Salute 22 Marzo 2019

Malattie rare, per la sclerosi tuberosa la chiave è la diagnosi precoce. Fondamentale una corretta formazione di ginecologi e pediatri

Moavero (neuropsichiatra infantile): «Un intervento precoce, anche prima dell’inizio di sintomi evidenti, può portare un miglioramento notevole nell’outcome a lungo termine». Così la dottoressa a Sanità Informazione

di Lucia Oggianu

La sclerosi tuberosa è una malattia genetica rara che colpisce un nuovo nato ogni 6.880, con manifestazioni e gravità diverse caso per caso. Gli organi più colpiti sono il sistema nervoso centrale, il cuore, i reni, cute, polmoni e occhi. I sintomi possono variare molto di soggetto in soggetto, motivo per cui è molto importante una attenta e precoce diagnosi.

Per questo, è fondamentale la formazione del professionista sanitario, il confronto e la discussione dei casi per una appropriata condivisione delle procedure migliori in un approccio olistico. Ce ne parla la dottoressa Romina Moavero, dipartimento neuropsichiatria infantile del Policlinico di Tor Vergata e neurologia pediatrica dell’ospedale Bambino Gesù.

 Dottoressa Moavero, cos’è la sclerosi tuberosa e quali possibilità di trattamento efficace ci sono attualmente?

«È una malattia genetica autosomica dominante, ovvero il soggetto ha il 50% di possibilità di trasmetterla, ed è una patologia di interesse sistemico, interessa diversi organi e apparati ma sicuramente l’interessamento del sistema nervoso centrale è quello che causa l’impatto maggiore sulla qualità di vita. Fino a pochi anni fa il trattamento era solo sintomatico ossia si trattava ogni sintomo che compariva. Da qualche anno fortunatamente esiste una classe di farmaci, che sono gli inibitori mTor, che vanno ad agire specificamente sulla molecola che causa la maggior parte delle alterazioni osservate della sclerosi tuberosa e questo ci permette di avere un’azione su diverse manifestazioni con un unico farmaco. Inoltre, una somministrazione precoce di questo farmaco ha in realtà il potenziale di modificare la storia naturale della patologia quindi sicuramente, da un punto di vista di trattamento, ci sono stati dei cambiamenti molto importanti che ci stanno facendo affrontare la patologia in modo completamente diverso».

È importante agire presto: quanto precocemente?

«Il trattamento precoce è fondamentale per tutte le manifestazioni della sclerosi tuberosa e molto spesso è possibile perché ormai conosciamo bene l’evoluzione di questa malattia e siamo quindi in grado di cogliere molto precocemente i segni di evoluzione dei vari sintomi e lesioni. Se questo trattamento precoce è importante per le lesioni che tendono a mostrare una crescita, è sicuramente ancora più importante per le manifestazioni neurologiche e neuropsichiatriche perché un intervento precoce, anche prima dell’inizio di sintomi evidenti, può portare un miglioramento notevole nell’outcome a lungo termine quindi una minore epilessia farmaco resistente e anche un funzionamento neuro-cognitivo migliore».

Di solito come ci si accorge dell’insorgenza?

«La sclerosi tuberosa sempre più spesso viene diagnosticata anche in epoca prenatale con il riscontro alle normali ecografie ostetriche di lesioni cardiache tipiche che sono i rabdomiomi. Quando i rabdomiomi non sono presenti o non identificati così precocemente, ci possono essere delle piccole macchioline bianche sul corpo che compaiono sin dai primi mesi di vita e possono portare il pediatra a porre il sospetto diagnostico. Se nessuna di queste lesioni viene individuata, in realtà, molto spesso il primo sintomo rilevato è proprio quello delle crisi epilettiche».

Come per tutte le malattie rare, molto spesso poco conosciute e studiate, anche per questa malattia c’è ancora poco approfondimento e formazione. Pensa sia importante attivare maggiori occasioni di conoscenza e studio?

«Sì, sarebbe fondamentale. Ci sono, secondo me, due ordini di formazione da fare: quella dei medici e pediatri di base per una corretta gestione del soggetto che sa già di essere affetto ma che comunque deve convivere con una patologia cronica. Sicuramente però è cruciale la formazione ad una mirata diagnosi precoce. Le figure fondamentali sono i ginecologi, che si occupano della diagnostica prenatale mediante ecografia, e i pediatri di base, che possono rilevare delle macchioline sulla pelle. Ovviamente, con l’avanzare del tempo, ci possono essere altri segni: la comparsa di lesioni renali, che possono portare a questo sospetto, ma ovviamente l’attenzione maggiore deve essere posta in epoca prenatale e nei primi mesi di vita».

Articoli correlati
Giuramento d’Ippocrate, Bartoletti (OMCeO Roma): «Molti colleghi hanno problemi disciplinari perché ignorano il codice deontologico»
Hanno assistito al rito di iniziazione alla professione per seicento neoiscritti i rappresentanti istituzionali del mondo medico. «Il codice non si affigge solo al muro: va letto, osservato e compreso» ha precisato Pier Luigi Bartoletti. Il senatore Sileri: «Mantenete l’entusiasmo e aggiornatevi sempre». D’Amato (Regione Lazio): «Giovani investimento sul futuro»
Specializzazioni mediche, aumentano i contratti. Ecco il decreto del Miur con la distribuzione dei posti
Aumentati i contratti di formazione medica specialistica per il 2018/2019. Sono 8.776. «Dobbiamo superare l'imbuto formativo e dare ai giovani laureati la concreta opportunità di completare il proprio percorso ed esercitare la professione. L’Italia ha bisogno di medici» ha precisato il ministro Marco Bussetti che ha firmato il provvedimento
Marini (Acoi): «Rivoluzionare formazione o usciamo dalle scuole»
«Il ministro Grillo conosce i nodi della sanità’ e voglio ringraziarla per l’attenzione che ha posto sul tema specializzandi e sul nostro progetto degli Ospedale-Scuola. Il tema centrale è la formazione e non c’è dubbio che se alle buone intenzioni non seguiranno i fatti i chirurghi italiani valuteranno l’uscita dalle reti formative nazionali». Lo ha […]
Patto per la Salute, Gaudioso (Cittadinanzattiva): «Servono risorse certe con risultati misurati». Sulla formazione: «Coinvolgere i pazienti»
Il Segretario dell’associazione dei pazienti ha partecipato all’ultima riunione degli Stati generali della professione medica: «Ci saranno nei prossimi anni straordinari dilemmi etici ad esempio legati al costo delle cure, forse sempre più alti, la possibilità per il medico di affrontare questi dilemmi etici attrezzato è centrale e decisiva». Poi sottolinea: «Noi non ci rassegniamo ad avere cittadini di serie A e di serie B, professionisti di serie A e di serie B»
Carenza Specialisti, Magi (Omceo Roma): «Le scelte del Governo rischiano di aumentare l’imbuto formativo e ridurre la formazione post lauream»
«Com’è noto, la scorsa settimana il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti ha firmato i decreti che stabiliscono i posti per l’anno accademico 2019/2020 nei corsi di Medicina e Odontoiatria. In sostanza i posti aumenteranno. Il ministero della Salute ha appoggiato la scelta del MIUR facendo sapere che è in linea con le […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...