Salute 10 Marzo 2021 19:57

Lombardia, al via il primo progetto pilota per vaccinare i lavoratori in azienda

Siglato l’accordo con Confindustria, Confapi e Anma. A somministrare le dosi saranno i medici competenti

di Federica Bosco

Parte da Regione Lombardia il primo progetto pilota per la vaccinazione dei lavoratori in azienda. Il protocollo d’intesa firmato con Confindustria, Confapi e Anma, l’associazione dei medici competenti, diventerà operativo nel momento in cui prenderà il via la vaccinazione di massa.

Pubblico e privato insieme per battere il virus sul tempo

«Quello che abbiamo fatto oggi è di attualizzare ancora una volta la ricetta vincente di Regione Lombardia: ovvero mettere in campo una squadra con pubblico e privato insieme, e lo facciamo anticipando tutti – ha spiegato durante la conferenza stampa l’assessore allo sviluppo economico Guido Guidesi -. La speranza è che altre Regioni seguano il nostro esempio e che il progetto possa presto arrivare anche al Governo centrale».

Da oggi AstraZeneca anche agli over 65

Un progetto che non andrà a variare il piano vaccinale nazionale, e neppure a cambiare le priorità di vaccinazione dei cittadini lombardi. A ribadirlo questa mattina il Presidente Attilio Fontana e la Vicepresidente Letizia Moratti.

«Abbiamo diversi obiettivi – ha sottolineato l’assessore al Welfare Moratti -: il primo di vaccinare più rapidamente possibile tutti, il secondo di poter utilizzare AstraZeneca sopra i 18 anni senza vincoli di età, evitando coloro che presentano particolari fragilità, e di poter contare, dal mese di aprile, anche sul vaccino di Johnson&Johnson. Questo allarga la nostra capacità vaccinale e dunque la possibilità di somministrare più dosi alle categorie previste dal piano vaccinale nazionale e parallelamente ai lavoratori delle imprese. È una grande opportunità».

Medici competenti chiedono garanzie

Un ruolo fondamentale spetterà ai medici competenti che in Lombardia sono circa un migliaio. L’associazione di riferimento ha posto però alcune condizioni: la possibilità di vaccinare solo per chi si rende disponibile e una copertura assicurativa che metta al riparo da eventuali rischi che potrebbero derivare dallo svolgimento di un’attività che oggi non è prevista tra le loro mansioni.

«Il nostro compito può essere quello di partecipare, illustrare e predisporre le modalità affinché questa somministrazione possa essere fatta in sicurezza» ha sottolineato Rino Donghi, coordinatore dell’Associazione dei Medici Competenti (Anma).

Confindustria e Confapi: «Con spazi e dosi si può fare»

Per Marco Bonometti, presidente di Confindustria Lombardia, «questo protocollo d’intesa è un’ottima occasione per dimostrare ancora una volta che la Lombardia è la regione del fare». Anche se non ha nascosto la necessità di affrontare alcune difficoltà per rendere operativo il progetto: «Come tutti i modelli organizzativi ci sono dei vincoli e in questo caso sono gli spazi e le dosi».

«È una lotta contro le varianti – ha rimarcato Maurizio Casasco, presidente nazionale CONFAPI –. Il problema è riuscire a vaccinare il maggior numero di persone possibile in breve tempo. Oggi la Lombardia ha presentato, prima in Italia, un modello che è replicabile in altre regioni. Le modalità di attuazione saranno dettate dalle istituzioni, da parte nostra metteremo a disposizione risorse e spazi affinché si possa agire velocemente».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Regione Lombardia investe 10 milioni di euro nel “ponte digitale” tra ospedale e territorio
Il 2022 sarà l’anno decisivo per la realizzazione di una piattaforma centralizzata in grado di mettere in rete le strutture ospedaliere, le case di comunità e creare percorsi di telemedicina a cui avranno accesso i cittadini
Vaccini anti-Covid ai bambini, Rasi: «Per Natale regaliamo ai nostri figli uno “scudo” contro il virus»
Nel corso di formazione professionale Ecm di Consulcesi Club "Come nasce un vaccino. Progettazione, sviluppo, sperimentazione e commercializzazione", Rasi spiega agli operatori sanitari il perché bisogna fidarsi della scienza
Stop ai dubbi: la maratona scientifica di Regione Lombardia spiega tutto su Omicron e vaccini
Oltre mille domande su terza dose, effetti collaterali e varianti a cui i massimi esperti hanno risposto in tre ore di diretta televisiva
di Federica Bosco
Vaccinare i bambini essenziale per immunità di gregge. Mannucci (Aifa): «Insensati timori su effetti a lungo termine»
«I bambini rispondono meglio degli adulti ai vaccini, l’approvazione della FDA negli Usa è un segnale preciso»
di Federica Bosco
Ministero: «I sanitari non vaccinati non possono esercitare in alcun modo la professione»
La circolare del Ministero della Salute alle Federazioni degli Ordini: «La sospensione é tout court, e non limitata alle attività a contatto con le persone. Eventuali ricorsi alla Commissione Centrale per gli Esercenti le Professioni Sanitarie non hanno effetti impeditivi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 maggio, sono 527.841.227 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.284.538 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...