Salute 31 maggio 2018

Carenza medici, Saitta (Conf. Regioni): «Se il governo non saprà evitarla, le Regioni organizzeranno offerta formativa per conto proprio»

Il Coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni chiede maggiore attenzione alla Sanità da parte del nuovo esecutivo. Sul tema delle aggressioni sottolinea: «È necessario ristabilire un rapporto di fiducia con il sistema sanitario, perché molto spesso queste violenze derivano da un giudizio esagerato»

di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

«Alcune questioni sono rimaste in sospeso per l’assenza di un governo. Spero che il nuovo esecutivo dedichi maggiore attenzione alla Sanità». Antonio Saitta, Assessore alla Sanità della Regione Piemonte e Coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni, chiede che il nuovo governo possa occuparsi fin da subito delle grandi questioni che interessano la sanità italiana, rimaste ferme da ormai troppo tempo. A partire dalla necessità di una programmazione, necessaria per far fronte al fenomeno della carenza di medici, per arrivare al tema delle aggressioni al personale sanitario, un problema soprattutto culturale. «Dobbiamo lavorare insieme per spiegare il valore di questa cosa straordinaria che è il Servizio sanitario italiano», spiega Saitta a Sanità Informazione.

Assessore, dal punto di vista delle politiche sanitarie cosa si aspetta dal nuovo governo?

«Sicuramente una maggiore attenzione alla sanità, che deve essere riportata al centro dell’agenda. Trattandosi di servizi che devono essere garantiti a tutti i cittadini, bisogna affrontare alcune questioni che erano rimaste in sospeso per la mancanza di un governo nel pieno dei suoi poteri. A partire dal problema della formazione ai medici specialisti, che sta diventando sempre più serio: oramai in molti ospedali registriamo difficoltà a trovare anestesisti, pediatri, medici di Pronto soccorso, ginecologi. E questa situazione deriva dal fatto che il Ministero della Pubblica Istruzione, che organizza l’offerta formativa delle scuole di specialità, mette a disposizione meno borse di studio rispetto alle necessità: c’è una carenza di 2500 medici, e, considerando che i medici potranno lavorare dopo tre anni di formazione, occorre assumere una decisione velocemente. Questo sarà il primo problema che proporremo al governo, e se non si risolve avremo serie difficoltà a garantire i servizi».

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, SAITTA: «IMPEGNO PER INCREMENTARE LE BORSE DI STUDIO MMG DEL 20%»

Tra l’altro il tema della carenza dei medici riguarda anche i medici di medicina generale, soprattutto nelle aree interne…

«Certamente, oltre a quello dei medici ospedalieri c’è anche il problema dei medici generici. Questo tema va affrontato con un minimo di programmazione. D’altro canto non è complicato capire quando i medici andranno in pensione e non è complicato stabilire quanti medici occorrono per poter garantire il servizio a regime. È tutto prevedibile, e allora si può fare un conteggio abbastanza preciso e in base a questo assumere delle decisioni. E se poi il governo riterrà di non essere all’altezza di questo compito, vuol dire che le Regioni si organizzeranno e regoleranno l’offerta formativa per conto proprio».

Un altro tema rimasto in sospeso è quello del contratto della dirigenza medica. Pensa che ci siano i margini per sbloccare la situazione o questa impasse rimane?

«Noi l’accordo ponte con le Regioni, con le risorse che avevamo accantonato, l’abbiamo fatto. Poi c’è il problema delle risorse aggiuntive, su cui mi auguro che il governo si dia una mossa».

Per concludere, un altro argomento molto caldo è quello delle aggressioni ai medici. Cosa si può fare secondo lei per contrastarle?

«Dall’esperienza che vedo nella mia Regione è chiaro che in alcune aree particolarmente complesse siano necessari telecamere, controlli, allarmi e quant’altro. È chiaro che i medici hanno il diritto di poter lavorare in tranquillità e svolgere serenamente il servizio straordinario che offrono alle nostre comunità. Ma poi è necessario ristabilire un rapporto di fiducia con il sistema sanitario, perché molto spesso queste violenze derivano da un giudizio esagerato. Per carità, non dico che i problemi non esistano, ma c’è anche un problema di carattere culturale e credo che tutti, dagli Ordini dei Medici a quelli degli Infermieri alle Regioni, dobbiamo lavorare insieme per spiegare il valore di questa cosa straordinaria che è il Servizio sanitario italiano».

 

Articoli correlati
Contratto medici, sindacati soddisfatti da incontro Funzione Pubblica, ma per ora scioperi confermati
Un emendamento al decreto Semplificazione, in discussione al Senato martedì 22, posticiperà gli effetti del comma 687 della legge di Bilancio al contratto 2019-2021. Ma rimane il nodo della RIA, su cui c'è il blocco del ministero dell'Economia
Comma 687, Onotri (SMI): «Bisogna abrogarlo e riattivare delega a governo per trattative con personale SSN»
Il segretario generale del sindacato ha incontrato la presidente della Commissione Lavoro del Senato Catalfo: «Abbiamo chiesto di superare con urgenza lo stallo attuale e la convocazione in tempi brevi del tavolo Aran-sindacati. Medici e dirigenti amministrativi non possono stare nello stesso calderone di contrattazione». A margine dell’incontro anche il tema dei medici Inps: «C’è forte volontà politica di arrivare ad un accordo collettivo nazionale in convenzione»
Spot risarcimenti, si schierano le istituzioni:  «Subito il Tribunale della Salute». E la petizione raggiunge le 10mila firme in poche ore
La petizione lanciata da Consulcesi è stata sottoscritta da istituzioni, sindacati e associazioni. Tra i firmatari anche il Presidente della Commissione Salute, il senatore Pierpaolo Sileri. Tortorella: «Basta contrapposizioni, operatori sanitari e pazienti chiedono di poter siglare un nuovo Patto della Salute superando aggressioni e denunce»
Concorsi emergenza-urgenza senza specializzazione, Pugliese (Simeu): «Ok se soluzione tampone, ma con percorso formativo»
Il presidente della Società italiana della Medicina di Emergenza-urgenza sull’emendamento al Dl Semplificazione che prevede la partecipazione ai concorsi 2019 di chi ha lavorato per 4 anni, negli ultimi 10, nei servizi di emergenza: «Non risolve carenza di specialisti ma sana la posizione del singolo medico»
Medici, Fp Cgil: «Governo chiuda subito su rinnovo contratto»
«Il governo chiuda subito il contratto di tutti i Dirigenti del Servizio sanitario nazionale». A chiederlo è la Fp Cgil Nazionale in un Ordine del giorno approvato oggi all’unanimità dal Comitato direttivo che fa chiarezza sull’emendamento 687 della legge di Bilancio che modifica l’accordo quadro del 2016 sulle aree contrattali del pubblico impiego e soprattutto […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano