ed efficiente. «Anche le RSA hanno lavorato benissimo – ci ha tenuto a specificare Jessica Faroni, presidente Aiop Lazio. Nel Lazio la mortalità è stata bassissima, i dati che si riferivano ad un 50% dei casi nelle RSA sono falsi. Siamo intorno al 7% e non sempre dovuta a Covid». Rivedere i nuovi criteri di gestione delle RSA e degli accreditamenti «può essere uno stimolo per medicalizzare di più le RSA. Prima, però, rivedrei le modalità di accesso nebulose e burocratizzate. A volte è impossibile entrare».

E per sostenere e potenziare le attività di aggregazione e socializzazione degli anziani in queste strutture, la Faroni chiede «una tariffa più alta per poter permettere a chi si occupa di questo di dare un’assistenza maggiore. Non parlo solo di medicine ma di tutto il resto. Noi, spesso, a spese ci occupiamo di organizzare occasioni di svago. Vanno dal teatro al circo, passando per la produzione di libri di ricette per arrivare a capire come si fa l’orto. Dedicherei una parte anche a questo» ha concluso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tecnologia e design innovativo delle RSA per far vivere meglio i malati di Alzheimer
Nella due giorni di Varese Uneba, Fondazione Molina e Fondazione Don Gnocchi hanno portato all’attenzione degli enti e delle istituzioni le nuove strategie per prendersi cura del paziente affetto da Alzheimer e lanciato un appello affinché il Governo riveda l’impegno economico verso le RSA e vengano incrementati i posti di specializzazione per medici e infermieri
RSA, visite troppo spesso ancora non garantite. Il comitato dei parenti: «Vogliamo incontrare Speranza»
Ancora forti limitazioni nelle RSA per le visite dei familiari, prevale abbandono e solitudine. Per Claudia Sorrentino, rappresentante del comitato di lotta, servono «linee guida nazionali, senza di noi le persone perdono il senso della vita». L’8 giugno incontro al Ministero della Salute
di Francesco Torre
Pnrr, Faroni (Aiop Lazio): «Bene approvazione Piano, connubio pubblico-privato decisivo per attuazione»
Posti Letto, Pronto Soccorso ed edilizia i punti centrali per Aiop Lazio: «Fondamentale lavorare su criticità emerse in pandemia»
Effetti della pandemia, AIP: «Aumentano tentativi di suicidio tra i giovani. Per anziani rischio solitudine»
A Firenze sino al 25 maggio il 22° Congresso dell’Associazione Italiana Psicogeriatria “Dopo la pandemia: la sfida per una medicina a misura della terza età”. Previsti oltre 800 specialisti
PNRR e anziani: l’appello di UNEBA «RSA dimenticate»
Con il Patto nuovo Welfare sulla non autosufficienza organizzazioni del settore, tra cui UNEBA, hanno presentato una proposta per la riforma dell’assistenza agli anziani mirate all’introduzione del Sistema Nazionale Assistenza Anziani (SNA)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali