Salute 21 Giugno 2018 09:00

Leucemia, oggi la Giornata Nazionale. Vignetti (AIL): «Il ruolo del pediatra è fondamentale per garantire diagnosi precoce»

«La ricerca fa passi da gigante e sta mettendo a punto terapie mirate sulla lesione genetica responsabile» così il Vicepresidente nazionale dell’Associazione Italiana contro le Leucemie

Leucemia, oggi la Giornata Nazionale. Vignetti (AIL): «Il ruolo del pediatra è fondamentale per garantire diagnosi precoce»

«La diagnosi precoce è fondamentale per il trattamento delle malattie tumorali del sangue e in quest’ottica il ruolo del pediatra è un ruolo chiave». Lo dichiara Marco Vignetti, Vicepresidente Nazionale AIL e Direttore del centro GIMEMA (Gruppo Italiano Malattie EMatologiche dell’Adulto) in occasione della XIII Giornata Nazionale per la lotta contro le Leucemie.

«Il pediatra è una figura basilare per capire se una manifestazione, magari banale, richiede invece un accertamento specialistico – spiega Vignetti -. Perché la diagnosi va fatta precocemente ma soprattutto va fatta bene. Il pediatra è una sentinella, è la figura che segnala la necessità d’intervenire più seriamente».

LEGGI ANCHE: LEUCEMIA INFANTILE, TRA LE CAUSE ANCHE LA MANCATA ESPOSIZIONE AI MICROBI. LA RICERCA PUBBLICATA SU NATURE

«La ricerca fa passi da gigante – prosegue il medico -, grazie alla capacità dei gruppi di ricerca di mettere a punto terapie mirate, quello che oggi abbiamo (a differenza di quello che avevamo 20 anni fa) è che i nuovi farmaci, le nuove terapie, vanno mirate sulla malattia, sulla lesione genetica responsabile».

«L’analisi di queste malattie – prosegue – richiede oggi come oggi laboratori dedicati, specializzati, perché non basta fare un emocromo come una volta, ma occorre fare tutto un set di analisi cromosomiche, genetiche e di biologia molecolare che permette di individuare il farmaco giusto per quel tipo di leucemia».

Oltre l’aspetto farmacologico, la scienza fa notevoli progressi anche nell’individuare le sotto-categorie di malattie tumorali ematologiche: «La conoscenza delle varie tipologie di patologie esistenti permette di studiarne le caratteristiche peculiari e quindi combatterle più da vicino – prosegue il medico -. Dividere le singole malattie in tante sotto-categorie permette di associare ad ognuna di queste una terapia specifica; questo richiede una diagnostica molto accurata e anche dei protocolli di terapia molto più complessi di un tempo».

«Per fare un esempio pratico – conclude Vignetti – se prima per curare una leucemia mieloide acuta si usava sempre la stessa terapia caratterizzata da tre farmaci, oggi per questa malattia ci sono decine di farmaci diversi che devono essere utilizzati a seconda del sottotipo patologico. Chiaramente in questa prospettiva ci sono maggiori possibilità di riuscita».

LEGGI ANCHE: TUMORI, AMADORI (AIL): «IMMUNOTERAPIA E CAR-T STANNO RIVOLUZIONANDO LA CURA DI LEUCEMIE, LINFOMI E MIELOMI»

Articoli correlati
Tumori del sangue, gli ematologi alla Giornata AIL: traguardi impensabili con le nuove terapie
Si è celebrata a Roma la 17esima Giornata Nazionale per la lotta contro leucemie, linfomi e mieloma promossa dall’AIL. Il presidente Pino Toro: «Lavoriamo per promuovere la ricerca indipendente e per identificare i migliori standard diagnostici e terapeutici per le malattie ematologiche». Locatelli: «Ricerca fondamentale, risultati straordinari nella medicina di precisione»
di Francesco Torre
Leucemie, per la Giornata nazionale otto ematologi rispondono al numero verde AIL
Martedì 21 giugno, dalle ore 8 alle ore 20, sarà attivo il Numero Verde AIL Problemi Ematologici 800 22 65 24.  Al numero verde gratuito risponderanno otto illustri ematologi e un pool di altri specialisti, per offrire a tutti coloro che chiameranno consigli sulla malattia e sui centri di terapia presenti in tutto il Paese
Marco, la battaglia contro il tumore e la rinascita al Sail Camp
Partito lo scorso weekend il progetto di riabilitazione per pazienti onco-ematologici dell’associazione italiana contro le leucemie, i linfomi e il mieloma. «Due giorni di condivisione con altri pazienti in remissione sul lago di Garda per riprendere in mano la mia vita e riprovare a darle un senso. Ora dobbiamo andare avanti arricchiti dall’esperienza fatta e con il sostegno di Ail»
Alleanza tra AIL e Istituto Italiano di Cultura di Cracovia per inviare farmaci e sanitari in Ucraina
Una delegazione guidata da Pino Toro, Presidente Nazionale AIL, e Giuseppe Gioffrè, Presidente Sezione AIL Udine-Gorizia è stata ricevuta presso l’Istituto Italiano di Cultura di Cracovia dal Direttore Ugo Rufino per consegnare farmaci e dispositivi medicali destinati ai reparti di Oncoematologia ucraini.
Tornano le uova di Pasqua AIL, la solidarietà in 4300 piazze italiane
L'iniziativa posta sotto l’alto Patronato del Presidente della Repubblica avrà luogo l'1, 2 e 3 aprile. L’iniziativa ha permesso in tanti anni di mettere in campo progetti di Ricerca e assistenza e ha contribuito a far conoscere i progressi nel trattamento dei tumori del sangue
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi