Salute 6 Febbraio 2020 17:53

Malattie rare, ancora troppo tempo per i farmaci. Bartoli (OMAR): «Lontani dai 100 giorni del decreto Balduzzi»

«Chiediamo di istituire un elenco nazionale di farmaci dell’Aifa a cui i pazienti possano accedere da ogni regione italiana» ha spiegato l’onorevole Fabiola Bologna (M5S)

Malattie rare, ancora troppo tempo per i farmaci. Bartoli (OMAR): «Lontani dai 100 giorni del decreto Balduzzi»

L’accesso ai farmaci orfani, cioè a quelle terapie destinate a chi è affetto da una malattia rara, è una corsa contro il tempo. Secondo il Rapporto Osservatorio Farmaci Orfani (OSSFOR) 2019, infatti, occorrono 239 giorni per l’immissione in commercio di un farmaco orfano, quando il decreto Balduzzi (Legge n. 189/2012) stabilisce in 100 giorni il tempo massimo per completare la procedura di rimborsabilità.

I tempi di accesso ai farmaci, nell’ambito delle malattie rare, sono di vitale importanza, perché ogni giorno senza terapia è un giorno senza cura e per quanto l’Italia riservi una grande attenzione a questo settore, c’è ancora molto da migliorare, sul fronte dell’efficienza e dell’uniformità di condizioni che si registrano a livello regionale.

Questo il focus dell’“Orphan Drug Day”, l’annuale confronto tra i diversi soggetti che intervengono nel processo autorizzativo e di erogazione dei farmaci orfani. Il convegno, organizzato dall’Osservatorio Malattie Rare, si è svolto stamattina al ministero della Salute e, dal dibattito tra clinici, rappresentanti dei pazienti e decisori pubblici, sono emerse soluzioni organizzative e normative in grado di implementare il sistema e agevolare i pazienti.

«In primis, i pazienti sono in attesa di una cura – ha spiegato a Sanità Informazione il direttore dell’Osservatorio Malattie Rare (Omar) Ilaria Ciancaleoni Bartoli -. Il 90% delle malattie rare, infatti, non ha ancora una terapia specifica. Già questo è snervante e preoccupante perché senza una cura può succedere qualcosa in qualsiasi momento. Quando la terapia arriva, in seguito all’approvazione dell’Europa, segue l’iter previsto e l’attesa del malato diventa spasmodica. Il problema – ha continuato il direttore – è che l’iter in Aifa dovrebbe, per la legge Balduzzi, durare 100 giorni e attualmente ne dura 239; ci sono circa quattro mesi di ritardo, in cui il paziente “potrebbe” avere la terapia ma, concretamente, non ce l’ha». Troppi, per chi non ha un’alternativa terapeutica.

LEGGI ANCHE: MALATTIE RARE, PER LA SCLEROSI TUBEROSA LA CHIAVE È LA DIAGNOSI PRECOCE. FONDAMENTALE UNA CORRETTA FORMAZIONE DI GINECOLOGI E PEDIATRI

Ma non è finita qui: al ritardo, si aggiungono i tempi di recepimento a livello regionale della rimborsabilità decisa da Aifa e le velocità, diverse, con cui le regioni compiono i passi necessari per rendere effettivamente disponibile il farmaco sul proprio territorio, causando disuguaglianze di salute. «Alcuni pazienti hanno accesso prima e altri dopo per il solo fatto di vivere in un’altra regione: questo si traduce, per loro, in un danno alla salute» ha commentato Ilaria Ciancaleoni Bartoli con delusione.

Quali sono, allora, le possibili soluzioni? «Noi di Omar, chiediamo di agire su due ambiti: snellire le procedure e la burocrazia ed applicare la norma che attualmente si utilizza per i farmaci innovativi ai farmaci orfani. Di fatto, – ha concluso il direttore – la norma permette di saltare il passaggio regionale. C’è una ratio, è una cosa che si può fare e non ha un aggravio di costi: potrebbe essere una buona soluzione».

LEGGI ANCHE: CONGRESSO AIOM, ONCOLOGI: «RINNOVARE FONDO FARMACI INNOVATIVI». BERETTA: «POTENZIARE RETI ONCOLOGICHE»

A livello normativo, c’è un disegno di Legge in discussione alla Camera che potrebbe ridisegnare il quadro delle malattie rare e anche quello dell’accesso alle cure. Prima firmataria, il capogruppo del M5s alla Commissione Affari sociali della Camera dei Deputati, l’onorevole Fabiola Bologna: «Sappiamo che, per i malati rari, non è così facile accedere ai farmaci su tutto il territorio nazionale. Nel riordino della proposta di legge sulle malattie rare che stiamo studiando alla Camera c’è una parte dedicata a questo – ha precisato ai nostri microfoni -. Chiediamo di mettere a disposizione delle regioni un elenco di medicinali, integratori alimentari, dispositivi medici e presidi sanitari in capo all’Aifa che servono ai pazienti, senza alternative. I pazienti devono essere trattati tutti allo stesso modo: l’elenco deve essere studiato in base alle linee guida internazionali e ai risultati delle ricerche scientifiche. Una volta che i farmaci sono nell’elenco nazionale dell’Aifa i pazienti devono potervi accedere da ogni regione italiana» ha concluso.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Defibrillatori, è legge la norma ‘salva-vite’ attesa da 20 anni. Più DAE nella PA aperte al pubblico e sui mezzi di trasporto
Dopo un iter lungo due anni, la commissione Affari Sociali ha approvato in via definitiva la norma. Tra le novità campagne di sensibilizzazione nelle scuole e l’immunità per chi presta soccorso senza aver frequentato un corso
Medici, Bologna (Coraggio Italia): «Evitare task shifting per meri fini economici, fondamentale monitoraggio dei risultati»
«Il Pnrr Salute potrà funzionare solo se si riparte dalle competenze professionali sanitarie che si acquisiscono durante il percorso universitario». Lo afferma la deputata di Coraggio Italia Fabiola Bologna, oggi all’incontro con l’intersindacale ‘Alleanza per la professione medica’, alla presenza del ministro Roberto Speranza. «Bisogna evitare il task shifting per meri fini economici- aggiunge- affinché […]
Più tutele per i lavoratori con malattie oncologiche e croniche, alla Camera parte l’iter della legge. Le proposte
In commissione Lavoro cinque i Ddl depositati: tutti puntano ad aumentare il “periodo di comporto”, il tempo in cui il lavoratore ha diritto alla corresponsione di una retribuzione o un'indennità. Plaude la FAVO da anni impegnata sul tema. Si punta anche ad estendere le tutele per lavoratori autonomi e liberi professionisti
Invalidità civile, OMAR contro l’ipotesi INPS di vincolare importi al reddito
Ciancaleoni (Osservatorio Malattie Rare): «Non si può solo voler risparmiare, va migliorato il sistema. Occorre inserire tutte le patologie nelle tabelle e lavorare sul tema della rivedibilità». Su 700 malattie rare hanno un codice di esenzione solo 7 e solo queste sono inserite nelle tabelle INPS: una su 100. Fare un aggiornamento su tutte è però possibile, il modello esiste
Family Act, Dl Semplificazioni, Ddl Zan e Commissione d’inchiesta sul SARS-CoV-2: la settimana parlamentare
Sbarca in Aula a Montecitorio la proposta di istituire una Commissione che indaghi sull’origine del Covid-19: ma non indagherà sui fatti posteriori al 30 gennaio 2020. In Commissione Affari Sociali entra nel vivo l’esame del provvedimento sull’assegno temporaneo per figli minori. In Commissione Senato si va avanti su malattie rare e infermiere di famiglia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva