Salute 25 Giugno 2018 12:59

Sanità, le richieste delle Regioni al Ministro. Saitta: «Nuove assunzioni e 2600 borse di studio in più»

Il Coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni racconta i temi al centro dell’incontro: governance farmaceutica, il nuovo patto della salute, i medici di famiglia e le liste d’attesa, su cui «bisogna intervenire aumentando l’offerta e governando la domanda»

«La priorità da affrontare per la sanità deve essere il personale». Sono le prime parole pronunciate alla stampa da Antonio Saitta, Coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni e Assessore del Piemonte, dopo l’incontro con il Ministro della Salute Giulia Grillo. «Il personale sanitario è sotto stress, in tutte le Regioni stiamo registrando carenza di specialisti e in alcuni ospedali non riusciamo ad avere medici d’urgenza e anestesisti». Per superare questa situazione, secondo le Regioni bisogna intraprendere due strade: da un lato «la spesa per il personale nel 2018 deve essere uguale a quella del 2004 ridotta del 1,4%, per consentire alle Regioni di assumere e sbloccare il turnover»; dall’altro bisogna «finanziare 2600 borse di studio in più per le scuole di specializzazione».

Proposte su cui il Ministro «ha dato disponibilità e affermato l’intenzione di intervenire, perché tutte le altre questioni sono evidentemente collegate alla mancanza di personale», ma che necessitano di risorse, sulle quali dovrà dire la sua anche il Ministero dell’Economia: «Ma apprezzo che il Ministro abbia dichiarato di non sentirsi commissariato dal MEF, dimostrando di volere una certa autonomia», commenta Saitta.

«Se non si interviene – prosegue l’Assessore – significa che c’è un abbandono della sanità delle zone più esterne, avvantaggiando le grandi città. Ecco perché bisogna intervenire velocemente con il finanziamento di più borse di studio, a partire dalle professioni su cui c’è maggiore necessità». Altra grande questione è quella dei medici di famiglia, perché «stiamo tutti lavorando sulla cronicità, tema evidentemente basato sulla centralità del medico di famiglia, e se mancano i medici è chiaro che questo fallisce».

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, SAITTA (CONF. REGIONI): «SE IL GOVERNO NON SAPRA EVITARLA, LE REGIONI ORGANIZZERANNO OFFERTA FORMATIVA PER CONTO PROPRIO»

Ma oltre alla questione della carenza dei camici bianchi, Saitta e Grillo hanno «parlato di molte cose, trovando dei punti di contatto sull’adeguamento del fondo sanitario», in un incontro che l’Assessore piemontese definisce «sicuramente utile. Ci siamo lasciati con l’impegno di rincontrarci per definire anche le modalità con cui affrontare tutte le questioni in frangenti politici e istituzionali e definire un percorso immediato. Vogliamo collaborare con il Ministro e lavorare insieme per gli stessi risultati».

Inoltre, è stato affrontato il tema della governance farmaceutica: «In Piemonte abbiamo sperimentato un sistema che, in alcune gare, ci ha permesso di ottenere sconti del 90% rispetto a biosimilari. E queste non sono misure contro Farmindustria, ma vuol dire che Farmindustria deve fare in modo di accettare le regole della concorrenza che esistono in tutti i settori. In termini prudenziali, questo permetterebbe di avere un risparmio annuale intorno a un miliardo e mezzo, quindi abbiamo indicato anche una modalità che consente di finanziare il sistema sanitario».

A chi gli chiede del nuovo patto della salute, Saitta risponde che «ci dedicheremo a questo documento partendo dai limiti di quello passato, ma questa discussione non deve farci dimenticare i problemi immediati, e cioè personale, finanziamento e medici di famiglia. Ovviamente sentiamo il peso e le difficoltà anche delle liste d’attesa, ma è chiaro che senza il personale diventa complicato abbatterle. Che poi – precisa – il tema è a due tempi: se da un lato bisogna dare una risposta immediata e adeguata aumentando l’offerta, dall’altro si deve governare la domanda e lavorare sull’inappropriatezza, che significa anche creare una cultura sanitaria».

Articoli correlati
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
Pierpaolo Sileri, bilancio di un governo con il sottosegretario alla Salute uscente
Con il sottosegretario alla Salute del governo Draghi Pierpaolo Sileri analizziamo il governo Draghi, quello che verrà e le armi per risolvere la carenza di medici e professionisti sanitari che ancora permane
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
Crisi energia: «Costi insostenibili», l’allarme della filiera del farmaco
Farmindustria, Egualia, Assoram, Adf, Federfarma Servizi, Federfarma e Assofarm lanciano l'allarme sulla «insostenibilità dei costi derivanti dalla drammatica crisi energetica che sta seriamente mettendo a rischio le forniture dell'intera filiera della salute». Le associazioni chiedono misure urgenti
Dopo i medici cubani, la Calabria apre agli specializzandi. Viola (Federspecializzandi): «Servono cambiamenti strutturali»
Per contrastare la grave carenza di medici, la Regione Calabria ha pubblicato un avviso per reclutare specializzandi da tutta italia. Federspecializzandi: «Positivo, ma per specializzandi non è una scelta facile»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi