Salute 22 Marzo 2019

Malattie rare, per la sclerosi tuberosa la chiave è la diagnosi precoce. Fondamentale una corretta formazione di ginecologi e pediatri

Moavero (neuropsichiatra infantile): «Un intervento precoce, anche prima dell’inizio di sintomi evidenti, può portare un miglioramento notevole nell’outcome a lungo termine». Così la dottoressa a Sanità Informazione

di Lucia Oggianu

La sclerosi tuberosa è una malattia genetica rara che colpisce un nuovo nato ogni 6.880, con manifestazioni e gravità diverse caso per caso. Gli organi più colpiti sono il sistema nervoso centrale, il cuore, i reni, cute, polmoni e occhi. I sintomi possono variare molto di soggetto in soggetto, motivo per cui è molto importante una attenta e precoce diagnosi.

Per questo, è fondamentale la formazione del professionista sanitario, il confronto e la discussione dei casi per una appropriata condivisione delle procedure migliori in un approccio olistico. Ce ne parla la dottoressa Romina Moavero, dipartimento neuropsichiatria infantile del Policlinico di Tor Vergata e neurologia pediatrica dell’ospedale Bambino Gesù.

 Dottoressa Moavero, cos’è la sclerosi tuberosa e quali possibilità di trattamento efficace ci sono attualmente?

«È una malattia genetica autosomica dominante, ovvero il soggetto ha il 50% di possibilità di trasmetterla, ed è una patologia di interesse sistemico, interessa diversi organi e apparati ma sicuramente l’interessamento del sistema nervoso centrale è quello che causa l’impatto maggiore sulla qualità di vita. Fino a pochi anni fa il trattamento era solo sintomatico ossia si trattava ogni sintomo che compariva. Da qualche anno fortunatamente esiste una classe di farmaci, che sono gli inibitori mTor, che vanno ad agire specificamente sulla molecola che causa la maggior parte delle alterazioni osservate della sclerosi tuberosa e questo ci permette di avere un’azione su diverse manifestazioni con un unico farmaco. Inoltre, una somministrazione precoce di questo farmaco ha in realtà il potenziale di modificare la storia naturale della patologia quindi sicuramente, da un punto di vista di trattamento, ci sono stati dei cambiamenti molto importanti che ci stanno facendo affrontare la patologia in modo completamente diverso».

È importante agire presto: quanto precocemente?

«Il trattamento precoce è fondamentale per tutte le manifestazioni della sclerosi tuberosa e molto spesso è possibile perché ormai conosciamo bene l’evoluzione di questa malattia e siamo quindi in grado di cogliere molto precocemente i segni di evoluzione dei vari sintomi e lesioni. Se questo trattamento precoce è importante per le lesioni che tendono a mostrare una crescita, è sicuramente ancora più importante per le manifestazioni neurologiche e neuropsichiatriche perché un intervento precoce, anche prima dell’inizio di sintomi evidenti, può portare un miglioramento notevole nell’outcome a lungo termine quindi una minore epilessia farmaco resistente e anche un funzionamento neuro-cognitivo migliore».

Di solito come ci si accorge dell’insorgenza?

«La sclerosi tuberosa sempre più spesso viene diagnosticata anche in epoca prenatale con il riscontro alle normali ecografie ostetriche di lesioni cardiache tipiche che sono i rabdomiomi. Quando i rabdomiomi non sono presenti o non identificati così precocemente, ci possono essere delle piccole macchioline bianche sul corpo che compaiono sin dai primi mesi di vita e possono portare il pediatra a porre il sospetto diagnostico. Se nessuna di queste lesioni viene individuata, in realtà, molto spesso il primo sintomo rilevato è proprio quello delle crisi epilettiche».

Come per tutte le malattie rare, molto spesso poco conosciute e studiate, anche per questa malattia c’è ancora poco approfondimento e formazione. Pensa sia importante attivare maggiori occasioni di conoscenza e studio?

«Sì, sarebbe fondamentale. Ci sono, secondo me, due ordini di formazione da fare: quella dei medici e pediatri di base per una corretta gestione del soggetto che sa già di essere affetto ma che comunque deve convivere con una patologia cronica. Sicuramente però è cruciale la formazione ad una mirata diagnosi precoce. Le figure fondamentali sono i ginecologi, che si occupano della diagnostica prenatale mediante ecografia, e i pediatri di base, che possono rilevare delle macchioline sulla pelle. Ovviamente, con l’avanzare del tempo, ci possono essere altri segni: la comparsa di lesioni renali, che possono portare a questo sospetto, ma ovviamente l’attenzione maggiore deve essere posta in epoca prenatale e nei primi mesi di vita».

Articoli correlati
Formazione post-laurea, Minerva (Als): «Non è stata adeguatamente programmata, servono 2900 borse in più»
«Non abbiamo più specializzati e gli ospedali corrono il rischio del crash», spiega il presidente dell'Associazione libero specializzandi. «Ci sono diverse migliaia di medici che vorrebbero entrare in questo percorso ma non riescono, si tratta di quasi 10mila studenti» aggiunge Minerva
Il Decreto Calabria arriva in Senato, Carlo Palermo (Anaao): «Sblocco assunzioni è punto importante»
Previsto per martedì 18 giugno l'esame del testo in Senato. Secondo il segretario Anaao Assomed, Carlo Palermo, grazie al decreto si «allarga enormemente la platea dei medici che possono essere assunti nel sistema»
Formazione post-laurea, Grillo: «Sistema anacronistico»
Sulle 2090 borse in più necessarie per coprire il gap del sistema, il Ministro della Salute Giulia Grillom che ha partecipato all'assemblea Anaao Giovani Als, risponde senza mezzi termini: «Non arriveremo alla copertura totale. Ma bisogna rendere l'aumento strutturale»
Al via la Commissione ECM, Tortorella: «Giusto premiare chi si forma. Puntiamo sui corsi a distanza»
La prima riunione alla presenza del Ministro Grillo. L’ad di Consulcesi Group, Andrea Tortorella commenta positivamente la direzione intrapresa dal Ministero: «Sì alle premialità, è una strada che noi sosteniamo ormai da oltre tre anni». E per aiutare i medici si punta alla formazione a distanza
Contenziosi, l’urologo Gallucci: «Uso del robot non esclude complicanze, al paziente va spiegato bene»
Il professore di Urologia della Sapienza commenta l’utilizzo della robotica nel suo settore: «L’urologo è quello che più di tutti utilizza il robot. Praticamente quasi tutte le procedure, non solo la prostatectomia radicale, ma anche interventi molto complessi tipo la rimozione della vescica o la ricostruzione anche dell’intestino totalmente intracorporea o ancora i grandi interventi di tumore del rene possono essere fatti con la robotica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...