Formazione 25 Giugno 2018

Sanità, le richieste delle Regioni al Ministro. Saitta: «Nuove assunzioni e 2600 borse di studio in più»

Il Coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni racconta i temi al centro dell’incontro: governance farmaceutica, il nuovo patto della salute, i medici di famiglia e le liste d’attesa, su cui «bisogna intervenire aumentando l’offerta e governando la domanda»

«La priorità da affrontare per la sanità deve essere il personale». Sono le prime parole pronunciate alla stampa da Antonio Saitta, Coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni e Assessore del Piemonte, dopo l’incontro con il Ministro della Salute Giulia Grillo. «Il personale sanitario è sotto stress, in tutte le Regioni stiamo registrando carenza di specialisti e in alcuni ospedali non riusciamo ad avere medici d’urgenza e anestesisti». Per superare questa situazione, secondo le Regioni bisogna intraprendere due strade: da un lato «la spesa per il personale nel 2018 deve essere uguale a quella del 2004 ridotta del 1,4%, per consentire alle Regioni di assumere e sbloccare il turnover»; dall’altro bisogna «finanziare 2600 borse di studio in più per le scuole di specializzazione».

Proposte su cui il Ministro «ha dato disponibilità e affermato l’intenzione di intervenire, perché tutte le altre questioni sono evidentemente collegate alla mancanza di personale», ma che necessitano di risorse, sulle quali dovrà dire la sua anche il Ministero dell’Economia: «Ma apprezzo che il Ministro abbia dichiarato di non sentirsi commissariato dal MEF, dimostrando di volere una certa autonomia», commenta Saitta.

«Se non si interviene – prosegue l’Assessore – significa che c’è un abbandono della sanità delle zone più esterne, avvantaggiando le grandi città. Ecco perché bisogna intervenire velocemente con il finanziamento di più borse di studio, a partire dalle professioni su cui c’è maggiore necessità». Altra grande questione è quella dei medici di famiglia, perché «stiamo tutti lavorando sulla cronicità, tema evidentemente basato sulla centralità del medico di famiglia, e se mancano i medici è chiaro che questo fallisce».

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, SAITTA (CONF. REGIONI): «SE IL GOVERNO NON SAPRA EVITARLA, LE REGIONI ORGANIZZERANNO OFFERTA FORMATIVA PER CONTO PROPRIO»

Ma oltre alla questione della carenza dei camici bianchi, Saitta e Grillo hanno «parlato di molte cose, trovando dei punti di contatto sull’adeguamento del fondo sanitario», in un incontro che l’Assessore piemontese definisce «sicuramente utile. Ci siamo lasciati con l’impegno di rincontrarci per definire anche le modalità con cui affrontare tutte le questioni in frangenti politici e istituzionali e definire un percorso immediato. Vogliamo collaborare con il Ministro e lavorare insieme per gli stessi risultati».

Inoltre, è stato affrontato il tema della governance farmaceutica: «In Piemonte abbiamo sperimentato un sistema che, in alcune gare, ci ha permesso di ottenere sconti del 90% rispetto a biosimilari. E queste non sono misure contro Farmindustria, ma vuol dire che Farmindustria deve fare in modo di accettare le regole della concorrenza che esistono in tutti i settori. In termini prudenziali, questo permetterebbe di avere un risparmio annuale intorno a un miliardo e mezzo, quindi abbiamo indicato anche una modalità che consente di finanziare il sistema sanitario».

A chi gli chiede del nuovo patto della salute, Saitta risponde che «ci dedicheremo a questo documento partendo dai limiti di quello passato, ma questa discussione non deve farci dimenticare i problemi immediati, e cioè personale, finanziamento e medici di famiglia. Ovviamente sentiamo il peso e le difficoltà anche delle liste d’attesa, ma è chiaro che senza il personale diventa complicato abbatterle. Che poi – precisa – il tema è a due tempi: se da un lato bisogna dare una risposta immediata e adeguata aumentando l’offerta, dall’altro si deve governare la domanda e lavorare sull’inappropriatezza, che significa anche creare una cultura sanitaria».

Articoli correlati
Ministero della Salute, parla Salvini: «Dov’è la competenza di Speranza?»
Caustico il leader della Lega. Più dialogante Massimo Garavaglia, in passato coordinatore del Comitato di Settore Salute della Conferenza delle Regioni oltre che viceministro al MEF: «Speranza persona valida, ma sono le politiche sulla sanità a preoccuparci...». Parla anche la senatrice Fregolent
Conte bis, in sanità priorità per formazione e assunzioni. Vaccini, lotta agli sprechi, aggressioni: la nuova agenda in Commissione
A Montecitorio lungo discorso del premier che riserva un passaggio anche alla sanità. M5S-PD convinti dalle parole del premier, Lega e Fdi annunciano opposizione dura. Mandelli (Forza Italia): "Il vero banco di prova sono i fondi da destinare alla sanità"
«Assunzioni straordinarie e potenziamento percorsi formativi», la ricetta del premier Conte per la Sanità
«Questo progetto politico segna l'inizio di una nuova stagione riformatrice», ha spiegato all'inizio del suo intervento il premier Giuseppe Conte
Lorenzin: «Da Speranza mi aspetto approccio politico al Ministero della Salute»
Poi l'attacco a Grillo: «I modelli utilizzati fino ad oggi non hanno funzionato». L'intervista all'ex ministro Beatrice Lorenzin di Radio Cusano Campus
Speranza riparte dalla Costituzione: «Superare l’attuale carenza di medici e infermieri»
Il neoministro alla Salute, Roberto Speranza in una lunga intervista al Corriere della Sera: «Garantire cure di qualità. Nei prossimi 5 anni ci sarà un picco dei pensionamenti che aggraverà il problema»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali