Salute 31 Maggio 2018

Carenza medici, Saitta (Conf. Regioni): «Se il governo non saprà evitarla, le Regioni organizzeranno offerta formativa per conto proprio»

Il Coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni chiede maggiore attenzione alla Sanità da parte del nuovo esecutivo. Sul tema delle aggressioni sottolinea: «È necessario ristabilire un rapporto di fiducia con il sistema sanitario, perché molto spesso queste violenze derivano da un giudizio esagerato»

di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

«Alcune questioni sono rimaste in sospeso per l’assenza di un governo. Spero che il nuovo esecutivo dedichi maggiore attenzione alla Sanità». Antonio Saitta, Assessore alla Sanità della Regione Piemonte e Coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni, chiede che il nuovo governo possa occuparsi fin da subito delle grandi questioni che interessano la sanità italiana, rimaste ferme da ormai troppo tempo. A partire dalla necessità di una programmazione, necessaria per far fronte al fenomeno della carenza di medici, per arrivare al tema delle aggressioni al personale sanitario, un problema soprattutto culturale. «Dobbiamo lavorare insieme per spiegare il valore di questa cosa straordinaria che è il Servizio sanitario italiano», spiega Saitta a Sanità Informazione.

Assessore, dal punto di vista delle politiche sanitarie cosa si aspetta dal nuovo governo?

«Sicuramente una maggiore attenzione alla sanità, che deve essere riportata al centro dell’agenda. Trattandosi di servizi che devono essere garantiti a tutti i cittadini, bisogna affrontare alcune questioni che erano rimaste in sospeso per la mancanza di un governo nel pieno dei suoi poteri. A partire dal problema della formazione ai medici specialisti, che sta diventando sempre più serio: oramai in molti ospedali registriamo difficoltà a trovare anestesisti, pediatri, medici di Pronto soccorso, ginecologi. E questa situazione deriva dal fatto che il Ministero della Pubblica Istruzione, che organizza l’offerta formativa delle scuole di specialità, mette a disposizione meno borse di studio rispetto alle necessità: c’è una carenza di 2500 medici, e, considerando che i medici potranno lavorare dopo tre anni di formazione, occorre assumere una decisione velocemente. Questo sarà il primo problema che proporremo al governo, e se non si risolve avremo serie difficoltà a garantire i servizi».

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, SAITTA: «IMPEGNO PER INCREMENTARE LE BORSE DI STUDIO MMG DEL 20%»

Tra l’altro il tema della carenza dei medici riguarda anche i medici di medicina generale, soprattutto nelle aree interne…

«Certamente, oltre a quello dei medici ospedalieri c’è anche il problema dei medici generici. Questo tema va affrontato con un minimo di programmazione. D’altro canto non è complicato capire quando i medici andranno in pensione e non è complicato stabilire quanti medici occorrono per poter garantire il servizio a regime. È tutto prevedibile, e allora si può fare un conteggio abbastanza preciso e in base a questo assumere delle decisioni. E se poi il governo riterrà di non essere all’altezza di questo compito, vuol dire che le Regioni si organizzeranno e regoleranno l’offerta formativa per conto proprio».

Un altro tema rimasto in sospeso è quello del contratto della dirigenza medica. Pensa che ci siano i margini per sbloccare la situazione o questa impasse rimane?

«Noi l’accordo ponte con le Regioni, con le risorse che avevamo accantonato, l’abbiamo fatto. Poi c’è il problema delle risorse aggiuntive, su cui mi auguro che il governo si dia una mossa».

Per concludere, un altro argomento molto caldo è quello delle aggressioni ai medici. Cosa si può fare secondo lei per contrastarle?

«Dall’esperienza che vedo nella mia Regione è chiaro che in alcune aree particolarmente complesse siano necessari telecamere, controlli, allarmi e quant’altro. È chiaro che i medici hanno il diritto di poter lavorare in tranquillità e svolgere serenamente il servizio straordinario che offrono alle nostre comunità. Ma poi è necessario ristabilire un rapporto di fiducia con il sistema sanitario, perché molto spesso queste violenze derivano da un giudizio esagerato. Per carità, non dico che i problemi non esistano, ma c’è anche un problema di carattere culturale e credo che tutti, dagli Ordini dei Medici a quelli degli Infermieri alle Regioni, dobbiamo lavorare insieme per spiegare il valore di questa cosa straordinaria che è il Servizio sanitario italiano».

 

Articoli correlati
Assunzioni SSN, Leoni (FNOMCeO): «Bene iniziare a parlarne, ma bisogna verificare se annuncio avrà conseguenze concrete»
Il vicepresidente della Federazione degli Ordini dei Medici teme che il superamento del tetto di spesa per il personale calcolato sui parametri dello scorso anno non sia sufficiente a risolvere il problema della carenza di medici e professionisti sanitari: «Se in Veneto mancano 1300 camici bianchi e non calcolo l’incremento sul personale originario, c’è il rischio di non recuperare granché»
Regionalismo differenziato, incontro FNOMCeO – Regioni. Filippo Anelli: «Garantire le stesse chance di cura a tutti i cittadini»
Il presidente della Federazione degli Ordini dei Medici: «Istituito un gruppo di lavoro per studiare le diseguaglianze regionali. Dai risultati elaboreremo proposte concrete da sottoporre ai vari Governatori»
di Isabella Faggiano
Contratto medici, CIMO lancia petizione per sbloccare trattativa
Pubblicata su change.org, l'iniziativa ha già raggiunto le 5mila sottoscrizioni. «Questa petizione – spiega CIMO – è un dovere morale nei confronti di chi, in questi anni, si è fatto carico di “coprire” i vistosi buchi assistenziali creati dal progressivo sotto finanziamento del SSN»
Carenza medici, Anaao stila mappa delle ‘sofferenze’ fino al 2025: 16500 medici in meno, Piemonte, Toscana e Sicilia in testa
I risultati dello studio: dall’analisi delle curve di pensionamento e dei nuovi specialisti formati nel periodo 2018-2025, è previsto un ammanco di circa 16.700 medici. Le specialità in cui la programmazione risulta più deficitaria sono la medicina d’urgenza e la pediatria
Patto salute, Fugatti (Trentino): «Rimodulare rete punti nascita alla luce del calo demografico e intervenire su carenza medici specialisti»
«I cittadini trentini chiedono maggiori servizi e nuovi investimenti: se non interveniamo, anche a causa della denatalità, rischiamo lo spopolamento della montagna». E sulla carenza degli specialisti: «Il Governo deve adoperarsi o mancheranno, soprattutto, pediatri, medici di base, guardie mediche e anestetisti» così il Presidente della Provincia autonoma di Trento
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone